Home / Intelligenza artificiale pericolo / La sfiducia nell’intelligenza artificiale AI

La sfiducia nell’intelligenza artificiale AI

Nuove informazioni sulla mancanza di fiducia nell’intelligenza artificiale

Ricerche recenti stanno fornendo nuove informazioni su ciò che determina il livello di fiducia degli individui nell’intelligenza artificiale (AI). Un team dell’Università del Kansas, guidato dallo psicologo delle relazioni Omri Gillath, ha spiegato in dettaglio come quella relazione è influenzata dalla relazione nella vita reale o dallo stile di attaccamento degli individui.

Il team era composto da una varietà di esperti di diverse discipline, come psicologia, ingegneria, economia e medicina.

Il documento è stato pubblicato sulla rivista Computers in Human Behavior .

Secondo la ricerca, le persone hanno maggiori probabilità di essere meno fiduciose dei sistemi di intelligenza artificiale se sono ansiose delle loro relazioni nella vita reale con gli esseri umani. Il documento descrive anche come sia possibile aumentare la fiducia nell’intelligenza artificiale ricordando agli individui le loro relazioni umane stabili.

C’è ancora un alto livello di sfiducia tra le nuove tecnologie di intelligenza artificiale, nonostante il mercato globale stimato dell’intelligenza artificiale dovrebbe raggiungere i 39,9 miliardi di dollari nel 2019.

Aumentare la fiducia
Il team di ricerca non ha solo identificato il problema della mancanza di fiducia per i sistemi di intelligenza artificiale, ma ha anche escogitato modi per aumentare la fiducia. Gli studi sui rapporti umani hanno suggerito alcune cose diverse.

In primo luogo, si prevede che le persone che soffrono di ansia da attaccamento abbiano meno fiducia nell’intelligenza artificiale. In secondo luogo, aumentando l’ansia di attaccamento, la fiducia nell’intelligenza artificiale è stata ridotta. Infine, la fiducia nell’intelligenza artificiale aumenta quando viene migliorata la sicurezza degli attaccamenti.

Gillath è un professore di psicologia alla KU.

“La maggior parte delle ricerche sulla fiducia nell’intelligenza artificiale si concentra sui modi cognitivi per aumentare la fiducia. In questo caso abbiamo adottato un approccio diverso concentrandoci su un percorso “affettivo relazionale” per aumentare la fiducia, vedendo l’IA come un partner o un membro del team piuttosto che un dispositivo “, ha detto Gillath.

“Trovare associazioni tra il proprio stile di attaccamento – una differenza individuale che rappresenta il modo in cui le persone si sentono, pensano e si comportano in relazioni strette – e la sua fiducia nell’IA apre la strada a nuove comprensioni e potenzialmente nuovi interventi per indurre fiducia”.

Con la loro ricerca, il team sta portando avanti un nuovo modo di vedere l’intelligenza artificiale e la fiducia che la circonda, in particolare ciò che influisce su tale fiducia. Potrebbe svolgere un ruolo nel facilitare l’introduzione dell’IA nel posto di lavoro e in nuovi ambienti.

“I risultati mostrano che è possibile prevedere e aumentare i livelli di fiducia delle persone nei non umani in base alle loro prime relazioni con gli esseri umani”, ha detto Gillath. “Questo ha il potenziale per migliorare l’adozione di nuove tecnologie e l’integrazione dell’IA sul posto di lavoro”.

Sfiducia nell’IA
La sfiducia dell’IA tra la popolazione non è una novità. Negli ultimi anni c’è stato molto scetticismo riguardo alla tecnologia e alla sua implementazione. Ciò non è affatto ingiustificato, poiché nel corso degli anni si sono sviluppati vari problemi che hanno causato questa sfiducia.

Proprio di recente, scienziati internazionali provenienti da alcune delle migliori istituzioni del mondo hanno criticato la mancanza di trasparenza nella ricerca sull’IA . Nel giugno del 2019, gli Stati Uniti hanno assistito al primo caso di arresto illecito a causa di un algoritmo sbagliato . Ci sono molti altri esempi come i pregiudizi nella visione artificiale e l’ uso dell’IA da parte dei governi per il combattimento e la sorveglianza.

Sebbene tutti questi esempi possano sembrare molto lontani dall’esperienza personale di un individuo con l’IA, svolgono indubbiamente un ruolo nel formare la percezione complessiva della tecnologia. Una nuova ricerca come quella che sta uscendo dall’Università del Kansas fornisce informazioni molto necessarie per affrontare alcuni di questi problemi.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi