Gli sforzi di Intel Geti e OpenVINO fanno avanzare l’IA e la visione artificiale 

La visione artificiale è uno dei casi d’uso più diffusi per l’IA oggi, consentendo ai sistemi di intelligenza artificiale (AI) di identificare rapidamente oggetti e persone.

Si prevede che il mercato globale dei servizi hardware e software di visione artificiale raggiungerà i 41 miliardi di dollari entro il 2030, secondo Allied Market Research , ed è un mercato che sta attirando l’interesse dei fornitori.

 
All’evento Intel Innovation 2022 di oggi, il produttore di chip ha rivelato i dettagli sulla sua spinta verso la visione artificiale con la sua piattaforma Intel Geti e il software OpenVINO toolkit per l’apprendimento profondo e l’inferenza dell’IA.

“I modelli di visione artificiale utilizzano l’intelligenza artificiale per prevedere ed estrarre informazioni preziose da immagini e video”, ha affermato Adam Burns, vicepresidente e direttore degli strumenti per sviluppatori di intelligenza artificiale nel network and edge group (NEX) di Intel durante una conferenza stampa di Intel Innovation 2022. 

 

Burns ha affermato che le informazioni che i modelli di visione artificiale possono rilevare vanno dall’identificazione di un difetto durante un processo di produzione all’essere in grado di determinare quante persone sono in fila in un ristorante. Ha aggiunto che la visione artificiale viene utilizzata per guidare l’automazione aziendale, la produttività e l’innovazione in molti settori verticali e la domanda sta aumentando rapidamente.

Sonoma Creek ora è stato rinominato Intel Geti
Intel ha lavorato allo sviluppo della propria piattaforma di visione artificiale con il nome in codice Sonoma Creek. Questo sforzo sta ora andando a buon fine con il nome rinominato di Intel Geti.

L’obiettivo di Intel con Geti è aiutare ad accelerare l’adozione della visione artificiale, utilizzando hardware e software Intel. Geti fornisce un’interfaccia utente che consente agli utenti di caricare e annotare i dati e addestrare e riqualificare i modelli.

 
“Intel Geti è una piattaforma di intelligenza artificiale per la visione artificiale che consente a chiunque nell’azienda la possibilità di sviluppare rapidamente modelli di intelligenza artificiale che migliorano l’innovazione aziendale e la trasformazione digitale”, ha affermato Burns. “Comprendiamo il valore dell’intelligenza artificiale e della visione artificiale nell’impresa e comprendiamo anche le barriere di sviluppo all’adozione”.

Burns ha sottolineato che la motivazione di Intel con Geti era quella di rendere più accessibile la visione artificiale, consentendo a coloro che potrebbero non avere un ampio background di intelligenza artificiale o apprendimento automatico di creare modelli di alta qualità in modo rapido e semplice.

I primi utenti di Geti includono l’assistenza sanitaria
Sebbene Intel stia annunciando pubblicamente Geti solo oggi, ha già più di 30 partner attivi nel programma di accesso anticipato della tecnologia.

 
Uno di questi utenti ad accesso anticipato è il Royal Brompton Hospital nel Regno Unito, dove i medici utilizzano Geti per aiutare nella ricerca di malattie respiratorie rare. Senza alcuna esperienza di intelligenza artificiale, Burns ha affermato che il team di Royal Brompton è in grado di addestrare modelli di intelligenza artificiale proprio come farebbe con un membro umano del team di ricerca per analizzare i dati della ricerca.

Avere modelli di intelligenza artificiale addestrati aiuta ad accelerare il processo di elaborazione delle immagini. “Questa soluzione può aiutare a migliorare notevolmente la diagnosi precoce e le opzioni di trattamento per i pazienti con gravi condizioni respiratorie come la fibrosi cistica”, ha affermato Burns.

Un altro caso d’uso iniziale, anche fuori dal Regno Unito, è con il fornitore di analisi visiva Sensing Feeling , che sta costruendo una soluzione con Intel Geti per monitorare l’analisi edge-based e migliorare la sicurezza dei lavoratori edili. 

“Attraverso il modello di visione artificiale creato da Intel Geti, la loro soluzione può rilevare quando attrezzature o macchinari pesanti si trovano in prossimità non sicura di altre apparecchiature o personale”, ha affermato Burns.

 
OpenVino per Intel Geti
Geti non è la prima volta che Intel ha intrapreso un’iniziativa per aiutare a costruire modelli di visione artificiale. Già nel 2018, Intel ha annunciato il suo toolkit OpenVINO progettato per aiutare a creare modelli di visione artificiale per l’edge.

Burns ha affermato che OpenVINO e Geti sono in realtà tecnologie complementari che soddisfano diverse esigenze di modellazione dell’IA.

“Gli utenti aziendali possono caricare immagini e creare rapidamente modelli di visione artificiale con Intel Geti e quindi distribuire tali modelli utilizzando OpenVINO su larga scala in esecuzione su hardware Intel”, ha affermato Burns. “Intel Geti può produrre un modello OpenVINO ottimizzato e pronto per l’implementazione con la semplice pressione di un pulsante, risparmiando ulteriori passaggi di ottimizzazione”.

 
A Intel Innovation 2022, la società ha anche annunciato il rilascio di OpenVINO 2022.2, che aggiunge il supporto per i processori per data center Intel GPU Flex Series lanciati alla fine di agosto. La versione aggiornata di OpenVINO aggiunge anche una nuova funzionalità di ottimizzazione automatizzata che scoprirà tutto il calcolo e le GPU disponibili in un sistema.

“Con OpenVINO e ora Intel Geti, abbiamo continuato a cercare di rendere accessibile l’IA per i responsabili delle decisioni e per gli sviluppatori all’interno dell’azienda”, ha affermato Burns. “Insieme, questi due prodotti consentono il rapido sviluppo e la distribuzione di modelli di visione artificiale”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi