Il nuovo direttore del Joint Artificial Intelligence Center (JAIC), Nand Mulchandani, ha tenuto la sua prima conferenza stampa del Pentagono l’8 luglio, dove ha esposto cosa ci aspetta per il JAIC e come si stanno svolgendo i progetti attuali.

La conferenza stampa arriva due anni dopo che Google ha ritirato il progetto Maven, noto anche come team interfunzionale Algorithmic Warfare. Secondo il Pentagono, il progetto lanciato nell’aprile 2017 mirava a sviluppare “algoritmi di visione artificiale necessari per aiutare gli analisti militari e civili gravati dal volume di dati video full motion che DOD raccoglie ogni giorno a sostegno della controinsurrezione e dell’antiterrorismo operazioni “.

Uno dei principali obiettivi del Pentagono era la realizzazione di algoritmi in “sistemi di combattimento” entro la fine del 2017.

La proposta è stata accolta da una forte opposizione , tra cui 3.000 dipendenti di Google che hanno firmato una petizione per protestare contro il coinvolgimento dell’azienda nel progetto.

Secondo Mulchandani, questa dinamica è cambiata e il JAIC sta ora ricevendo supporto da aziende tecnologiche, tra cui Google.

“Abbiamo avuto un enorme supporto e interesse da parte dell’industria tecnologica nel lavorare con il JAIC e il DoD”, ha affermato Mulchandani. “[Abbiamo] contratti commerciali e lavori in corso con tutte le principali aziende tecnologiche e di intelligenza artificiale – tra cui Google – e molti altri.”

Mulchandani si trova in una posizione molto migliore rispetto al suo predecessore, il tenente generale Jack Shanahan, quando si tratta del rapporto tra JAIC e Silicon Valley. Shanahan ha fondato il JAIC nel 2018 e ha avuto una stretta relazione con l’industria tecnologica, mentre Mulchandani ha trascorso gran parte della sua vita come parte di esso. Ha co-fondato e guidato diverse aziende startup.

Il JAIC 2.0
Il JAIC è stato creato nel 2018 con particolare attenzione alle aree a basso rischio tecnologico, come i soccorsi in caso di calamità e la manutenzione predittiva. Ora, con l’avanzamento di questi progetti, è in corso un lavoro per trasformarli in produzione.

Definito JAIC 2.0, il nuovo piano include sei iniziative di missione che sono tutte in corso, tra cui operazioni congiunte di combattimento bellico, salute dei combattenti, trasformazione dei processi aziendali, riduzione e protezione delle minacce, logistica congiunta e la più recente, guerra congiunta delle informazioni. L’ultima aggiunta include operazioni informatiche.

L’attenzione è ora rivolta alla missione congiunta delle operazioni di guerra, che adotta le priorità della strategia nazionale di difesa in relazione ai progressi tecnologici nell’esercito degli Stati Uniti.

Il JAIC non ha delineato molti dettagli sul nuovo progetto, ma Mulchandani lo ha definito “AI tattico” e ha affermato che sarà controllato completamente dagli umani.

Mulchandani ha risposto a una domanda di un giornalista in merito alle dichiarazioni del generale Shanahan come direttore sull’applicazione letale di IA entro il 2021, che “potrebbe essere la prima IA letale nel settore”.

Ecco come ha risposto:

“Non voglio iniziare a smarrire questioni di autonomia e letalità contro letale – o letalità stessa. Quindi sì, è vero che molti dei prodotti che lavoriamo andranno nei sistemi d’arma. “

“Nessuno di loro in questo momento sarà un sistema d’arma autonomo. Siamo ancora governati dal 3000.09 , quel principio rimane ancora intatto. Nessuna delle opere o qualsiasi cosa che il generale Shanahan possa aver menzionato attraversa quel periodo di linea. “

“Ora abbiamo progetti in corso in Joint Warfighting, che verranno effettivamente testati. Sono un vantaggio molto tattico. L’intelligenza artificiale è il modo in cui la descrivo. E quel lavoro verrà testato, in realtà è un lavoro molto promettente, ne siamo molto entusiasti. È – è uno dei, mentre ho parlato del perno dalla manutenzione predittiva e altri al Joint Warfighting, questo è il – probabilmente il prodotto di punta a cui stiamo pensando e di cui stiamo parlando uscirà. ”

“Ma coinvolgerà, sapete, operatori, umani nel giro, pieno controllo umano, tutte queste cose sono ancora assolutamente valide.”

Altri progetti
Nella sua dichiarazione, Mulchandani ha anche parlato dell’enorme potenziale di utilizzo dell’IA in capacità offensive come la sicurezza informatica.

“Puoi leggere le notizie in termini di ciò che i nostri avversari stanno facendo là fuori e puoi immaginare che ci sia molto spazio per la crescita in quella zona”, ha detto.

Mulchandani ha rivelato cosa sta facendo il JAIC in merito alle sfide poste dalla pandemia di COVID-19, attraverso un recente contratto da 800 milioni di dollari con Booz Allen Hamilton e Project Salus. JAIC ha sviluppato una serie di algoritmi per le unità NORTHCOM e della Guardia Nazionale per prevedere le sfide delle risorse della catena di approvvigionamento.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi