Home / Intelligenza artificiale pericolo / La intelligenza artificiale AI che fa paura

La intelligenza artificiale AI che fa paura

IA spaventosa: tre verità per trasformare l’IA da minaccia a opportunità

Quando parliamo di “IA che fa paura “, non stiamo parlando della trasformazione digitale di Halloween. Piuttosto, siamo concentrati sul cupo futuro che spesso vediamo nei film, nei libri e in televisione.

In un recente sondaggio condotto dal Center for the Governance of AI dell’Università di Oxford , più americani si oppongono allo sviluppo dell’IA che al supporto. In effetti, il 34% degli americani ritiene che l’IA avrebbe un impatto negativo sull’umanità, mentre un altro 12% ritiene che l’IA avrebbe un impatto MOLTO negativo come l’estinzione umana. Al contrario, paesi come il Giappone hanno la sensazione opposta , dove le persone pensano che l’IA sarà un grande vantaggio per l’umanità. Perché alcune persone hanno paura mentre altre sperano? È una domanda complicata, ma la risposta è profondamente radicata nel livello di comfort .

Secondo il sondaggio, il supporto per lo sviluppo dell’IA è più forte tra le persone facoltose, istruite, di sesso maschile o tecnologiche. I punti in comune sono il livello di esposizione alla tecnologia. Più una persona comprende (o addirittura usa) l’intelligenza artificiale, migliore è il livello di comfort che ha con essa. Le famiglie ricche tendono ad avere più dispositivi digitali che creano una maggiore esposizione. Le persone con diplomi universitari tendono ad avere più contatti attraverso le lezioni, l’apertura alle idee e la digitalizzazione dell’istruzione. Secondo gli psicologi, gli uomini tendono a fidarsi della tecnologia più delle donne, il che potrebbe ridurre le preoccupazioni sull’intelligenza artificiale (e quindi aumentare il livello di comfort). Per gli esperti di tecnologia, se sono già interessati alla tecnologia, è più probabile che vedano l’IA come un’opportunità. di una minaccia.

Faccia rossa diabolica il giorno di Halloween. Modello wireframe isolato su sfondo nero, intelligenza artificiale nel concetto di tecnologia futuristica, illustrazione 3d

Di conseguenza, stiamo assistendo a una biforcazione globale sul valore dell’IA. È interessante notare che questa dicotomia sta soffocando la velocità dell’innovazione e allo stesso tempo ostacola la nostra capacità di garantire che l’IA sia utilizzata per buoni scopi. A partire dal fattore paura, l’argomento comune è che le preoccupazioni sull’IA hanno un’innovazione limitata. La velocità con cui possiamo muoverci è limitata, motivo per cui ci sono stati progressi così lenti nel progresso della medicina, dell’istruzione e di altre aree benefiche. (Stiamo semplificando un po ‘qui non considerando le esigenze di dati e le problematiche che possono esistere in alcune di queste aree.) Basta considerare i veicoli autonomi che potrebbero salvare la tragedia per quasi venti milioni di persone ogni anno. Il rovescio della medaglia, abbiamo visto i tecnologi muoversi così velocemente che non stanno riflettendo sugli effetti a catena della loro tecnologia o, in alcuni casi, hanno persino compreso appieno come funziona la loro soluzione AI. Ad esempio, abbiamo il reclutatore AI di Amazon che si è rivelato sessista oi robot di messaggistica di Facebook che hanno effettivamente creato il proprio linguaggio stenografico.

Quindi cosa facciamo? Dobbiamo prendere una pagina da una canzone dei Depeche Mode: Get the Balance Right! Entrambe le parti devono unirsi per collaborare accettando queste verità:

  1. Lo tsunami del cambiamento dell’IA non può essere fermato, ma possiamo dare forma a come apparirà.
  2. Non comprendiamo appieno come le persone potrebbero utilizzare o abusare della tecnologia, quindi abbiamo bisogno di prospettive diverse nella pianificazione degli scenari e nella formazione sull’IA.
  3. La paura uccide la mente, ma dobbiamo affrontare la nostra paura.

Cavalca lo tsunami

Il 14 febbraio 2011, IBM Watson ha giocato contro i due migliori campioni umani nel game show Jeopardy. Questo è considerato il punto di lancio dell’attuale ondata di intelligenza artificiale. È successo quasi 10 anni fa e la tecnologia AI e le soluzioni hanno fatto molta strada. Vi sono massicci investimenti nell’intelligenza artificiale da parte di tutti i tipi di società e fondi di capitale di rischio. In effetti, l’intelligenza artificiale è prevalente nella nostra vita quotidiana (anche se non ce ne rendiamo conto). Influenza i nostri feed di notizie, le pubblicità che vediamo e persino il nostro comportamento sui social media. Non è possibile premere il “pulsante di pausa” sull’IA mentre cerchiamo di capire le cose come hanno chiesto a gran voce alcuni gruppi.

Tuttavia, possiamo ancora dare forma a questa onda. Adottando un approccio proattivo e collaborativo, possiamo incanalare i nostri sforzi di IA verso obiettivi di impresa sociale (cioè bene commerciale e sociale). Concentrandoci sui risultati, incanaleremo i nostri sforzi verso sforzi più produttivi piuttosto che solo su ciò che “interessante” o cose redditizie possiamo fare con la tecnologia. Abbiamo già assistito a iniziative come la soluzione AI PAWS (Protection Assistant for Wildlife Security) che aiuta a combattere il bracconaggio o Freeland che utilizza l’apprendimento automatico per combattere il traffico illecito di oggetti o persone.

Anticipare usi strani

Quando si tratta di persone, processi e tecnologia, le persone sono ancora il jolly. Le persone possono essere imprevedibili e fare le cose “più strane” a volte. Ad esempio, quando si trattava di tecnologia dei droni, c’era qualcosa di molto più di una semplice macchina volante alla moda. Abbiamo immaginato di utilizzare i droni per migliorare l’agricoltura, rilevare la terra e il mare per lo sviluppo e aiutare a prevedere gli ingorghi. Tuttavia, chi immaginava che le persone avrebbero utilizzato questa tecnologia per perseguitare le persone, volare pericolosamente vicino agli aeroporti o persino bloccare i soccorritori durante i disastri naturali come gli incendi?

Come possiamo vedere, ci sono vantaggi e svantaggi quando si tratta di utilizzare la tecnologia. La sfida è che spesso utilizziamo lo “scenario della giornata di sole”, che si concentra sui comportamenti e sui risultati che vogliamo produrre, ma non tiene conto degli abusi che le persone potrebbero impiegare. Peggio ancora, è il pregiudizio implicito che esiste quando formiamo soluzioni AI. Il razzismo involontario, il sessismo e altri “ismi” perché non possiamo vedere chiaramente gli svantaggi. Questo è uno dei grandi ostacoli nel tentativo di creare giudici robot IA perché il pregiudizio implicito nel nostro sistema giudiziario porterebbe l’IA a raggiungere giudizi che riflettono impatti disparati. Per fortuna, abbiamo una soluzione. Portare un gruppo eterogeneo di persone con prospettive e conoscenze diverse evidenzia più di questi potenziali problemi durante la formazione sull’IA. Non significa perfezione,

Highway con le parole ″ affronta le tue paure ″ scritte sulla strada.
Affronta le tue paure DEPOSITA FOTO
Attingendo alla litania della paura

Nel suo pluripremiato libro Dune , Frank Herbert condivide la sua Litany of Fear:

Non devo aver paura.

La paura è l’assassino della mente.

La paura è la piccola morte che porta all’oblio totale.

Affronterò la mia paura.

Lo permetterò di passare su di me e attraverso di me.

E quando sarà passato, volgerò l’occhio interiore per vedere il suo percorso.

Dove è finita la paura non ci sarà niente. Solo io rimarrò.

Questo è un consiglio fantastico per noi. Non dovremmo ignorare le nostre preoccupazioni, ma neppure possiamo esserne pietrificati. Dobbiamo trovare il giusto equilibrio per andare avanti e creare un valore ottimale per la società. (Ricorda, quello tsunami AI non si ferma per noi.)

Il modo migliore per gestire la nostra paura è affrontarla, affrontarla e sconfiggerla. La nostra trepidazione può essere un’enorme fonte di innovazione se ci concentriamo sulla trasformazione delle minacce in opportunità. Questo è un enorme sforzo per le culture aziendali e gli individui. Tuttavia, deve essere fatto. Altrimenti saremo bloccati in “marcia neutra”, non ci muoveremo mai abbastanza velocemente da fermare la trazione ma non fermeremo veramente o cambieremo le cose in meglio.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi