Home / curiosità / Il nuovo doodle di Google usa l’intelligenza artificiale consente agli utenti di creare la propria musica utilizzando l’apprendimento automatico per armonizzare le melodie

Il nuovo doodle di Google usa l’intelligenza artificiale consente agli utenti di creare la propria musica utilizzando l’apprendimento automatico per armonizzare le melodie

Il nuovo doodle di Google apre un dibattito sull’IA nella musica

In onore del compleanno di Johann Sebastian Bach, che sarebbe il suo 333esimo, Google ha creato un Doodle AI sulla homepage della loro ricerca per onorarlo e celebrare la tecnologia moderna.

Creato dai team Magenta e PAIR di Google, Doodle consente agli utenti di creare la propria musica utilizzando l’apprendimento automatico per armonizzare le melodie. Magenta è stato responsabile dell’aspetto di machine learning del progetto mentre PAIR ha creato la possibilità di utilizzarlo nel browser web. Il modello di machine-learning, chiamato Coconet, analizzò 306 armonizzazioni corali originali di Bach, così fu in grado di creare una melodia armonizzata con le note dell’utente.

Questo apre la strada al dibattito sull’IA nella musica e se possa o meno creare musica come un essere umano e cosa significhi per gli artisti del settore. Molti dibattiti sono emersi attorno a questo problema quando si tratta di AI che fa parte dell’industria musicale e dell’autenticità di esso.

Questa è la prima immersione di Google nell’IA e nella musica, ma sono lontani dall’essere il primo. È stata una pratica sin dagli anni ’90 quando David Bowie ha contribuito allo sviluppo di un’app chiamata Verbasizer . L’app ha preso materiale di origine letteraria riordinando a caso le parole per trasformarle in testi. Ora ci sono molte piattaforme per utenti che aiutano le persone a creare musica con l’intelligenza artificiale. Uno di questi è Amper . Secondo il loro sito, “Amper Score ™ consente ai team aziendali di comporre musica personalizzata in pochi secondi e recuperare il tempo speso a cercare attraverso la musica di serie. Sia che tu abbia bisogno di musica per un video, un podcast o un altro progetto, l’IA creativa di Score rende rapidamente la musica che si adatta allo stile, alla lunghezza e alla struttura che desideri. “

La maggior parte dell’intelligenza artificiale per la produzione musicale utilizza reti neurali modellate sull’apprendimento automatico di un vasto numero di spartiti musicali. L’algoritmo analizza i pattern delle note e il modo in cui si relazionano tra loro e quanto spesso le note vanno insieme. Il sistema può quindi produrre melodie e accordi, come il Google Doodle, e trasformarlo in musica.

Il sistema di Amper in realtà non usa le reti neurali e invece utilizza le regole della teoria musicale per riconoscere quale musica scatena le emozioni invece di riconoscere i punteggi musicali. Quindi usa quell’algoritmo per produrre tracce. Ne esce un nuovo genere musicale che alcuni chiamano “AI pop”.

Ecco una di quelle canzoni che provengono da questa IA:

Anche se non sarà presto una Top 100, sicuramente non è lontano dall’essere qualcosa che potrebbe colpire i media mainstream alla fine. Dato che molte industrie hanno espresso preoccupazione per l’IA che ha assunto un lavoro, la musica non è diversa. Tuttavia, come molte altre conclusioni sull’argomento, la probabilità che l’intelligenza artificiale diventi completamente padrone della musica è molto improbabile. Le probabilità sono che diventerà uno strumento nel settore per ottimizzare la musica e migliorare la qualità.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi