Il metaverso si sta dirigendo verso il posto di lavoro
 

Il metaverso non è una moda passeggera; In effetti, probabilmente arriverà in un posto di lavoro vicino a te e alcuni pezzi delle fondamenta sono già lì.

Ciena ha recentemente commissionato un rapporto per comprendere meglio i sentimenti dei professionisti aziendali sul metaverso sul posto di lavoro. Ciò che ha scoperto è che l’appetito per il metaverso era più vorace di quanto avremmo potuto prevedere. Dei 15.000 professionisti aziendali intervistati in tutto il mondo, più di tre quarti (78%) ha affermato che parteciperebbe a esperienze più coinvolgenti come il metaverso rispetto a strumenti attuali come la videoconferenza.

 
Utilizzo dell’intelligenza artificiale per potenziare piattaforme senza codice e semplificare il lavoro – Summit Low-Code/No-Code
È interessante notare che l’87% dei professionisti aziendali ha confermato che si sentirebbe a proprio agio nel condurre riunioni di risorse umane in uno spazio virtuale; Il 71% dei professionisti vede il metaverso diventare parte delle pratiche di lavoro esistenti; e il 40% pensa che la propria attività si sposterà dall’ambiente di collaborazione tradizionale/statico a un ambiente più coinvolgente e basato sulla realtà virtuale nei prossimi due anni.

Ciò potrebbe essere stato guidato dalla pandemia, che ha accelerato il passaggio al lavoro da casa e alle riunioni tramite soluzioni di teleconferenza. Il risultato è stato che le persone un tempo contrarie alle riunioni remote ora credono nei guadagni di produttività forniti da queste tecnologie.

 

Ma se le soluzioni di teleconferenza fino ad oggi hanno fornito la comodità di cui molti di noi sono contenti, perché le persone sono così disposte a immergersi ulteriormente nel metaverso?

 
Il metaverso sul posto di lavoro: oltre il 2D
È perché le applicazioni sviluppate per il metaverso offrono al mondo degli affari un miglioramento rinfrescante rispetto alle soluzioni attuali. Consentono un’esperienza coinvolgente, un metaverso sul posto di lavoro, che assicura che le riunioni remote diventino interattive.

Dipende dall’immersione e dalla capacità di andare oltre le interazioni 2D in un ambiente interattivo. Questo è qualcosa come la fusione dell’interazione di persona e della teleconferenza per diventare qualcosa di intermedio e qualcosa di semplicemente più interessante.  

 
A questo proposito, quando si tratta di selezionare il proprio avatar per il mondo virtuale, il 35% dei professionisti aziendali sceglierebbe un avatar che rifletta se stesso nel mondo reale, il 22% sceglierebbe una versione idealistica e solo il 10% sceglierebbe una figura della cultura pop. .

Chiaramente, il metaverso offre alle persone una scelta su come interagire con gli altri e su come presentarsi. Un ambiente 2D si trasforma in uno spazio virtuale a 360 gradi che offre possibilità illimitate. Significa che i giorni in cui i filtri per gatti ostinatamente non si spegnevano potrebbero diventare un ricordo del passato, con il metaverso che ci consente di presentare in uno spazio virtuale immersivo privo di distrazioni dal mondo esterno.

Larghezza di banda: il fondamento della meta-vita
 
Ma la linfa vitale di queste applicazioni è la larghezza di banda. Senza reti affidabili, il peso dell’ambiente virtuale potrebbe crollare. Affinché il metaverse sia un’opzione veramente praticabile, la larghezza di banda deve essere coerente e consentire a grandi quantità di traffico di attraversare rapidamente le reti WAN riducendo al minimo la latenza.

Per molti intervistati, questa è una preoccupazione che potrebbe smorzare le loro prospettive per il metaverso sul posto di lavoro, con il 38% degli intervistati che esprime preoccupazione per il fatto che le loro attuali reti non sarebbero in grado di gestire il carico aggiuntivo. In effetti, l’affidabilità della rete è una preoccupazione maggiore rispetto alla convinzione che applicazioni/strumenti immersivi non siano ancora ampiamente disponibili.

La preoccupazione è fondata, in particolare se si considera che con la flessibilità del lavoro da casa (WFH) ora parte integrante di qualsiasi posto di lavoro, le reti residenziali e il 5G dovrebbero gestire gran parte del pesante sollevamento della larghezza di banda. Se non ci riescono, il metaverso potrebbe diventare una seccatura glitch che le aziende scartano come un simpatico giocattolo che non era abbastanza robusto per un uso mission-critical.

 
Fornitori di servizi che soddisfano le esigenze di domani
I fornitori di servizi stanno già anticipando le richieste aggiuntive e stanno investendo molto in nuove architetture e tecnologie di rete che consentano più traffico sulle loro infrastrutture esistenti. I fornitori stanno migliorando sempre più le proprie reti con la tecnologia di automazione e intelligenza artificiale (AI) , resa possibile dalla combinazione di analisi e funzionalità software programmabili che li rendono adattivi.

Una rete programmabile virtuale adattiva può identificare un guasto e ripararsi autonomamente, senza la necessità di un tecnico. Può attingere risorse (calcolo, archiviazione, larghezza di banda) da aree sottoutilizzate per accelerare altre parti del metaverso vedendo un aumento dell’attività e ripristinare automaticamente quando necessario.

 
Inoltre, con il posto di lavoro ora ovunque e ovunque, le riunioni del metaverso devono funzionare senza problemi da qualsiasi luogo l’utente acceda. I caffè e le case ai margini della città sono ora effettivamente gli uffici di domani. Allo stesso modo, gli operatori di rete stanno investendo sempre più nella creazione di un facile accesso alle capacità di edge computing per ridurre la latenza della rete e migliorare l’affidabilità ai margini della rete.

Sebbene i professionisti aziendali possano essere preoccupati per l’affidabilità delle reti da cui dipendono, il loro pessimismo potrebbe essere mal riposto poiché i fornitori di servizi stanno anticipando le esigenze delle reti di domani. Man mano che quella percezione svanisce, sarà sostituita da una realtà (virtuale) in cui ci incontriamo sotto forma di avatar in un ambiente immersivo, e forse prima di quanto le persone abbiano mai immaginato.

Steve Alexander, Ciena@Cien

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi