Home / Intelligenza artificiale pericolo / Il pericolo della IA Intelligenza artificiale : la profilazione psicografica con la neurolinguistica otteniamouna AI che conosce la tua personalità e il tuo comportamento

Il pericolo della IA Intelligenza artificiale : la profilazione psicografica con la neurolinguistica otteniamouna AI che conosce la tua personalità e il tuo comportamento

Losing My Humanity: Life Inside The Machine Bubble


Viviamo tutti dentro una bolla . Non solo una bolla Covid-19 ma una bolla di spazio personale. È natura umana fondersi con persone, notizie e attività che la pensano allo stesso modo. Ad esempio, ricordi le cricche delle scuole superiori ? Allora perché l’umanità non si è trasformata in automi di pensiero di gruppo … almeno non ancora? Esposizione. Le persone scoprono cose nuove attraverso esperienze diverse, incontrando (o ascoltando) nuove persone e venendo persuasi a nuove attività. Attraverso la diversità, le persone possono espandere la loro bolla personale. Sfortunatamente, in un mondo sempre più polarizzato, le bolle delle persone si stanno contraendo e uno dei maggiori colpevoli è l’intelligenza artificiale (AI).

Hai mai notato che le pubblicità su Internet sembrano essere stranamente connesse a qualcosa che stavi solo cercando, a un interesse frequente o a un modello di comportamento che hai? Non è una coincidenza Il marketing digitale si concentra come un laser sul marketing personalizzato. Inoltre, usano l’IA e l’apprendimento automatico dal 2014 per realizzarlo. Considera il sistema Deep Text di Facebook . Questa IA è addestrata a leggere i post degli utenti per comprendere gli interessi specifici di una persona. Imparando questo, l’ intelligenza artificiale di Facebook può servire ogni contenuto dell’utente che ritiene piacerà alla persona , non ciò che gli amici penseranno che piacerà alla persona. Allo stesso modo, IBM Watson ha una suite di prodotti come IBM Predictive Audiences e IBM Watson Ads orientati alla pubblicazione di annunci specifici che la persona vorrà. In effetti, l’IA sta spingendo i contenuti che pensa che una persona vorrà vedere, e serve solo questi contenuti, nient’altro. (Senti che la bolla si contrae?)


Questo uso dell’IA impiega la profilazione psicografica , che consente di comprendere i comportamenti di una persona come i suoi hobby, opinioni, tratti della personalità e persino la loro appartenenza politica. Ora le pubblicità sono all’altezza, ma che ne dici di AI che pubblicano articoli di notizie? Considera Bloomberg, utilizza un sistema di intelligenza artificiale chiamato Cyborg per generare circa un terzo dei suoi articoli . Facciamo un ulteriore passo avanti quando il Washington Post ha un reporter di robot chiamato Heliografche ha riguardato le notizie sportive in politica. Inoltre, il Washington Post utilizza il geo-targeting e l’intelligenza artificiale per inviare articoli specifici a persone specifiche. È iniziato con il tentativo di fornire più contenuti locali. Tuttavia, come hanno appreso tutti i feed di notizie, maggiore è il numero di dati acquisiti su un lettore, tanto più è possibile scegliere quali articoli includere nel feed di notizie di quella persona. Se sembra che la maggior parte delle notizie sia esattamente ciò che vuoi sentire, allora l’IA sta facendo il suo lavoro in modo efficace e la nostra esposizione a diversi punti di vista sta diminuendo…. e la bolla si restringe.

Ora, uniamo la profilazione psicografica al potere della neurolinguistica e abbiamo un sistema di intelligenza artificiale che conosce la tua personalità e il tuo comportamento, nonché le parole giuste per connetterti con te a un livello molto profondo. Immagina di essere su una chiamata Zoom. Alla fine, ricevi un rapporto che ti dice in che modo ogni persona apprende, quali cose si preoccupano di più, quali parole usare e su quali elementi concentrarsi per creare la connessione più forte con ogni persona. Sembra uno strumento molto potente, giusto? Bene, esiste già. Cyrano.ai ha creato un plug-in Zoomche utilizza il proprio motore di intelligenza artificiale per fare esattamente questo. Come afferma Scott Sandland, CEO di Cyrano.ai, “La lingua è un comportamento. È un vero punto di dati esternalizzato che condivide i tuoi pensieri più intimi con gli altri. Sulla base delle tue azioni passate, il calcolo su larga scala può presentare, come utente, un’esperienza che solo tu puoi avere. ” Ora, non solo possiamo fornire i giusti contenuti o consigli sulla connessione, ma possiamo anche scrivere gli articoli di notizie, la copia dei contenuti o persino la comunicazione umana per abbinare la tua bolla specifica.


Il problema è se stiamo usando l’IA per abbinare la bolla di una persona, allora dov’è l’opportunità per ognuno di noi di far crescere le nostre bolle? Se le nostre esperienze, l’incontro (o l’ascolto) con nuove persone e nuove attività sono ora abbinati alle nostre bolle, quando l’IA ci sta dando nuove cose o diversità? Bene, l’IA, come tutta la tecnologia, è solo uno strumento. L’impatto per aiutare o ferire è solo su come scegliamo di usarlo. Se non utilizziamo attivamente l’IA per fornire diversità, la macchina non lo farà. L’intelligenza artificiale non ci sta mettendo in una “bolla della macchina”, si limitano a soddisfare le nostre bolle esistenti. Se vogliamo interrompere questo ciclo, dobbiamo guardare oltre gli strumenti e cercare chi li sta maneggiando. Pensa se decidessimo di usare l’IA per presentare opinioni diverse a persone o articoli di notizie che forniscono punti di vista multipli e diversi. Cosa accadrebbe se gli strumenti di intelligenza artificiale fossero forniti per fornire attività o connessioni che erano solo al limite della nostra zona di comfort? La maggior parte delle persone probabilmente ci proverebbe, e quindi imparerebbe e crescerebbe. Questo espanderebbe le nostre bolle.

Non dobbiamo perdere la nostra umanità. In effetti, possiamo migliorare la nostra umanità utilizzando le macchine per aiutarci a espandere le nostre bolle. Siamo sulla cuspide di Humanity 2.0 . Usiamo la profilazione psicografica e la neurolinguistica

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi