Home / AI Intelligenza Artificiale / Kilpatrick Townsend : Rich Christiansen e l’intelligenza artificiale

Kilpatrick Townsend : Rich Christiansen e l’intelligenza artificiale

Recentemente, il partner di Kilpatrick Townsend, Rich Christiansen, è stato un relatore che ha discusso il ruolo dell’IA come innovatore e se l’innovazione assistita/generata dall’intelligenza artificiale debba essere tutelata. I punti chiave della discussione includono:

1) L’intelligenza artificiale è già l’unico innovatore dietro molte domande di brevetto e il ruolo dell’IA nell’innovazione è solo in aumento. Il livello di utilizzo dell’IA nell’innovazione varia tra i diversi settori, ma ci sono diversi settori in cui l’IA è l’innovatore dietro una parte significativa, se non la maggior parte, delle nuove domande di brevetto. Queste industrie attualmente identificano gli individui che erano almeno nominalmente coinvolti con l’IA come inventori.

2) Non esiste una soluzione perfetta ai problemi posti dall’intelligenza artificiale come innovatore. Consentire all’IA di essere identificata come inventore può portare a un diluvio di brevetti e domande di brevetto poiché il costo relativo dell’innovazione diminuisce rispetto al vantaggio esclusivo della protezione brevettuale. Ciò potrebbe effettivamente escludere nuovi operatori sul mercato e consolidare la quota di mercato tra un numero molto limitato di grandi imprese. D’altro canto, impedire che l’IA venga identificata come un innovatore porterà a un’attribuzione errata dell’innovazione e creerà una menzogna nel nostro sistema. Potrebbe anche ridurre l’incentivo allo sviluppo di tecnologie di intelligenza artificiale.

3) L’ascesa dell’IA come innovatore può cambiare l’applicazione dell’ovvietà/fase inventiva. I concetti legali di ovvietà e attività inventiva sono attualmente basati sulle azioni di una persona immaginaria di ordinaria abilità nell’arte. In futuro, l’IA potrebbe fornirci un’incarnazione digitale di quella persona esperta nell’arte. Le sfide dell’ovvio possono quindi ruotare attorno al tipo di intelligenza artificiale, al set di addestramento e al modo in cui viene addestrata l’IA.

4) A meno che i potenziali rischi e le sfide dell’IA non siano affrontati in modo proattivo, probabilmente ci ritroveremo con strati di finzioni legali create dai tribunali nel tentativo di cullare una nuova realtà nelle strutture di un’epoca passeggera.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi