Perché Neal Stephenson sta avviando una società di metaverse 3 decenni dopo Snow Crash 

Non capita spesso di sentire cose dalla bocca del cavallo. In questo caso, sono stato in grado di fare un’intervista con il ragazzo che ha inventato il termine ” metaverso ” decenni fa. Mi sento come se avessi aspettato decenni per parlare con lui.

L’autore di fantascienza Neal Stephenson ha recentemente annunciato che stava collaborando con l’imprenditore crittografico Peter Vessenes per creare Lamina1 , una startup di tecnologia blockchain dedicata al metaverso aperto , l’universo dei mondi virtuali che sono tutti interconnessi, come descritto per la prima volta nel romanzo di Stephenson  Snow Crash , che ha debuttato 30 anni fa nel 1992. Ho intervistato sia Vessenes che Stephenson ieri, appena un giorno dopo che McKinsey & Co. aveva previsto che il metaverso sarebbe valso $ 5 trilioni entro il 2030.

 
Leader tecnologici come Tim Sweeney, CEO di Epic Games, hanno avvertito che rischiamo di avere un metaverso chiuso se le grandi aziende tecnologiche sono gli unici candidati validi per costruirlo. Mentre Sweeney ha affermato che un metaverso aperto è una questione di interesse personale illuminato , sembra che i credenti del metaverso aperto potrebbero utilizzare più aiuto, considerando che è probabile che alcune grandi aziende costruiscano ciò che vogliono invece del metaverso aperto. È un grosso problema, ed è anche il motivo per cui VentureBeat ha avviato il suo Metaverse Forum per la leadership di pensiero nel metaverse aperto.

 
Quindi è qualcosa di speciale vedere Stephenson farsi avanti e assumersi la responsabilità di realizzare lui stesso il metaverso aperto. Nella nostra conversazione, Stephenson ha notato che è meglio avere una visione costruttiva piuttosto che partire da una posizione difensiva nel tentativo di fermare un metaverso chiuso. Stephenson aveva già lavorato al metaverso presso Magic Leap , che sta realizzando occhiali per realtà aumentata. Ma l’azienda ha sbattuto contro i suoi sforzi di AR per i consumatori e Stephenson è stata una delle tante persone che se ne sono andate.

 
MetaBeat 2022

MetaBeat riunirà i leader del pensiero del metaverso per fornire indicazioni su come la tecnologia del metaverso trasformerà il modo in cui tutti i settori comunicano e fanno affari dal 3 al 4 ottobre a San Francisco, in California.
Registrati qui
Sembrava che Stephenson continuasse a scrivere fantascienza, ma è tornato alla realtà con Lamina1, che prende il nome da uno dei suoi lavori recenti . La sua nuova azienda ha consulenti come Rony Abovitz, ex CEO di Magic Leap, e il suo capo della strategia è Tony Parisi, un pioniere del metaverso e sostenitore del 3D sul web. Il punto di ingresso per Stephenson e Vessenes è un nuovo protocollo blockchain, Lamina1, che ritengono sia necessario per aiutare il metaverso a raggiungere il suo pieno potenziale.

 
Vessenes è noto nel settore delle criptovalute per una serie di primati, vale a dire il lancio della prima società Bitcoin sostenuta da VC (2011) e la formazione della Bitcoin Foundation (2012). Gli investitori iniziali in Lamina1 includono Abovitz, Geoff Entress, Jeremy Giffon, Bing Gordon, James Haft, Reid Hoffman, David Johnston, Joseph Lubin, Patrick Murck, Matthew Roszak, Tihan Seale, Peter Vessenes e Wu Ying.

Entro la fine dell’anno, l’azienda inizierà a testare il proprio protocollo. Oltre il 2022, i co-fondatori hanno in programma di creare un nuovo ambiente immersivo ispirato al romanzo di Stephenson, costruendo infrastrutture e rilasciando strumenti per supportare il lavoro di creatori di terze parti che desiderano creare esperienze metaverse aperte su larga scala.

Ecco una trascrizione modificata della nostra intervista. E assicurati di dare un’occhiata al nostro evento metaverse aziendale MetaBeat 2022 in arrivo dal 3 al 4 ottobre e al nostro evento GamesBeat Summit Next 2022 dal 25 al 26 ottobre.

Peter Vessenes (a sinistra) e Neal Stephenson sono i fondatori di Lamina1.
 
GamesBeat: McKinsey ha appena pubblicato un rapporto questa mattina dicendo che si aspetta che il metaverso abbia un valore di $ 5 trilioni entro il 2030. Ti fa impazzire?

Neal Stephenson: L’intera faccenda mi fa impazzire. Ci sono alcune cose che dobbiamo fare prima di arrivare ai trilioni a due cifre.

Peter Vessenes: Hai quella lista da qualche parte? Voglio mettermi al lavoro.

Stephenson: Penso di avere un Post-It qui, sì. Ma certo. Stiamo solo cercando di iniziare con quelli che riteniamo siano i fondamenti necessari per iniziare a costruire in quella direzione. Abbiamo opinioni al riguardo. Stiamo cercando di mettere queste opinioni in una forma praticabile. Quindi, se le persone sono d’accordo con noi e pensano che stiamo costruendo buone infrastrutture, allora sono le benvenute a usarle.

GamesBeat: So che eri a Magic Leap prima, ma questo sembra uno dei tuoi più grandi tentativi di aiutare a realizzare il metaverso.

Stephenson: Magic Leap è un tipo di progetto completamente diverso, che mi è piaciuto e che ho trovato estremamente affascinante. Come sai, è un’azienda di hardware AR. Creare contenuti per AR è una sfida affascinante da cui ho imparato molto. Mettiamola così. Ma ovviamente creare un’infrastruttura sottostante per costruire un metaverso è un diverso tipo di progetto.

GamesBeat: Sembra interessante che l’intero sforzo del metaverso aperto stia ricevendo una spinta ora. Sono curioso di sapere cosa sta alla base. Ci sono reali preoccupazioni ora che non avremo un metaverso aperto? Che una grande azienda tecnologica o qualcuno del genere creerà qualcosa che non sarà aperto.

 
Stephenson: Esiterei a inquadrarlo come: “Sono preoccupato per qualcosa e voglio fermarlo”. Non è mai un ottimo modo per iniziare un progetto, in uno stato d’animo difensivo. Preferisco pensarlo in termini di, mi è sembrato un buon momento, con tutta l’energia e l’interesse per le cose del metaverso, per provare a fare qualcosa di costruttivo. Questo è il mio obiettivo.

Vessenes: Sono con Neal su questo. La mia attenzione qui è su alcune tendenze a lungo termine. Penso che queste tendenze significhino che dobbiamo almeno costruire un altro set di binari, o consentire alle persone di prendere un cambio di ferrovia in una direzione diversa, se lo desiderano. Non mi è sembrato che qualcuno pensasse abbastanza in grande. Non è nemmeno una lamentela per le persone aperte del metaverse. Ci sono un sacco di progetti interessanti, davvero molti stanno accadendo. Ma penso che ci sia solo questo peso di gravità. I moderni titani letterali stanno spendendo decine di miliardi di dollari all’anno per costruire qualcosa. Può sembrare un fatto compiuto. “Immagino che questo sia il metaverso che avremo.”

La mia esperienza con Bitcoin è che non è assolutamente vero. Bitcoin si è impegnato con istituzioni con molto più denaro di quello con molto successo. Se costruiamo qualcosa che le persone vogliono, se diamo loro un’opportunità, ci sono un sacco di cose fantastiche che possono essere fatte. Questo è un campo totalmente verde, ecco come ci stiamo pensando. C’è così tanto da fare. Le persone che si uniscono e arrivano sono davvero entusiaste di andare a costruire. Daremo alle persone un posto dove farlo e vedremo cosa fanno tutti con esso.

 
GamesBeat: Come siete giunti entrambi alla conclusione che la blockchain sarebbe essenziale qui? Perché doveva succedere prima per arrivare a un metaverso?

Stephenson: Lascia che ti dia la risposta del quadro generale, e Peter forse può entrare nei dettagli. È implicito in quasi tutto ciò che ho scritto, a cominciare da Snow Crash, che niente di tutto ciò accade senza una sorta di modo decentralizzato di gestire gli affari. Posso riconnetterlo in Snow Crash. Ma Diamond Age, in realtà fa parte della trama. La trama di Diamond Age non funziona a meno che tu non l’abbia. Questo perché a quel punto stavo parlando con persone che stavano facendo criptovalute e pensando a come inviare denaro in giro e calcolare in modo distribuito. Cryptonomicon e il ciclo barocco e REAMDE sono tutti a tema su questa base.

GamesBeat: Quindi le persone che hanno smesso di leggere a Snow Crash hanno perso la barca?

Vessenes: Questa è la migliore campagna di marketing di libri di sempre!

Stephenson: La mia opinione è che nell’economia in generale abbiamo valute legali e abbiamo sistemi di pagamento che funzionano abbastanza bene per lo scambio di denaro. Abbiamo anche criptovalute e sistemi che funzionano su questo. Sembra ragionevole che anche il metaverso abbia entrambi.

Vessenes: Se le persone avranno cose di valore, vorranno catturare quel valore in qualche modo, ricavarne dei soldi e venderlo. Vogliamo tenere traccia di cose come la proprietà. Potresti semplicemente dire che vengo dalla Bitcoin Foundation e tutto ciò che ho è un martello, che è una tecnologia di contabilità decentralizzata, e c’è del vero in questo. Ma prima parlavamo di Second Life. Direi che se Second Life avesse avuto un’economia più aperta, non voglio sovrapporre alcun particolare sistema monetario su di essa. Ma se l’economia fosse stata più aperta, fino a includere le persone che hanno una qualche proprietà nei Linden Labs, penso che Second Life sarebbe stato molto più grande.

 
Non è una denuncia. È stato costruito in un modo interessante per un’azienda dell’epoca. Ma ora lo sappiamo: c’è una tecnologia sociale che l’industria delle criptovalute ha sviluppato per convincere un numero enorme di persone in tutto il mondo a collaborare e fare cose. Una cosa di cui hanno bisogno è la capacità di acquistare, vendere e scambiare e programmare oggetti digitali e cose del genere. Per noi questo è due generazioni avanti rispetto a qualsiasi altra cosa al mondo, in particolare perché né Neal né io abbiamo alcun interesse capriccioso a gestire un’azienda che possiede tutti quei dati o li controlla o deve decidere chi dà cosa a qualcun altro. Per noi è semplicemente una misura perfetta. C’è un altro sistema che consente la programmabilità, la governance della comunità quando è necessario e si occupa di tutto questo per le persone. È un’ottima base di partenza.

McKinsey & Co. prevede che il metaverso sarà valutato a $ 5 trilioni nel 2030.
ANNUNCIO

GamesBeat: Ho visto che c’è stato molto scetticismo nei confronti della blockchain, in particolare da parte di giocatori e sviluppatori di giochi. Fino a circa dicembre pensavo che tutti sarebbero stati d’accordo con l’idea che la blockchain fosse un trampolino di lancio verso il metaverso. Ma abbiamo quasi visto emergere un livello di resistenza di base. Mi chiedo come possiamo superare parte di questo fino al punto in cui le persone capiscono che il decentramento dovrebbe essere un bene per loro a lungo termine.

Stephenson: Ho seguito, durante lo scorso inverno, le accese discussioni su Twitter tra i sostenitori delle criptovalute e i booster NFT da un lato e gli sviluppatori di giochi dall’altro. Negli ultimi anni ho trascorso abbastanza tempo a lavorare con la tecnologia del motore di gioco da capire da dove vengono gli sviluppatori del gioco. Non puoi semplicemente prendere la tua spada laser da un gioco e trascinarla in un altro gioco e ottenere un risultato soddisfacente. Non funziona a livello di ingegneria. Rompe la coerenza artistica del gioco in cui viene trascinato, anche se potresti farlo funzionare.

Questi sono punti che penso siano a volte trascurati dai sostenitori delle criptovalute più accaniti che vogliono che tutto sia sulla blockchain e vogliono che tutto sia interoperabile. Agli sviluppatori di giochi sembra che sia nella categoria del nemmeno sbagliato. Solo una totale idiozia a livello di ingegneria. Ma più di questo può sembrare irrispettoso per gli sviluppatori di giochi, perché queste persone sono artisti che cercano di creare opere d’arte coerenti. Si sono impegnati molto per raggiungere quella coerenza e quella bellezza. Sembra che sia stato superato.

Questo è un argomento un po’ profondo, ma direi che ci sono modi per: lasciami tirare fuori tutto questo e puoi modificarlo se vuoi. Il processo di spostamento di un oggetto di gioco da un gioco all’altro richiede molto lavoro. Ne cambia l’aspetto in modo che la direzione artistica non sia in conflitto. Devi fare un lavoro di ingegneria. Devi cambiare progetti o script o comunque il tuo gioco è cablato in modo che l’oggetto si comporti correttamente all’interno dell’altro gioco. Questo non sta nemmeno entrando nell’argomento se abbia senso artisticamente, in termini di coerenza narrativa nel gioco.

 
Per l’ultimo, penso che questo abbia molto più senso nei giochi in stile mashup che nei giochi narrativi squisitamente realizzati e coerenti. Un gioco mashup sarebbe qualcosa come Roblox o Minecraft o Fortnite. In Fortnite va bene se hai John Wick che corre con Iron Man. Mentre in Assassin’s Creed o qualcosa del genere, il mashup non funzionerà laggiù.

L’altra cosa è che penso che questa sia più un’opportunità per costruire nuove esperienze che per cercare di adattare l’interoperabilità alle esperienze esistenti. Penso che il metaverso sia un’opportunità. Abbiamo lavorato con il team di Shrapnel su alcune idee su come i contratti intelligenti potrebbero essere strutturati in modo tale che gli sviluppatori del gioco e gli artisti che devono fare tutto il lavoro effettivo di adattamento di un oggetto per passare da un’esperienza all’altra effettivamente vengono pagati per fare quel lavoro, se scelgono di farlo.

Concetto futuristico della tecnologia VR e AR. L’uomo che indossa gli occhiali per cuffie 3d VR guarda in alto nel cyberspazio del metaverso. Realtà virtuale o simulazione del mondo in realtà aumentata. Intrattenimento informatico digitale.
 
Vessenes: La parte che mi sembra più vera è che queste saranno nuove esperienze, nuovi tipi di creatività. Jonathan Blow non realizzerà mai un gioco mashup metaverso, e non vorremmo che lo facesse, perché è un tale artista. C’è qualcosa di bello nei suoi giochi. È fantastico. Dovrebbe continuare a farlo. Dal lato creativo e dal lato dell’interoperabilità, c’è molto divertimento che si può avere in un mondo più pazzo. Le persone che scrivevano del metaverso lo intuirono istintivamente molto tempo dopo Neal. Ready Player One aveva questa atmosfera molto mashup, dove c’è molta cultura da storie diverse che le persone hanno mescolato tutte insieme, ed è divertente. È scritto come divertente nel libro e penso che sia divertente da leggere. Vernor Vinge, in Rainbows End, era molto simile. Ci sono tutti i tipi di iconografia che le persone tirano dentro.

Lo vedo in molta ingegneria. Non è esclusivo degli ingegneri di gioco che odiano le criptovalute. Molti ingegneri odiano le criptovalute. Molte volte le lamentele provengono da persone che non apprezzano quanto sia potente dare a un gruppo di diversi tipi di persone un modo per collegare qualcosa. Dicono: “Posso scrivere un database più veloce di Bitcoin. Non capisco.” La mia reazione è: “Beh, fino a questa settimana Bitcoin valeva un trilione di dollari, quindi probabilmente c’è qualcosa da capire lì”. Se scavi, è complicato, ma è molto interessante. Ma penso che ci sia qualcosa di simile: “Non voglio quel mondo nel mio mondo. non mi piace. Mi sento a disagio”.

Rony Abovitz, CEO di Magic Leap, John Gaeta, capo della strategia creativa di Magic Leap, e Neal Stephenson, capo futurista di Magic Leap, sul palco del LEAP il 10 ottobre 2018.
ANNUNCIO

GamesBeat: Sembra che il metaverso ideale sia quello in cui gli artisti ottengono i loro premi, e sembra anche che l’industria tecnologica, nel modo in cui è strutturata ora, non sia un luogo in cui ciò accade.

Stephenson: La cosa più difficile al mondo, ho scoperto, è convincere le persone a scrivere assegni per creare contenuti. È incredibilmente difficile. Anche nelle aziende che si basano sulla generazione di contenuti. In generale, più grande è l’azienda e più soldi sono in gioco, più difficile è. Ne stavo discutendo ieri con Reid Hoffman, che è uno dei nostri investitori iniziali. Stava sottolineando che se sei in una società che gestisce centinaia di milioni di dollari di denaro degli azionisti, queste sono decisioni importanti. Quando inizi a tirare i dadi su un progetto artistico, ci sono molte persone che avranno opinioni al riguardo. Una molteplicità di opinioni non è il modo giusto di fare arte.

GamesBeat: La cosa difficile sarà quando l’IA farà tutta la creazione e qualcuno dovrà capire chi la possiede.

Stephenson: Questo è in realtà un punto di cui Jaron Lanier e io abbiamo parlato negli ultimi giorni. Penso che l’abbia portato sul palco al Consensus. Quando Dolly produce un’opera d’arte interessante, lo fa attingendo a immagini preesistenti che sono state probabilmente osservate e classificate dagli umani. Sembra che l’essere umano che ha creato l’immagine meriti un po’ di credito, ma non solo, le persone che l’hanno guardata e classificata e applicato i metadati ad essa, contribuiscono anche a quel prodotto. Ciò si basa sulla creazione di quelle che Jaron chiamerebbe catene del valore.

Shrapnel è uno sparatutto multiplayer sulla blockchain.
Stiamo lavorando su un’idea molto simile con il team di Shrapnel, ovvero che in qualsiasi tipo di lavoro creativo aggregato, in cui un gruppo di persone di diverse discipline ha dovuto contribuire in momenti diversi con input diversi, sarebbe bello se potessimo potrebbe tenere traccia di chi ha fatto cosa e avere una sorta di cascata che distribuirebbe parte del valore a tutti i contributori. Ci sono modi per farlo nel mondo della valuta fiat e dei contratti tradizionali. È così che funziona Hollywood, oppure no. Ma sembra anche che queste catene del valore potrebbero essere un’opportunità per fare cose interessanti con i contratti intelligenti.

GamesBeat: cosa verrà dopo? Che aspetto ha la tua mappa stradale?

Vessenes: Siamo una società blockchain e metaverse. C’è molto da fare. Abbiamo avuto una risposta straordinaria. Un paio di migliaia di persone sono entrate nel nostro Discord per i primi giorni, il che è stato molto positivo, soprattutto perché non siamo una società di criptovalute che sta regalando qualcosa. Abbiamo appena detto: “Vieni con noi e fai questa cosa difficile con noi”. C’è un’intera prospettiva comunitaria. Conoscere la comunità, aiutarli a litigare, vedere cosa vogliono fare. Sarà in corso. Ovviamente raccoglieremo dei soldi. Avevamo un giro di amici e famiglia, ma siamo fuori e stiamo raccogliendo dei soldi.

Ci sono due componenti tecnologici. Sta uscendo la prima beta net o test net della catena stessa, in modo che gli ingegneri crittografici possano iniziare a giocarci e dirci cosa ne pensano e iniziare a puntare su di essa le loro cose esistenti. E poi sul lato spaziale abbiamo la road map spaziale. Lo stiamo ancora lavorando esattamente, ma è probabile che la prima cosa sia un kit di sviluppo che si collegherebbe a Unreal e Unity e li lascerebbe parlare alla catena. Questo ci darà un ponte per iniziare ad attivare alcune cose per le persone che vogliono attivarle. Proprietà dell’oggetto, provenienza dell’oggetto.

Parliamo molto del Signore degli Anelli perché siamo dei grandi secchioni. Ma tipo, perché Glamdring è così buono? È buono perché è sopravvissuto alle guerre dei goblin. Era come una spada di base che è sopravvissuta. Se lo applichi agli oggetti digitali nei giochi, anche solo per essere così, questa skin in Fortnite ha vinto 600 primi posti. Ci sono molti tipi di supporto di provenienza digitale che vogliamo fornire ai creatori all’inizio e vedere cosa ci fanno. potrei andare avanti. Ma speriamo che entro la fine dell’anno, le persone saranno in grado di giocare a un buon gioco tripla A di terze parti in cui lo sviluppatore ha deciso che parte dello stato di quel gioco sarà mantenuto nella nostra beta net. Potrebbero essere oggetti. Potrebbero essere NFT. Spetterà allo sviluppatore decidere. Ma questo sarebbe il nostro obiettivo per la fine dell’anno.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi