Home / medicina / I ricercatori del MIT sperimentano metodi basati sull’intelligenza artificiale per rilevare stress e fatica da lavoro

I ricercatori del MIT sperimentano metodi basati sull’intelligenza artificiale per rilevare stress e fatica da lavoro

I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology MIT hanno lavorato su metodi basati sull’intelligenza artificiale per rilevare quando lo stress di una persona, o l’affaticamento cognitivo , ha un impatto negativo sulle sue prestazioni sul lavoro. Secondo il team di ricerca del MIT, il progetto mira a sfruttare la potenza dei team uomo-macchina, utilizzando macchine per aiutare gli esseri umani a lavorare in modo ottimale e più sicuro.

Michael Pietrucha fa parte del Lincoln Laboratory del MIT, in qualità di specialista di sistemi tattici. Pietrucha ha sottolineato la lunga storia di collaborazione tra esseri umani e macchine nel corso degli anni, ma ha notato che anche con l’emergere di sofisticati team uomo-macchina guidati dall’intelligenza artificiale, l’umano gioca tipicamente il ruolo di consigliere della macchina. La responsabilità dell’uomo è in genere quella di comprendere il sistema, monitorare il sistema e assicurarsi che funzioni correttamente. Tuttavia, il lavoro di squadra è una strada a doppio senso e la macchina può aiutare gli esseri umani a raggiungere il loro obiettivo, aumentando il loro lavoro.

Megan Blackwell era l’ex vice capo della ricerca scientifica e tecnologica finanziata internamente presso il Lincoln Laboratory. Blackwell ha lavorato per progettare sistemi di intelligenza artificiale in grado di determinare quando qualcuno è sottoposto a un forte stress / affaticamento che sta degradando le sue prestazioni. Blackwell osserva che l’errore umano non porta solo a errori e opportunità perse, ma può anche portare a conseguenze disastrose e potenzialmente pericolose per la vita. Prima può aver luogo un intervento, meglio è. Il sistema di intelligenza artificiale in questione potrebbe suggerire modi per alleviare la fatica al suo partner umano. Come ha spiegato Blackwell, secondo le notizie del MIT :

“Oggi, il neuromonitoraggio sta diventando più specifico e portatile. Prevediamo di utilizzare la tecnologia per monitorare la fatica o il sovraccarico cognitivo. Questa persona si sta occupando troppo? Rimarranno senza benzina, per così dire? Se riesci a monitorare l’umano, potresti intervenire prima che accada qualcosa di brutto “.

Il sistema di riconoscimento dello stress e della fatica funzionerebbe raccogliendo dati biometrici e analizzandoli. Studi precedenti hanno tentato di utilizzare registrazioni video e audio di una persona, combinate con la visione artificiale e gli algoritmi di elaborazione del linguaggio naturale , per trovare schemi che potrebbero indicare gli stati neurocomportamentali e fisiologici di una persona. Il lavoro precedente che utilizzava i dati biometrici per determinare gli stati emotivi delle persone ha visto un certo successo nel rilevamento dei livelli di depressione , sebbene ci siano alcune controversie sull’affidabilitàquesti algoritmi sono e se gli studi sono veramente replicabili. Il team del MIT utilizzerà i dati raccolti non solo da registrazioni video e audio, ma anche una varietà di sensori biometrici che raccolgono dati relativi a EEG e frequenza cardiaca, con l’obiettivo di costruire modelli accurati e affidabili.

Il primo passo nella progettazione di qualsiasi sistema diagnostico è stabilire una linea di base di prestazioni normali. Affinché ciò avvenga, il sistema AR deve costruire un modello cognitivo di un individuo. Secondo il team di ricerca, i modelli cognitivi sono progettati rispetto agli input fisiologici raccolti attraverso le registrazioni e i sensori. Il sistema può quindi iniziare a monitorare la persona per vedere se le sue casse fisiologiche cambiano nel tempo, prevedendo quali deviazioni potrebbero essere potenzialmente dannose, causando errori o lesioni.

Se il sistema di intelligenza artificiale determina che le prestazioni di un essere umano stanno peggiorando a causa della fatica o dello stress, sono possibili diversi interventi. Il sistema potrebbe semplicemente spingere il suo compagno di squadra umano a fare una pausa o bere un caffè. Tuttavia, se il team di intelligenza artificiale umana sta operando in uno scenario pericoloso, come guidare un carrello elevatore, e l’uomo perde conoscenza, il sistema di intelligenza artificiale potrebbe agire come un sistema di sicurezza e fermare il veicolo.

Il team di ricerca è ancora nelle prime fasi del progetto, raccogliendo i dati necessari per addestrare i propri algoritmi. Il team prevede di utilizzare gli analisti dell’intelligence come primo caso di test, facendo in modo che gli analisti si impegnino in una versione simulata del loro lavoro quotidiano.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi