Home / Società / L’analisi dei dati dei social con l’intelligenza artificiale alla luce della Privacy e del GDPR

L’analisi dei dati dei social con l’intelligenza artificiale alla luce della Privacy e del GDPR

L’ANALISI DEI SOCIAL MEDIA È RIDONDANTE OGGI?

Nell’ultimo decennio si è verificata un’esplosione dei dati sui social media e, allo stesso tempo, anche i modelli AI / ML stanno migliorando nel prevedere gli interessi delle persone e le abitudini di acquisto. I dati dei social media possono essere elaborati e analizzati utilizzando modelli di intelligenza artificiale per trovare correlazioni significative per indirizzare con precisione prodotti e servizi a consumatori specifici. Inoltre, con l’analisi automatica del sentiment da parte dei clienti, possono ottenere un feedback prezioso.

Le aziende possono anche sfruttare i modelli di analisi sui dati raccolti dai social network e utilizzare framework computazionali come Apache Hadoop per analizzare grandi volumi di dati. Molte aziende hanno utilizzato i dati dei social media da Twitter, Facebook, Instagram LinkedIn, Snapchat per migliorare il ROI di marketing e indirizzare i consumatori analizzando il comportamento della piattaforma degli utenti in relazione ai dati demografici.

Ma c’è un avvertimento! I dati dei social media forniscono grandi spunti sul comportamento dei consumatori, pertanto le aziende raccolgono e analizzano i dati, ma potrebbero dover affrontare problemi di privacy.

Social Media Analytics contro violazioni della privacy
Sin dallo scandalo analitico di Cambridge e dall’introduzione di regolamenti come il GDPR, è diventato più rigoroso per le aziende sfruttare le analisi dei social media per la pubblicità mirata. L’impatto dello scandalo Cambridge Analytica è stato un catalizzatore in questo senso quando si è scoperto che le applicazioni di terzi su Facebook stavano estraendo i dati degli utenti per la profilazione della campagna politica.

In passato, aggregatori di dati di terze parti raschiavano i siti di social media e raccoglievano dati personali sensibili, che venivano poi rivenduti alle aziende. Ora, con l’introduzione di regolamenti che vietano tale pratica, l’analisi dei social media diventerà ridondante o meno efficace per le aziende?


Eventi come lo scandalo Cambridge Analytica / Facebook, enormi incidenti di sicurezza come la violazione di Equifax e in seguito il GDPR hanno spianato la strada al rafforzamento delle norme su come i dati personali vengono raccolti, archiviati ed elaborati. Negli ultimi anni, le azioni legali contro queste società tecnologiche sulle norme sulla privacy hanno solo rafforzato la tendenza.

Le aziende intorno si stanno quindi preparando a diventare più conformi alle normative e ai dati che raccolgono dagli utenti. Facebook, ad esempio, ora è diventato più trasparente per gli utenti specificando quali dati raccolgono e quali informazioni forniscono a terzi per le loro campagne pubblicitarie.

I profili dei social media contengono informazioni identificabili personalmente e altri dati sensibili che possono essere utilizzati dai data scientist per creare modelli per prodotti specifici, che possono generare più vendite. Le sfide con la raccolta di dati sui social media possono dipendere dal tipo di dati raccolti (dati sociali non personali o dati personali) e dal modo in cui i dati vengono utilizzati. Dipende anche dalle leggi e dai regolamenti applicabili in geografia. Ad esempio, in Europa, sarà più difficile per le società di analisi dei social media eseguire il loro pieno potenziale utilizzando i dati, rispetto ai paesi asiatici in cui le leggi sulla privacy sono meno rigorose.

Analisi dei dati sociali conforme alla privacy
Senza dover profilare gli utenti utilizzando identificatori digitali come indirizzi IP o Mac e cookie, c’è ancora molto che si può fare. Le aziende stanno esaminando l’elaborazione dei dati conforme al GDPR sui dati dei social media, con il consenso e la trasparenza adeguati su come i dati personali vengono raccolti e utilizzati per l’analisi. Qui i dati dei social media non sensibili vengono utilizzati per aumentare le vendite o generare approfondimenti di marketing con l’integrazione di CRM, che è un uso appropriato dei “mi piace” dei social media per raggiungere obiettivi aziendali specifici. D’altra parte, se i dati personali sensibili vengono estratti per tracciare gli utenti o esaminare le loro abitudini di acquisto, ciò potrebbe costituire una violazione almeno in alcune aree geografiche globali.


Per le aziende, è importante fare attenzione alla natura dei dati raccolti per l’analisi e assicurarsi che non siano di natura personale, in quanto possono attirare sanzioni. Per contrastare questo, sono stati messi in atto adeguati programmi di governance dei dati per analizzare le tendenze dei social media e assicurarsi che non vi siano violazioni.

Anche se ci sono meno set di dati disponibili per l’analisi dei social media su dati identificativi personali, le società di analisi dei social media continueranno a utilizzare i dati non personali per l’analisi del sentiment, le tendenze di vendita, la visualizzazione e l’acquisizione di lead di vendita, il tutto entro i limiti delle normative. Ad esempio, monitorando i social media, è possibile determinare l’analisi del sentiment dei clienti su dati non personali, che possono essere convertiti in informazioni fruibili.

La tabella di marcia per l’analisi dei social media
La linea di fondo è che la raccolta e l’utilizzo dei dati dei social media sono complessi e coinvolgono molteplici fonti e sfide nella gestione dei dati. Ciò è fonte di confusione per i professionisti dell’analisi e le società di analisi dei dati sociali per identificare la legalità della raccolta di questo tipo di dati sui social media.

Ciò significa che le aziende continueranno a utilizzare prodotti popolari come Google Analytics per monitorare le prestazioni della campagna sui social media, le conversioni e, in definitiva, comprendere il ritorno sugli investimenti dagli sforzi di marketing sui social media. Altre grandi aziende come Salesforce, IBM, SAS hanno prodotti per l’analisi dei dati sui social media.

Mentre l’analisi dei social media continuerà a svolgere un ruolo nelle vendite e nel marketing, anche altre aree come la gestione del rischio e il rilevamento delle frodi stanno diventando sempre più importanti. Qui, le forze dell’ordine stanno sfruttando l’analisi dei social media per estrarre e analizzare i dati generati da varie fonti di dati.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi