Gli atleti raggiungono le massime prestazioni con la tecnologia 3D e AI di Intel

L’attenzione che circonda gli sviluppi nelle tecnologie di intelligenza artificiale (AI) per quanto riguarda lo sport è spesso trascurata, ma ha il potenziale per cambiare drasticamente l’esperienza di un atleta.

Uno di questi recenti sviluppi proviene da Intel, che ora ha la sua tecnologia 3D Athlete Tracking (3DAT) pilotata da EXOS, uno dei leader nel progresso delle prestazioni umane. La nuova tecnologia mira a formare aspiranti atleti professionisti per massimizzare le loro capacità di prestazione utilizzando l’intelligenza artificiale per ottenere informazioni su importanti fattori che coinvolgono lo sprint, come velocità, accelerazione e biometria.

Monica Laudermilk è vicepresidente della ricerca presso EXOS.

“Le metriche che prima non erano misurabili ad occhio nudo vengono ora rivelate con la tecnologia 3DAT di Intel”, ha affermato Laudermilk. “Siamo in grado di prendere queste informazioni, sintetizzarle e trasformarle in qualcosa di tangibile per i nostri allenatori e atleti. È un punto di svolta quando il più piccolo aggiustamento può portare a risultati reali e di grande impatto per i nostri atleti “.

Nuove informazioni da dati precedentemente inaccessibili
Uno degli aspetti chiave del 3DAT è che consente ad allenatori e atleti di accedere a dati precedentemente inesistenti o inaccessibili, che forniscono quindi informazioni cruciali sulle prestazioni. La tecnologia si basa su video semplici per fornire analisi scheletriche accurate e metriche delle prestazioni, consentendo una visione profonda del corpo durante la performance.

Ashton Eaton è ingegnere per lo sviluppo del prodotto nel gruppo tecnologico olimpico di Intel. È anche due volte medaglia d’oro olimpica nel decathlon.

“C’è un enorme divario nel campo dello sport e del movimento, tra quello che le persone sentono quando si muovono e quello che sanno di fare”, ha detto Eaton. “Quando stavo correndo sui 100 metri, lavoravo con il mio allenatore per apportare modifiche per radere frazioni di secondo, ma era tutto a tatto. A volte ha funzionato, a volte no, perché non sapevo completamente cosa stesse facendo il mio corpo. Ma 3DAT consente agli atleti di capire esattamente cosa sta facendo il loro corpo mentre è in movimento, in modo che possano individuare con precisione dove apportare modifiche per ottenere più velocemente o meglio. “

Tecnologia a mani libere
3DAT fa affidamento sulle telecamere per filmare gli atleti durante gli esercizi di corsa, il che significa che è completamente a mani libere per gli atleti. Non devono preoccuparsi di sensori o altri dispositivi indossabili che potrebbero alterare le prestazioni.

I dati video sono di 60 fotogrammi al secondo e vengono inviati al cloud per l’analisi sui processori scalabili Intel Xeon. I processori hanno anche funzionalità di accelerazione AI Intel Deep Learning Boost.

A seguito dell’analisi, gli allenatori ricevono report e grafici che forniscono una panoramica dettagliata delle prestazioni, che possono quindi essere utilizzati per regolare di conseguenza.

Craig Friedman è vicepresidente senior del Performance Innovation Team di EXOS.

“3DAT ci fornisce informazioni e approfondimenti, non solo sulla tecnica di come le persone corrono e su come possono migliorare, ma anche su cosa potrebbe trattenerle. Questi dati ci consentono di apportare modifiche in sala pesi per contribuire a sbloccare più potenziale sul campo “, ha affermato Friedman.

Intel ha indicato il suo obiettivo di continuare a lavorare con EXOS per fornire ad allenatori, atleti e altri artisti informazioni preziose attraverso la tecnologia.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi