Home / medicina / La piattaforma di intelligenza artificiale di di Clare Medical riduce i ricoveri ospedalieri di oltre il 50% in prova

La piattaforma di intelligenza artificiale di di Clare Medical riduce i ricoveri ospedalieri di oltre il 50% in prova

Uno strumento diagnostico basato sull’intelligenza artificiale ha ridotto i ricoveri ospedalieri del 51% tra i pazienti anziani a rischio, secondo i risultati di uno studio pubblicato dal fornitore di assistenza sanitaria Clare Medical.

Annunciando i risultati della sua sperimentazione mercoledì, Clare Medical ha concluso che prevedere quali pazienti hanno una maggiore probabilità di sperimentare “eventi” medici riduce significativamente la probabilità che tali eventi si verifichino. Questo perché il suo strumento basato sull’intelligenza artificiale offre ai medici l’opportunità di un intervento precoce.

Lo studio ha rilevato che l’uso della diagnostica basata sull’intelligenza artificiale ha risultati significativamente positivi rispetto alla riduzione del rischio di un paziente di richiedere una visita in ospedale entro 30 giorni. In un momento in cui la pandemia di coronavirus sta mettendo a dura prova i sistemi sanitari mondiali , tali risultati potrebbero finire per risparmiare notevoli quantità di tempo e denaro per gli ospedali, per non parlare dei benefici per i pazienti stessi.

“Questo strumento diagnostico ha il potenziale per essere un cambiamento di paradigma nel modo in cui sorvegliamo e monitoriamo i pazienti. Fornendo un avviso ai medici per i pazienti ad alto rischio, riteniamo che fornisca una notevole capacità di intervenire precocemente e alterare positivamente la traiettoria di cura di un paziente”, dice il CEO di Clare Medical Ron Lipstein.

Lo studio è stato condotto con pazienti prevalentemente anziani con almeno una condizione medica sottostante. Rispetto alla popolazione generale, tali pazienti sono ad alto rischio per una varietà di esiti clinicamente significativi, tra cui infezioni del tratto urinario, polmonite, cadute e fratture, esacerbazione della malattia polmonare ostruttiva cronica, peggioramento del diabete e peggioramento della malattia renale cronica.


Tuttavia, utilizzando il suo strumento basato sull’intelligenza artificiale, che utilizza un algoritmo per lo screening delle cartelle cliniche e dei dati dei pazienti, il team di Clare Medical è stato in grado di identificare il 12,8% dei pazienti partecipanti come a un rischio maggiore di 30 giorni di richiedere un ospedale o visita al pronto soccorso. Ciò ha comportato la notifica ai medici e la revisione dei casi dei pazienti e la risoluzione dei problemi. Di conseguenza, solo il 6,3% dei pazienti – o il 51% in meno – ha effettivamente finito per richiedere una visita in ospedale o al pronto soccorso.

AI nell’era del Covid-19
Clare Medical stima che un singolo ricovero ospedaliero che coinvolge un paziente anziano con diverse comorbidità costi più di $ 30.000.

Allo stesso tempo, l’ammissione dopo l’inizio di una condizione mette il paziente stesso a maggior rischio. Questo rischio è attualmente aggravato dal fatto che gli oneri della pandemia di coronavirus hanno reso gli ospedali e i sistemi sanitari meno capaci di sottoporre a screening i pazienti in generale.

Ad esempio, il governo del Regno Unito ha stimato a luglio che il calo delle cure di emergenza, dell’assistenza sociale per adulti, dell’assistenza elettiva e dell’assistenza primaria potrebbe provocare rispettivamente 10.000, 16.000, 12.500 e 1.400 morti in eccesso nell’arco di 12 mesi (la cifra per l’assistenza elettiva copre un anno), supponendo che l’assistenza con Covid-19 continui a influire sul trattamento medico per altre condizioni.

Questo è il tipo di problema che la diagnostica AI potrebbe aiutare ad alleviare. Riducendo il tempo e le risorse necessari per fornire indicatori affidabili di probabili eventi e condizioni di salute, gli strumenti basati sull’intelligenza artificiale potrebbero potenzialmente rendere più facile per gli ospedali affrontare il Covid-19 pur continuando a selezionare i pazienti per altre malattie.

E abbastanza rassicurante, Clare Medical è lungi dall’essere l’unica azienda che utilizza l’IA per accelerare e migliorare la diagnosi. A luglio, la startup israeliana di analisi dei dati medici Diagnostic Robotics ha firmato un accordo con il centro medico americano Mayo Clinic, che utilizzerà i suoi strumenti basati sull’intelligenza artificiale per accelerare il processo di diagnosi e triage dei pazienti negli ospedali e nei pronto soccorso. Allo stesso modo, quest’anno ha prodotto la sua giusta quota di ricerca accademica che indica che gli algoritmi di intelligenza artificiale sono ” efficaci quanto i radiologi ” nello screening per il cancro al seno, per esempio.

La pandemia di coronavirus ha dato agli ospedali un ulteriore impulso per coinvolgere l’intelligenza artificiale nel processo diagnostico, mentre recentemente sono stati sviluppati modelli di AI per rilevare i portatori asintomatici di Covid-19.

In altre parole, è altamente improbabile che Clare Medical sarà l’ultimo fornitore di servizi sanitari a testare e implementare l’uso dell’IA. Perché con il coronavirus che potrebbe rimanere con noi per alcuni anni a venire e con la popolazione mondiale che invecchia , gli ospedali avranno solo più da fare in futuro, non meno.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi