La Casa Bianca ha appena presentato una nuova Carta dei diritti dell’IA
È il primo grande passo per tenere conto dell’IA.
 
La Casa Bianca vuole che gli americani sappiano: l’era della responsabilità dell’IA sta arrivando. 

Il presidente Joe Biden ha presentato oggi una nuova Carta dei diritti dell’IA , che delinea cinque protezioni che gli americani dovrebbero avere nell’era dell’IA. 
Biden ha precedentemente chiesto una protezione della privacy più forte e che le aziende tecnologiche smettano di raccogliere dati. Ma gli Stati Uniti, sede di alcune delle più grandi aziende tecnologiche e di intelligenza artificiale del mondo, sono state finora una delle uniche nazioni occidentali senza una guida chiara su come proteggere i propri cittadini dai danni dell’IA. 

L’annuncio di oggi è la visione della Casa Bianca di come il governo degli Stati Uniti, le aziende tecnologiche e i cittadini dovrebbero collaborare per ritenere l’IA responsabile. Tuttavia, i critici affermano che il piano manca di denti e gli Stati Uniti hanno bisogno di una regolamentazione ancora più rigida sull’IA.


A settembre, l’amministrazione ha annunciato i principi fondamentali per la responsabilità tecnologica e la riforma, come fermare il processo decisionale algoritmico discriminatorio, promuovere la concorrenza nel settore tecnologico e fornire tutele federali per la privacy.

L’AI Bill of Rights, la cui visione è stata introdotta per la prima volta un anno fa dall’Office of Science and Technology Policy (OSTP), un dipartimento del governo degli Stati Uniti che fornisce consulenza al presidente in materia di scienza e tecnologia, è un progetto per raggiungere tali obiettivi . Fornisce una guida pratica alle agenzie governative e un invito all’azione per le aziende tecnologiche, i ricercatori e la società civile per creare queste protezioni. 

 
“Queste tecnologie stanno causando danni reali nella vita degli americani, danni che vanno contro i nostri valori democratici fondamentali, incluso il diritto fondamentale alla privacy, la libertà dalla discriminazione e la nostra dignità fondamentale”, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa un alto funzionario dell’amministrazione .

L’IA è una potente tecnologia che sta trasformando le nostre società. Ha anche il potenziale di causare gravi danni, che spesso colpiscono in modo sproporzionato le minoranze. Le tecnologie di riconoscimento facciale utilizzate nelle attività di polizia e gli algoritmi che assegnano i benefici non sono così accurati per le minoranze etniche, ad esempio. 

Il nuovo progetto mira a ristabilire tale equilibrio. Dice che gli americani dovrebbero essere protetti da sistemi pericolosi o inefficaci; che gli algoritmi non dovrebbero essere discriminatori e i sistemi dovrebbero essere utilizzati come progettati in modo equo; e che i cittadini dovrebbero avere potere sui propri dati e dovrebbero essere protetti dalle pratiche abusive dei dati attraverso salvaguardie integrate. I cittadini dovrebbero anche sapere quando viene utilizzato un sistema automatizzato su di loro e capire come contribuisce ai risultati. Infine, le persone dovrebbero sempre essere in grado di rinunciare ai sistemi di intelligenza artificiale a favore di un’alternativa umana e avere accesso a rimedi in caso di problemi. 

“Vogliamo assicurarci di proteggere le persone dai peggiori danni di questa tecnologia, indipendentemente dallo specifico processo tecnologico sottostante utilizzato”, ha affermato un secondo alto funzionario dell’amministrazione. 
L’AI Bill of Rights dell’OSTP è “impressionante”, afferma Marc Rotenberg, che dirige il Center for AI and Digital Policy, un’organizzazione no profit che tiene traccia delle politiche relative all’IA.

“Questo è chiaramente un punto di partenza. Ciò non pone fine alla discussione su come gli Stati Uniti implementano un’IA incentrata sull’uomo e affidabile”, afferma. Ma è un ottimo punto di partenza per spostare gli Stati Uniti in un luogo in cui possono portare avanti questo impegno”.

Willmary Escoto, analista politico statunitense per il gruppo per i diritti digitali Access Now, afferma che le linee guida evidenziano abilmente “l’importanza della minimizzazione dei dati” mentre “denominano e affrontano i diversi danni che le persone subiscono da altre tecnologie abilitate all’intelligenza artificiale, come il riconoscimento delle emozioni”.

“La Carta dei diritti AI potrebbe avere un impatto enorme sulle libertà civili fondamentali per i neri e i latini in tutta la nazione”, afferma Escoto.

 

Il settore tecnologico ha accolto con favore il riconoscimento della Casa Bianca che l’IA può essere utilizzata anche per il bene. 

Matt Schruers, presidente della lobby tecnologica CCIA, che annovera tra i suoi membri aziende tra cui Google, Amazon e Uber, afferma di apprezzare le “direzioni dell’amministrazione secondo cui le agenzie governative dovrebbero dare l’esempio nello sviluppo di principi etici dell’IA, nell’evitare la discriminazione e nello sviluppo di un quadro di gestione del rischio per i tecnologi del governo”.

Shaundra Watson, direttrice delle politiche per l’IA presso la lobby tecnologica BSA, i cui membri includono Microsoft e IBM, afferma di accogliere con favore l’attenzione del documento sui rischi e sulle valutazioni di impatto. “Sarà importante garantire che questi principi siano applicati in un modo che aumenti le protezioni e l’affidabilità nella pratica”, afferma Watson. 
Storia correlata
L’UE vuole mettere le aziende in gioco per l’IA dannosa
Un nuovo disegno di legge consentirà ai consumatori di citare in giudizio le aziende per danni, se possono dimostrare che l’IA di un’azienda li ha danneggiati.
Mentre l’UE sta facendo pressioni sui regolamenti che mirano a prevenire i danni dell’IA e a ritenere le aziende responsabili per la tecnologia AI dannosa e ha un rigoroso regime di protezione dei dati, gli Stati Uniti sono stati restii a introdurre nuove normative. 
Le protezioni appena delineate fanno eco a quelle introdotte nell’UE, ma il documento non è vincolante e non costituisce la politica del governo degli Stati Uniti, perché l’OSTP non può emanare leggi. Spetterà ai legislatori proporre nuove proposte di legge. 

Russell Wald, direttore delle politiche per lo Stanford Institute for Human-Centered AI, afferma che il documento manca di dettagli o meccanismi per l’applicazione. 

“È scoraggiante vedere la mancanza di una politica federale coerente per affrontare le sfide disperatamente necessarie poste dall’IA, come il monitoraggio, l’auditing e la revisione coordinati a livello federale delle azioni per mitigare i rischi e i danni causati dai modelli di fondazione implementati o open source”, ha affermato dice.

Rotenberg afferma che preferirebbe che gli Stati Uniti applicassero regolamenti come l’AI Act dell’UE, una legge in arrivo che mira ad aggiungere ulteriori controlli e contrappesi agli usi dell’IA che hanno il maggior potenziale di causare danni agli esseri umani. 

 
“Ci piacerebbe vedere alcuni chiari divieti sulle implementazioni dell’IA che sono state le più controverse, che includono, ad esempio, l’uso del riconoscimento facciale per la sorveglianza di massa”, afferma. 

L’AI Bill of Rights potrebbe gettare le basi per legislazioni future, come l’approvazione dell’Algorithmic Accountability Act o l’istituzione di un’agenzia per regolamentare l’IA, afferma Sneha Revanur, che guida Encode Justice, un’organizzazione che si concentra sui giovani e sull’IA .


“Sebbene sia limitata nella sua capacità di affrontare i danni del settore privato, la Carta dei diritti dell’IA può essere all’altezza delle sue promesse se viene applicata in modo significativo e speriamo che la regolamentazione con i denti reali segua l’esempio”, afferma.

Il link della Casa Bianca https://www.whitehouse.gov/ostp/ai-bill-of-rights/

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi