Home / Economia / I venture capital e gli investimenti nelle società di AI Intelligenza artificiale

I venture capital e gli investimenti nelle società di AI Intelligenza artificiale

Il clima in evoluzione degli investimenti in capitale di rischio per l’IA

Il mondo del venture capital (VC) segue spesso le tendenze generali dei mercati. Quando i social media sono la cosa più importante, gli investitori si affolleranno a tutti i tipi di startup di social media. Lo stesso vale per qualsiasi area di investimento, dalle app mobili ai luoghi di co-working live-work-play e tutto il resto. Lo stesso vale per la prospettiva degli investitori sull’intelligenza artificiale. Quando è diventato chiaro, meno di dieci anni fa, che l’IA era l’ultimo, il posto più caldo per costruire aziende che potevano crescere da piccole startup a enormi uscite dal mercato pubblico delle acquisizioni, la comunità di VC è andata all in.

Negli ultimi anni, è sembrato che il solo accenno all’intelligenza artificiale nel tuo prodotto fosse abbastanza attraente da raccogliere fondi sostanziali. Di conseguenza, le startup di ogni tipo hanno giocato in questa tendenza aggiungendo il gergo AI e ML e le parole d’ordine nei piani aziendali o nel materiale di marketing e raccogliendo più soldi che mai. Eppure, queste aziende stanno effettivamente costruendo soluzioni che il mercato sta cercando e spingendo in avanti l’AI, o stanno semplicemente “lavando AI” le loro offerte altrimenti poco intelligenti?

Ondate di investimenti nell’IA

Siamo già stati qui. In effetti, questa ultima ondata di intelligenza artificiale è la terza grande ondata di ricerca, sviluppo e investimento sull’IA, con le prime due ondate che ruggiscono e si schiantano in quello che divenne noto come AI Winters . Si è discusso molto sul fatto che questa ultima estate dell’IA sarà permanentemente qui per restare, ma possiamo considerare il clima degli investitori come un primo avvertimento per vedere se l’attenzione, l’interesse e le risorse continuano ad essere forti per l’IA o se stiamo già iniziando per vedere i segni di un imminente freddo nel mercato.

Durante la prima ondata di intelligenza artificiale iniziata negli anni ’50, il finanziamento iniziale fu in gran parte fornito dai governi. I governi hanno finanziato gli sforzi di ricerca e sviluppo sull’intelligenza artificiale, ma quando i governi hanno perso interesse, i finanziamenti si sono esauriti e anche i progetti di intelligenza artificiale hanno sostanzialmente fatto altrettanto. Durante la seconda ondata di intelligenza artificiale negli anni ’80 il mercato ha visto anche l’ascesa del venture capitalism. Ciò ha aperto completamente nuove strade per il finanziamento con conseguente aumento della ricerca, progetti e progetti più diversificati.

Questa attuale terza ondata di intelligenza artificiale viene spinta avanti da diversi fattori. Oltre agli investimenti governativi e aziendali, i big data e la potenza di calcolo sfruttati dall’enorme tecnologia basata su cloud combinati con l’emergere di algoritmi di rete neurale di deep learning affamati di dati stanno alimentando l’ultima rinascita dell’IA. Le startup nello spazio AI stanno raccogliendo fondi significativi da società di VC in tutto il mondo.

Tuttavia, le cose sono leggermente diverse con l’IA. Mentre in passato la Silicon Valley era di gran lunga il luogo prediletto dagli investitori per le startup focalizzate sulla tecnologia, il mercato dell’IA è decisamente più globale . Aziende cinesi hanno raccolto somme di denaro da far venire l’acquolina in bocca e start-up “unicorno” vengono fondate ovunque, da Bucarest a Bangalore. Sebbene la Silicon Valley non sia ancora stata rimossa come principale sede per gli investitori, altre località negli Stati Uniti e all’estero stanno sicuramente ponendo sfide significative a tale leadership.


I finanziamenti di rischio nelle società di intelligenza artificiale hanno raggiunto l’incredibile cifra di 61 miliardi di dollari dal 2010 fino al primo trimestre del 2020 . La maggior parte di questi dollari di investimento sono per società con sede negli Stati Uniti o in Cina. Questo investimento è sostenibile? Alcuni direbbero di no.I venture capitalist sono per lo più guidati dal trovare quell’ago dell’unicorno nel pagliaio delle startup, generando rendimenti fuori misura per i loro investitori che compensano le perdite previste nel resto dei loro investimenti. In quanto tale, l’unico modo in cui così tanto denaro verrebbe pompato in questo settore è se il mercato crede che l’IA sia una tecnologia “trasformativa” che rivoluzionerà interi settori e mercati, più o meno allo stesso modo in cui mobile, social, cloud e altri le tecnologie hanno ugualmente sconvolto i loro mercati. Interruzione significa cambiamento. Cambiamento significa opportunità. E dove c’è opportunità, c’è capitale di rischio.

Prospettive da un Venture Capitalist

Le società di venture capital sembrano ancora impegnate nel lungo periodo nei loro investimenti incentrati sull’IA. In un podcast AI Today, John Frankel di ffVC ha condiviso le sue intuizioni sul perché, come il cloud e il mobile, l’IA è qui per restare. John ha fondato ff Venture Capital (ffVC) con il partner Alex Katz nel 2008. L’interesse principale dell’azienda sono le società tecnologiche emergenti che si concentrano su intelligenza artificiale, droni, robotica e sicurezza informatica.


Una pietra angolare della loro strategia è una partnership con la New York University (NYU), con un incubatore istituito per aiutare le startup ad accelerare i loro sforzi di IA. Parte del motivo per cui New York ha avuto una tale forza nelle aziende di intelligenza artificiale è dovuto alla sua combinazione unica di forza finanziaria, ricerca e forza accademica e all’ubicazione delle principali società che possono applicare la tecnologia. L’intelligenza artificiale sta dimostrando il suo valore in molti settori e, in quanto tale, essere in stretta vicinanza a centri finanziari, pubblicitari, assicurativi e altri mercati offre una portata di accesso immediato ai mercati più ampia di quanto possibile anche nella Silicon Valley.

In effetti, le aziende di VC stanno iniziando a spostarsi oltre gli aspetti fantascientifici dell’IA verso le applicazioni più banali nell’industria. In effetti, le VC stanno investendo meno in società “concept” di intelligenza artificiale e più nell’applicazione del machine learning e dell’intelligenza artificiale per trasformare i mercati esistenti dal retail al real estate. Secondo John Frankel, il grande cambiamento che sta vedendo è l’applicazione verticale dell’IA in cui le startup stanno adottando tecnologie già esistenti come il riconoscimento di immagini o voce e la costruzione di applicazioni specifiche del settore e dell’impresa.

John offre un po ‘di consiglio quando si tratta di investitori o aziende che saltano nelle onde dell’IA. Dice che a questo punto è un po ‘tardi per investire nella tecnologia infrastrutturale sottostante a meno che non ci sia una grande rivoluzione nella tecnologia fondamentale di quella società. I grandi operatori storici dispongono di risorse significative che stanno applicando per sostenere nei mercati. Sottolinea che l’intelligenza artificiale dovrebbe essere vista come un modo per migliorare o costruire su ciò che avevamo piuttosto che una strategia sostitutiva per cose che non funzionano. Sebbene ci sarà un cambiamento importante in alcune aree come il tipo di lavoratori necessari o di prodotti che vengono venduti, in ultima analisi la tecnologia verrà utilizzata per arricchire le esperienze quotidiane dei clienti e dei cittadini e non necessariamente semplicemente riempire le tasche di pochi investitori tempestivi e ben posizionati.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi