Dentro la tecnologia che cambierà per sempre FIFA
Si basa sulla tecnologia di tracciamento degli arti, o come alcuni la chiamano, tecnologia di tracciamento scheletrico.
 
Quando Raheem Sterling del Manchester City ha segnato un gol al 94° minuto contro il Tottenham Hotspur nei quarti di finale di UEFA Champions League 2019/20, lo stadio è esploso quando il City era a pochi secondi dalla qualificazione alle semifinali. 

Tuttavia, il gioco è stato interrotto quando VAR (Video Assistant Referee) è intervenuto per rivedere un possibile fuorigioco. Dopo un ritardo nervoso di quasi cinque minuti, il VAR ha concluso che l’attaccante del Manchester City Sergio Aguero era in posizione di fuorigioco nella preparazione alla porta. Di conseguenza, il Manchester City è stato eliminato dalla Champions League.

 
Il VAR è ancora relativamente nuovo nel calcio e presenta una serie di limiti. Prima di tutto, interrompe il flusso del gioco e, in secondo luogo, alcune decisioni del VAR sono state controverse.

Il fuorigioco è un aspetto importante del gioco e il VAR è necessario per il calcio in quanto rende il gioco più equo. Se la tecnologia fosse stata presente qualche decennio fa, l’obiettivo della “Mano di Dio” di Maradona non sarebbe stato consentito.

 

L’International Football Association Board (IFAB) ha in programma di introdurre una tecnologia basata sull’intelligenza artificiale e sull’analisi dei dati per affrontare i limiti del VAR. Abbiamo potuto assistere all’introduzione della tecnologia nella prossima Coppa del Mondo FIFA 2022. 

Il VAR supportato dall’IA è qui

Dalla sua introduzione nel 2018, abbiamo assistito a proteste in più campionati europei contro il VAR. Inoltre, anche i tifosi di calcio si sono rivolti ai social media per contestare il VAR. E l’IFAB ha colto il suggerimento.

 

Il più grande vantaggio di questa tecnologia basata sull’intelligenza artificiale è che è veloce e non interrompe il flusso del gioco, che è stata una delle maggiori lamentele sull’attuale VAR.

L’IA creerà modelli 3D della posizione del giocatore in tempo reale e aiuterà l’arbitro a vedere quale parte del corpo è più avanti e ad effettuare la giusta chiamata per il fuorigioco. “Si basa sulla tecnologia di tracciamento degli arti, o come alcuni la chiamano, la tecnologia di tracciamento scheletrico. Lo chiamiamo fuorigioco semiautomatico perché è ancora, alla fine, il VAR che deve convalidare e confermare la linea di fuorigioco proposta e il kick point proposto che esce dal software, quindi il VAR informa l’arbitro in campo su la decisione.

“È un sistema basato su telecamera. Installiamo da 10 a 12 telecamere all’interno dello stadio sotto il tetto. Queste telecamere seguono i giocatori e tracciano fino a 29 punti dati a 50 volte al secondo, e questi dati vengono quindi elaborati e calcolati quasi in tempo reale dall’IA, che vengono inviati automaticamente al VAR e all’operatore di replay. Ha affermato Johannes Holzmuller, direttore della tecnologia e dell’innovazione del calcio.


Gli arbitri possono guardare l’immagine generata dall’IA e sapere subito se un giocatore è in fuorigioco; tuttavia, la decisione finale sarà presa dall’arbitro.

La FIFA ha trascorso gli ultimi due anni a testare la tecnologia per prepararla prima della Coppa del Mondo in Qatar. La tecnologia è stata testata alla Coppa del Mondo per club FIFA all’inizio di quest’anno. Inoltre, la FIFA ha implementato la tecnologia nel calcio giovanile nei Paesi Bassi, in Italia e in Svezia. 

Pierluigi Collina, responsabile arbitrale della FIFA, ha approvato la tecnologia. Ha detto che l’obiettivo è ottenere precisione e decisioni più rapide. Analizzando le partite in cui la tecnologia è stata sperimentata, Collina ritiene che gli obiettivi siano stati raggiunti.

La tecnologia è molto simile alla tecnologia della linea di porta che è stata ben accolta. Collina si aspetta reazioni simili anche per il VAR semiautomatico.

Secondo quanto riferito, la Premier League sta anche valutando l’implementazione di questa tecnologia dalla stagione 2023-24 in poi, a seconda di come si svolgerà in Qatar.


L’IA per contrastare l’incitamento all’odio

In un rapporto indipendente , la FIFA ha affermato di aver utilizzato l’IA per tracciare oltre 406.987 post su Twitter e Instagram durante le semifinali e le fasi finali di UEFA EURO 2020 e CAF African Cup of Nations 2021.

Il rapporto ha rilevato che oltre il 55% dei giocatori che hanno partecipato a entrambe le competizioni ha ricevuto una qualche forma di abuso discriminatorio, con gran parte di tale abuso proveniente dalla nazione di origine dei giocatori. I commenti omofobi (40%) e razzisti (38%) hanno rappresentato la maggior parte degli abusi.

“Il nostro dovere è proteggere il calcio, e questo inizia con i giocatori che portano così tanta gioia e felicità a tutti noi con le loro imprese sul campo”, ha affermato il presidente della FIFA Gianni Infantino. FIFA e FIFPRO utilizzeranno l’IA per scansionare e filtrare l’incitamento all’odio sulle piattaforme dei social media.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi