Home / curiosità / Gli antichi imperatori romani riportati in vita con l’intelligenza artificiale AI e Photoshop di Daniel Voshart

Gli antichi imperatori romani riportati in vita con l’intelligenza artificiale AI e Photoshop di Daniel Voshart

Come un designer ha utilizzato l’intelligenza artificiale e Photoshop per riportare in vita gli antichi imperatori romani


L’apprendimento automatico è uno strumento fantastico per rinnovare vecchie foto e video. Tanto che può persino riportare in vita statue antiche, trasformando i busti di pietra scheggiata di imperatori romani morti da tempo in volti fotorealistici che potresti immaginare camminando per strada.

I ritratti sono la creazione del designer Daniel Voshart, che descrive la serie come un progetto di quarantena che è sfuggito un po ‘di mano. Principalmente specialista di realtà virtuale nell’industria cinematografica, i progetti di lavoro di Voshart sono stati sospesi a causa di COVID-19, e così ha iniziato a esplorare un suo hobby: colorare vecchie statue . Alla ricerca di materiale adatto da trasformare, iniziò a farsi strada attraverso gli imperatori romani. Ha terminato le sue raffigurazioni iniziali dei primi 54 imperatori a luglio , ma questa settimana ha rilasciato ritratti aggiornati e nuovi poster in vendita .

Voshart ha detto a The Verge che aveva originariamente realizzato 300 poster nel suo primo lotto, sperando che sarebbero stati venduti in un anno. Invece, erano spariti in tre settimane e da allora il suo lavoro si è diffuso in lungo e in largo. “Sapevo che la storia romana era popolare e che c’era un pubblico integrato”, dice Voshart. “Ma è stata comunque una sorpresa vedere che è stato raccolto nel modo in cui è stato”.
Per creare i suoi ritratti, Voshart utilizza una combinazione di diversi software e fonti. Lo strumento principale è un programma online chiamato ArtBreeder , che utilizza un metodo di apprendimento automatico noto come rete generativa avversaria (o GAN) per manipolare ritratti e paesaggi. Se navighi nel sito di ArtBreeder, puoi vedere una gamma di volti in stili diversi, ognuno dei quali può essere regolato utilizzando cursori come la schermata di creazione del personaggio di un videogioco.

Voshart ha fornito ad ArtBreeder immagini di imperatori che ha raccolto da statue, monete e dipinti, quindi ha modificato manualmente i ritratti in base alle descrizioni storiche , riportandoli al GAN. “Lavoravo in Photoshop, lo caricavo in ArtBreeder, lo aggiustavo, lo riportavo in Photoshop e poi lo rielaboravo”, dice. “Ciò ha prodotto la migliore qualità fotorealistica ed ha evitato di cadere lungo il sentiero nella valle misteriosa.”

“QUELLO CHE STO FACENDO È UN’INTERPRETAZIONE ARTISTICA DI UN’INTERPRETAZIONE ARTISTICA.”
Voshart afferma che il suo scopo non era semplicemente copiare le statue in carne e ossa, ma creare ritratti che sembrassero convincenti di per sé, ognuno dei quali richiede un giorno per essere progettato. “Quello che sto facendo è un’interpretazione artistica di un’interpretazione artistica”, dice.

Per aiutare, dice che a volte ha inserito nel GAN ​​immagini ad alta risoluzione di celebrità per aumentare il realismo. C’è un tocco di Daniel Craig nel suo Augustus, ad esempio, mentre per realizzare il ritratto di Maximinus Thrax ha alimentato con immagini del lottatore André the Giant. La ragione di ciò, spiega Voshart, è che si pensa che Thrax abbia avuto un disturbo della ghiandola pituitaria in gioventù, dandogli una mascella da lanterna e una struttura montuosa. Ad André the Giant (vero nome André René Roussimoff) è stato diagnosticato lo stesso disturbo, quindi Voshart ha voluto prendere in prestito i lineamenti del lottatore per ispessire la mascella e la fronte di Thrax. Il processo, come lo descrive lui, è quasi alchemico, basandosi su un attento mix di input per creare il prodotto finito.

Una stampa, ora disponibile per l’acquisto, di tutti gli imperatori romani fotorealistici di Voshart. Immagine di Daniel Voshart
Forse sorprendentemente, però, Voshart dice che non era davvero così interessato alla storia romana prima di iniziare questo progetto. Tuttavia, scavare nella vita degli imperatori per creare i suoi ritratti ha cambiato idea. In precedenza aveva respinto l’idea di visitare Roma perché pensava che fosse una “trappola per turisti”, ma ora dice che “ci sono musei specifici che voglio colpire”.

Inoltre, il suo lavoro attira già gli accademici, che hanno elogiato i ritratti per aver dato agli imperatori nuova profondità e realismo. Voshart dice di chattare con un gruppo di professori di storia e dottori di ricerca che gli hanno fornito indicazioni su alcune figure. La scelta del tono della pelle è un’area in cui ci sono molte controversie, dice, in particolare con imperatori come Settimio Severo, che si pensa abbia avuto antenati fenici o forse berberi.

Voshart osserva che, nel caso di Severus, è l’unico imperatore romano per il quale abbiamo un dipinto contemporaneo sopravvissuto, il Severan Tondo , che secondo lui ha influenzato le tonalità della pelle più scure che ha usato nella sua rappresentazione. “Il dipinto è come, voglio dire, dipende da chi chiedi, ma vedo una persona nordafricana dalla pelle scura”, dice Voshart. “Sto introducendo molto il mio tipo di pregiudizi sui volti che ho conosciuto o che ho incontrato. Ma è quello che ho letto in esso. “

Come una sorta di ringraziamento ai suoi consiglieri, Voshart ha persino usato la foto di un assistente professore della USC che assomiglia un po ‘all’imperatore Numeriano per creare il ritratto dell’antico sovrano. E chissà, forse questa interpretazione di Numerian sarà quella che sopravviverà nel corso degli anni. Sarà l’ennesima rappresentazione artistica su cui i futuri storici potranno discutere.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi