Home / Robot / I robot nei Data Center

I robot nei Data Center

Stato attuale dei robot nei data center
 
I data center sono labirinti di rack di server che alimentano la maggior parte di Internet. I data center hyperscale occupano un ampio spazio e il personale del data center ha molte cose di cui occuparsi, come il controllo dei tag del server, la temperatura della stanza, i tubi del refrigerante sotterranei, ecc. Nel mondo esistono fino a 541 strutture di data center iperscalabili, a partire da luglio 2020.

La struttura labirintica del data center è ideale per la robotica di magazzino. Ad esempio, Equinix, che ha più di 100 data center in tutto il mondo, sta aggiungendo 86.000 piedi quadrati (circa 8.000 metri quadrati) di spazio a uno dei suoi campus, raggiungendo le dimensioni di più di sei campi da calcio. Pensa a un robot con un braccio esteso che può muoversi instancabilmente controllando le unità difettose e sostituendole dai rack.

La pandemia dell’anno scorso ha costretto i lavoratori ad andare a distanza o garantire il distanziamento sociale sul posto di lavoro, entrambe le cose possono essere difficili in un data center. 

I robot nei data center non sono un’idea nuova. Ma ci è voluta una pandemia per accelerare l’adozione dei robot nelle operazioni dei data center. Secondo Data Center Dynamics , la pandemia ha costretto gli operatori a esplorare alternative automatizzate per sostituire i lavoratori umani. 

Robot per le faccende del data center
Nel 2011, il Korea Advanced Institute of Science and Technology ha sviluppato SCOUT, un robot che ispezionava i server seguendo i tag NFC. Nel 2013, IBM ha lanciato un robot per il controllo della temperatura nei data center. Il progetto è stato successivamente abbandonato. Tuttavia, tra il 2014 e il 2018, aziende come Facebook e Google hanno potenziato le loro capacità di robotica nei data center. 

I piani di implementazione dei robot della grande tecnologia risalgono al 2013. Ad esempio, gli ingegneri di Facebook hanno costruito tali robot nel 2014, secondo Wired : I robot pick and place potrebbero muoversi su e giù e da un lato all’altro. Inoltre, funziona senza intervento umano. Si dice che ci siano anche alcuni robot su rotaia in queste aziende, in grado di coprire l’intero data center. 

Secondo Joe Kava, VP dei data center di Google, i data center iperscalabili sono più simili a magazzini e la maggior parte dei processi richiede che un robot si sposti in una posizione specifica per eseguire un’attività. L’occupazione orizzontale di questi computer giganti è una questione immobiliare. Grazie ai robot, i data center possono pensare anche al ridimensionamento in direzione verticale.

I robot possono anche essere utilizzati per collegare i dischi rigidi con gli RFID. Le unità possono essere facilmente localizzate, spostate e sostituite dai robot in pochissimo tempo utilizzando questa tecnica di etichettatura. Google utilizza già la stessa tecnica nei data center in cui si trovano gli archivi su nastro e vengono recuperati per il backup dai nastri tramite bracci robotici.

Il Kao Data Center di NVIDIA ad Harlow, nel Regno Unito, ha sviluppato robot di telepresenza che funzionano sulla GPU Jetson di NVIDIA con core Arm. In un’intervista con DCD, Mark Hamilton di NVIDIA ha affermato che avrebbe “assolutamente” utilizzato queste innovazioni post-Covid. “Rende semplicemente più facile per gli specialisti non dover essere ubicati insieme”, ha affermato Hamilton. Nel frattempo, una società chiamata Wave2Wave ha sviluppato uno switch in fibra ottica robotico per automatizzare le implementazioni in fibra. Il robot è in grado di raccogliere i dati di posizione delle porte all’interno dello chassis e di gestire con precisione cavi e giochi.

 

Un tipico data center avrebbe misure di sicurezza stratificate. I data center sono costantemente videosorvegliati (sorvegliati da personale di sicurezza addestrato che effettua anche pattuglie di routine). Tuttavia, l’intera routine è stata bloccata durante la pandemia, spingendo i data center a cercare alternative non presidiate. 

La società di data center Switch ha ideato un robot di sicurezza chiamato SENTRY, un sistema di sicurezza completamente autonomo in grado di navigare da solo, registrare e valutare il proprio ambiente. SENTRY è una macchina da 250 libbre con telecamere a 360 gradi, sensori di calore per scansionare la temperatura dei visitatori e altro ancora. Può salire marciapiedi e scale, consentendo di monitorare sia l’interno che l’esterno del data center. Può anche riconoscere la targa di un’auto.

In un’intervista con la frontiera dei data center, Scott Noteboom, un esperto di data center, ha affermato che i robot possono creare un ambiente di data center completamente ottimizzato per le macchine, senza l’intervento umano. Ha sviluppato agenti di intelligenza artificiale in grado di ascoltare il suono dei generatori per le anomalie. 

 

In TMGcore, un braccio robotico è progettato per sollevare i server e sostituirli con server di backup.

Il più grande driver aziendale per l’implementazione della robotica nel data center è la necessità di maggiori livelli di efficienza. Nel 2018, Google ha lanciato un robot per distruggere il disco rigido, essenzialmente un braccio industriale fisso per raccogliere le unità e metterle nel distruggidocumenti. Ma questo robot non era considerato sicuro per rimuovere le unità dai rack dei server. Alibaba ha quindi affermato di aver sviluppato una versione migliore sotto forma di Tianxun, un robot alimentato dall’intelligenza artificiale in grado di sostituire i dischi rigidi difettosi.

Direzione futura
Con i robot in marcia, i posti di lavoro umani sono a rischio? L’avvento dell’automazione ha reso obsoleti molti lavori. Ma ha aperto nuove carriere. Allo stesso modo, i data center avrebbero ancora bisogno della supervisione umana per la manutenzione dei robot, non importa quanto avanzati siano diventati. Ci sono anche piani per data center a luci spente che possono funzionare senza umani. I robot per data center dovrebbero essere considerati più come un aumento del repertorio di un esperto di data center. Proprio per questo è fondamentale implementare la robotica solo nei giusti tipi di casi d’uso.

C’è poi il tema della sicurezza. In precedenza, un ex lavoratore del data center di Google è stato bloccato al muro dalla macchina automatizzata di Google costruita per sollevare pesanti rack di batterie. Google, in seguito, ha dovuto accantonare il progetto. I robot mostrano una tendenza a deviare dal compito stabilito quando vengono impiegati nel mondo reale. Ipso facto, un robot per data center innocuo, non invadente e ad alte prestazioni rimane un sogno lontano.

Con la proliferazione dell’edge computing, i data center illuminati o i centri non presidiati diventeranno una necessità. E la robotica è destinata a svolgere un ruolo importante nel futuro dei data center.

Inoltre, il data center Cambridge-1 è progettato per ospitare i robot del futuro. I data center non presidiati possono distribuire robot davvero piccoli per svolgere attività. Gli esperti prevedono che possiamo persino avere data center cilindrici posizionati tra edifici che possono ancora funzionare a temperature elevate e a bassi livelli di ossigeno

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi