Come il COVID-19 ha cambiato la prognosi del metaverso sanitario
 
Il dottor Justin Barad ricorda le volte in cui lui o i suoi colleghi eseguivano rapide ricerche su Google nel mezzo di una procedura come aggiornamento o per disossare un intervento chirurgico che non avevano mai eseguito prima.

Oppure, chiedendogli di valutare la sua competenza chirurgica giocando al classico gioco “Operazione” (per la cronaca, ha potuto farlo senza farsi ronzare). 
Questi sono solo un paio di esempi che sottolineano il fatto che la realtà estesa (XR), la realtà virtuale (VR) e la realtà aumentata (AR) sono “incredibilmente fondamentali e più importanti che mai” nel settore sanitario, ha affermato. 

Tuttavia, non ci siamo ancora del tutto.

 

In che modo la tecnologia può essere implementata nel settore sanitario con il minimo disturbo? In che modo le autorità di regolamentazione possono favorire l’adozione? In che modo gli esperti sanitari possono identificare le piattaforme più preziose?

Queste sono le principali barriere e ostacoli, come identificati da Barad e colleghi in una tavola rotonda all’evento virtuale MetaBeat di questa settimana . 

Con XR, VR e AR “il potenziale è illimitato. L’immaginazione si scatena”, ha detto Barad. 

“Questo crea una sfida perché sembra davvero che tutto sia possibile, ma renderlo possibile può richiedere molto lavoro e devi davvero essere concentrato per eseguire e ridimensionare una tecnologia, specialmente nel settore sanitario”.

La pandemia ha cambiato tutto (nel bene e nel male)
Il COVID-19 ci ha spinto in un mondo virtuale e le persone si sono rese conto che l’assistenza sanitaria virtuale non è solo possibile, ma vantaggiosa, ha affermato Amy Raimundo, amministratore delegato di Kaiser Permanente Ventures . 

Ora è una questione di pragmatismo, ha affermato: come la tecnologia può portare a risultati ed efficienze di qualità migliori.

“Non lo pensiamo in termini di metaverso , lo pensiamo in termini di come la tecnologia può aiutarci a abilitare l’educazione virtuale, la collaborazione virtuale”, ha affermato Raimundo.

XR, VR e AR possono aumentare l’efficienza dei processi ripetibili nel settore sanitario e consentire la formazione su larga scala, ha affermato. E gli operatori sanitari stanno iniziando a utilizzare la realtà virtuale negli studi clinici e in alcuni trattamenti, quindi è passato oltre il concetto di “oggetto luminoso e brillante” a uno strumento che può essere messo a frutto. 

 
“Stiamo davvero vedendo applicazioni pratiche, al contrario di ciò che può accadere”, ha affermato Raimundo. 

Bradley Tusk, cofondatore e socio amministratore di Tusk Venture Partners , è d’accordo, sottolineando il fatto che i medici hanno adottato le visite virtuali come pratica regolare. Il prossimo passo: eseguire effettivamente procedure come scansioni CAT e raggi X con VR. 

“Negli ultimi anni abbiamo assistito a importanti e importanti progressi nella salute digitale, in molti modi grazie a COVID – è strano dire mai ‘Grazie a COVID’ – ma ha davvero reso la proposta di valore molto più chiara per i professionisti medici , consumatori, autorità di regolamentazione e ha portato a un’accettazione più diffusa”, ha affermato Tusk. 

La necessità di un metaverso sanitario
Barad, che ha lanciato la piattaforma di formazione chirurgica virtuale Osso nell’ottobre 2016, ha sottolineato la criticità della formazione medica. Ci sono 1,1 milioni di chirurghi nel mondo e 300 milioni di interventi chirurgici vengono eseguiti ogni anno, ha affermato. 

ANNUNCIO
Ma la formazione può mancare. Ha identificato tre fattori chiave che contribuiscono a questo: la chirurgia moderna è complicata (la robotica e le tecniche minimamente invasive richiedono molto più tempo per essere apprese), l’industria non dispone di metodi per valutare la competenza chirurgica e, in particolare, c’è semplicemente troppo da imparare. 

“L’accelerazione della scienza e della tecnologia ci sta diffondendo troppo”, ha affermato. “Siamo passati dalla lavanderia francese alla Cheesecake Factory; non puoi fare tutto bene”.

In particolare in campo medico, la formazione non è solo leggere libri o guardare video; richiede coordinamento, collaborazione e prove collettive, ha affermato. Con la realtà virtuale, i professionisti del settore medico possono allenarsi in remoto come una squadra. 

“Non si tratta solo di connetterci digitalmente, ma ci permette di essere presenti insieme”, ha affermato Barad.

 
Non una mentalità da ‘muoviti velocemente e rompi le cose’
Tuttavia, uno dei principali ostacoli è la spesa, e non è necessariamente la tecnologia stessa, ma l’implementazione, ha affermato Raimundo. 

Ha descritto l’assistenza sanitaria come un sistema complesso di persone altamente qualificate che “lavorano insieme in una sinfonia”. Quando una nuova tecnologia interrompe questo, mettendolo stonato, se vuoi, deve essere giustificato. 

“L’interruzione dell’assistenza sanitaria non è una buona cosa”, ha detto. 

Le nuove tecnologie devono essere introdotte in modo ponderato e considerare la distribuzione e i flussi di lavoro, ha affermato. Anche ottenere il consenso e creare fiducia intorno a queste tecnologie è fondamentale. Una volta che riesci a superare quella curva, sembra solo naturale e razionale. 

ANNUNCIO
La medicina stessa cambia continuamente, quindi gli esperti devono restringere il campo in cui le tecnologie possono fare la differenza. “Il mantra di ‘muoviti velocemente e rompi le cose’ non funziona nel settore sanitario”, ha affermato Raimundo. 

Tusk ha anche sottolineato l’importanza del supporto delle autorità di regolamentazione. Durante il COVID, le autorità di regolamentazione hanno agito nel migliore interesse della popolazione generale “per una volta”, ha affermato, rinunciando alle restrizioni sulle licenze statali e consentendo la consegna di sostanze controllate per posta. 

“Questa è una buona cosa”, ha detto. “Stiamo fornendo cure migliori, cure più convenienti alle persone”. 

Ma ora, il protezionismo si sta insinuando di nuovo. Ha detto di essersi seduto con i regolatori su entrambe le estremità dello spettro – e mentre sulla maggior parte dei punti sono in enorme disaccordo, sono unificati su questo fronte. Affinché l’adozione della tecnologia abbia successo in futuro, è necessario affrontare gli interessi radicati. L’industria e le autorità di regolamentazione devono anche essere consapevoli del fatto che i cattivi attori in aree non correlate all’assistenza sanitaria potrebbero scoraggiare l’adozione di un metaverso sanitario. 


Così possono anche le aziende di cui le persone sono scettiche, come Meta , che, come descritto da Barad, ha “quintuplicato” il suo uso dell’AR. 

In definitiva, come ha detto lui: “Stiamo solo grattando la superficie della profondità dei casi d’uso”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi