Lascia che la tua mente controlli il computer
Con i segnali elettrici provenienti dal cervello umano come unico input, il nuovo software può eseguire l’editing computerizzato delle immagini. Questo segna un nuovo paradigma nell’intelligenza artificiale


Presto non avremo più bisogno di usare la funzione Aiuto. Il computer rileverà che abbiamo un problema e verrà in soccorso da solo. Questa è una delle possibili implicazioni della nuova ricerca presso l’Università di Copenaghen e l’Università di Helsinki.

“Possiamo fare in modo che un computer modifichi le immagini interamente basandoci sui pensieri generati da soggetti umani. Il computer non ha assolutamente alcuna informazione preliminare su quali funzionalità dovrebbe modificare o come. Nessuno l’ha mai fatto prima”, afferma il Professore Associato Tuukka Ruotsalo, Dipartimento di Informatica, Università di Copenaghen.

I risultati sono presentati in un articolo accettato per la pubblicazione al CVPR 2022 (Computer Vision and Pattern Recognition), la conferenza più prestigiosa del settore.

L’attività cerebrale come unico input
Nello studio sottostante, 30 partecipanti sono stati dotati di cappucci contenenti elettrodi che mappano i segnali elettrici del cervello (elettroencefalografia; EEG). A tutti i partecipanti sono state date le stesse 200 diverse immagini facciali da guardare. Inoltre, hanno ricevuto una serie di compiti come cercare volti femminili, cercare persone anziane, cercare capelli biondi ecc.

I partecipanti non avrebbero eseguito alcuna azione, ma solo guardare brevemente le immagini – 0,5 secondi per ogni immagine. In base alla loro attività cerebrale, la macchina prima mappa la preferenza data e quindi modifica le immagini di conseguenza. Quindi, se il compito fosse cercare persone anziane, il computer modificherebbe i ritratti dei più giovani, facendoli sembrare più vecchi. E se il compito fosse cercare un determinato colore di capelli, tutti otterrebbero quel colore.

“In particolare, il computer non conosceva il riconoscimento facciale e non avrebbe idea di sesso, colore dei capelli o altre caratteristiche rilevanti. Tuttavia, ha solo modificato la caratteristica in questione, lasciando invariate altre caratteristiche del viso”, commenta il dottorando Keith Davis, Università di Helsinki.

Alcuni potrebbero obiettare che esistono già molti software in grado di manipolare i lineamenti del viso. Non avrebbe senso, Keith Davis spiega:

“Tutto il software esistente è stato precedentemente addestrato con input etichettati. Quindi, se vuoi un’app che possa far sembrare le persone più anziane, le dai in pasto migliaia di ritratti e dici al computer quali sono giovani e quali vecchi. Qui, l’attività cerebrale dei soggetti era l’unico input. Questo è un paradigma completamente nuovo nell’intelligenza artificiale, che utilizza il cervello umano direttamente come fonte di input”.

Possibili applicazioni in medicina
Una possibile applicazione potrebbe essere in medicina:

“I medici usano già l’intelligenza artificiale nell’interpretazione delle immagini di scansione. Tuttavia, gli errori accadono. Dopotutto, i medici sono assistiti solo dalle immagini ma prenderanno le decisioni da soli. Forse alcune caratteristiche delle immagini sono più spesso fraintese di altre. Tali modelli potrebbero essere scoperti attraverso un’applicazione della nostra ricerca”, afferma Tuukka Ruotsalo.

Un’altra applicazione potrebbe essere l’assistenza a determinati gruppi di persone disabili, ad esempio consentendo a una persona paralizzata di utilizzare il proprio computer.

“Sarebbe fantastico”, commenta Tuukka Ruotsalo, aggiungendo:

“Tuttavia, questo non è il fulcro della nostra ricerca. Abbiamo un’ampia portata, cercando di migliorare l’apprendimento automatico in generale. La gamma di possibili applicazioni sarà ampia. Ad esempio, tra 10 o 20 anni potremmo non aver bisogno di usare un mouse o digitare comandi per far funzionare il nostro computer. Forse possiamo semplicemente usare il controllo mentale!

Chiede una regolamentazione delle politiche
Tuttavia, la moneta ha un rovescio della medaglia secondo Tuukka Ruotsalo:

“La raccolta di segnali cerebrali individuali implica problemi etici. Chiunque acquisisca questa conoscenza potrebbe potenzialmente ottenere una visione profonda delle preferenze di una persona. Vediamo già alcune tendenze. Le persone acquistano orologi “intelligenti” e dispositivi simili in grado di registrare la frequenza cardiaca ecc., ma siamo sicuri che non vengano generati dati che diano alle aziende private conoscenze che non vorremmo condividere?”

“Vedo questo come un aspetto importante del lavoro accademico. La nostra ricerca mostra cosa è possibile, ma non dovremmo fare le cose solo perché si possono fare. Questo è un settore che, a mio avviso, deve essere regolato da linee guida e politiche pubbliche. Se questi non vengono adattati, le aziende private andranno avanti”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi