Home / Intelligenza artificiale pericolo / L’intelligenza artificiale AI nelle operazioni militari

L’intelligenza artificiale AI nelle operazioni militari

Quali sono lo scopo e le sfide dell’utilizzo dell’IA nelle operazioni militari

L’intelligenza artificiale è penetrata in quasi tutte le industrie civili a cui si possa pensare. Ha trasformato il modo in cui lavorano gli individui e le imprese e ora si sta rapidamente facendo strada diventando una parte fondamentale della guerra moderna.

La forza del suo esercito è uno dei fattori che indicano quanto sia potente il paese. In alcune delle nazioni più sviluppate, gli investimenti in questo settore sono i più elevati rispetto ad altri settori. Una parte importante di questo investimento va verso una ricerca e uno sviluppo rigorosi nella tecnologia moderna come l’IA nelle applicazioni militari. I sistemi militari dotati di intelligenza artificiale sono in grado di gestire in modo efficiente volumi di dati. In aggiunta a ciò, tali sistemi hanno migliorato l’autocontrollo, l’autoregolazione e l’autoattivazione grazie alle sue capacità di elaborazione e decisione superiori.

Usa casi di intelligenza artificiale in difesa
Addestramento : l’addestramento e la simulazione sono campi multidisciplinari che utilizzano i principi di ingegneria del sistema e del software per costruire modelli che possono aiutare i soldati ad addestrarsi su vari sistemi di combattimento dispiegati durante le operazioni militari effettive. La Marina e l’esercito degli Stati Uniti hanno già avviato diversi programmi di simulazione dei sensori.

Inoltre, le tecniche di realtà aumentata e virtuale possono essere utilizzate per creare simulazioni efficaci, realistiche e dinamiche a scopo di formazione. Le tecniche di rinforzo migliorano l’addestramento al combattimento sia per gli agenti virtuali che per i soldati umani.

Sorveglianza : l’intelligenza artificiale con analisi geospaziale può aiutare nell’estrazione di informazioni preziose da apparecchiature collegate come radar e sistemi di identificazione automatica. Queste informazioni possono aiutare a rilevare eventuali attività illegali o sospette e allertare l’autorità interessata. Anche i robot con intelligenza artificiale e visione artificiale con IoT possono aiutare nell’identificazione e classificazione degli obiettivi.

Armi e munizioni : le armi new-age ora sono dotate di tecnologia integrata nell’IA. Ad esempio, i missili sofisticati hanno la capacità di determinare e analizzare la portata del bersaglio per le kill zone senza alcun intervento umano.

Cybersecurity : nei circoli della difesa, il cyberspazio è ora considerato come il terzo fronte di guerra dopo terra, mare e aria. Una rete compromessa e dannosa può compromettere gravemente la sicurezza dell’intera regione. Le istituzioni della difesa utilizzano l’apprendimento automatico per prevedere e proteggere da intrusioni non autorizzate. Questo rilevamento delle intrusioni viene solitamente eseguito classificando la rete come normale o intrusiva. Le tecniche basate sull’intelligenza artificiale aiutano ad aumentare l’accuratezza di tale classificazione.

Logistica : uno dei fattori più importanti che giocano un ruolo nel determinare il successo di un’operazione militare è la logistica. L’integrazione dell’apprendimento automatico e dell’analisi geospaziale con i sistemi logistici militari riduce la quantità di sforzi, tempo ed errori.

Uso dell’IA nelle forze armate di tutto il mondo
Alcuni dei precursori nell’implementazione della tecnologia new age per rafforzare ulteriormente le loro forze sono: Stati Uniti, Cina e Russia.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha rilasciato la sua prima strategia di intelligenza artificiale nel 2019 che richiedeva un utilizzo crescente dei sistemi di intelligenza artificiale in tutto il settore militare, dal processo decisionale alla previsione dei problemi attraverso investimenti e partnership con istituti privati ​​nella ricerca sull’intelligenza artificiale. Alcuni dei più popolari progetti basati sull’intelligenza artificiale che sono già schierati nelle forze armate statunitensi sono il progetto Maven, il programma di sperimentazione Squad X della Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) e il programma OFFSET.

La leadership cinese ha anche spinto per una maggiore innovazione basata sull’intelligenza artificiale e sull’apprendimento automatico nella tecnologia militare. Il presidente XI Jinping ha chiesto di percorrere la strada dell ‘”innovazione in stile fusione militare-civile”; anche questo ha trovato il suo posto nella strategia nazionale cinese. Alcuni dei progetti in corso sono: “Military-Civil Fusion National Defense Peak Technologies Laboratory” lanciato dalla Tsinghua University e lo sviluppo del modello Blowfish A2 in collaborazione con una società chiamata Ziyan UAV.

Secondo l’azienda, questo modello Blowfish A2 può eseguire autonomamente missioni di combattimento complesse come il rilevamento del tempo a punto fisso e colpi di precisione mirati. In particolare, nel 2017, la Cina ha pubblicato il suo piano AI del Consiglio di Stato, che delinea l’ambizioso progetto del paese che mira a creare un’industria di intelligenza artificiale del valore di 150 miliardi di RMB.

L’abilità militare della Russia è famosa in tutto il mondo. Il paese gestisce il proprio equivalente della DARPA degli Stati Uniti chiamato Foundations for Advanced Research Projects. Sull’intelligenza artificiale per il fronte militare, gli alti funzionari sono stati visti sostenere lo sviluppo di una tecnologia basata sull’intelligenza artificiale. Secondo quanto riferito, le forze di difesa russe stanno cercando di sfruttare l’intelligenza artificiale, i big data e l’apprendimento automatico per condurre operazioni di informazione di maggiore impatto. Attualmente, la Russia investe molto nell’intelligenza artificiale per il rilevamento, l’analisi e lo smascheramento della disinformazione, sia nel settore commerciale che nella difesa.

Anche l’India , che ha uno degli eserciti più grandi al mondo, sta compiendo piccoli passi nell’implementazione dell’innovazione basata sull’intelligenza artificiale nei suoi progetti di combattimento e sorveglianza. Infatti, nel 2019, il Ministero della Difesa ha istituito un Consiglio AI di alto livello per la Difesa (DAIC), a cui è assegnato il compito di fornire la direzione strategica per l’adozione dell’IA in difesa. La funzione principale di DAIC include la guida della partnership tra il governo e l’industria per l’implementazione di tali innovazioni.

Sfide future
Una delle principali preoccupazioni dell’utilizzo della tecnologia basata sull’intelligenza artificiale è un investimento in termini di denaro e competenze. Soprattutto per i paesi a reddito medio come l’India, dove gran parte della popolazione vive ancora sotto la soglia di povertà, quanto possiamo permetterci di fornire capacità infrastrutturali per costruire tale tecnologia è una grande domanda. La possibile soluzione è che i responsabili politici debbano decidere quale programma di IA è necessario per la sicurezza della nazione e lavorare per loro.

L’uso dell’IA in difesa presenta anche un dilemma etico. Esperti e organizzazioni di tutto il mondo hanno lanciato questa tecnologia in modo involontario intensificando le tensioni tra i paesi. Uno degli argomenti è che se un sistema di intelligenza artificiale non riesce a funzionare come previsto può comportare implicazioni catastrofiche. In effetti, diversi gruppi per i diritti umani e civili chiedono un divieto assoluto di dispositivi autonomi nella difesa, in particolare le armi.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi