Home / Programmazione / L’ascesa e l’impatto di Splinternet

L’ascesa e l’impatto di Splinternet

Un’Internet globale sempre più frammentata ha conseguenze di vasta portata che avranno un impatto sul nostro futuro per i decenni a venire

Durante l’avvento del consumer computing, Internet è stato concepito per connettere persone da tutto il mondo e aiutare a condurre verso una società globalizzata che trascende i confini nazionali. A quasi due decenni di distanza, il mondo sembra essere più connesso che mai. Tuttavia, Internet globale come lo conosciamo è sul punto di frantumarsi in piccole bolle di reti nazionali a causa di politiche nazionali aggressive, controversie commerciali, censura e insoddisfazione per le grandi aziende tecnologiche.

Soprannominata la “Splinternet” da alcuni esperti , questa balcanizzazione digitale ha conseguenze di vasta portata che incidono allo stesso modo sui sindacati internazionali, sulle imprese di dati e sui singoli consumatori. Anche se questo non è del tutto nuovo, con nazioni come la Cina che si sono isolate da Internet per anni, la pandemia COVID-19 ha accelerato questo cambiamento. Molte nazioni stanno spingendo per una maggiore attenzione agli interessi personali e alla sicurezza.

Cambiamenti globali verso la splinternet
Forse l’istanza più sofisticata di Internet frammentata oggi sarebbe il Great Firewall cinese ”. Bloccato da una combinazione di firewall reali, propaganda governativa e severa censura governativa, Internet cinese è notevolmente diverso da Internet che la maggior parte del mondo è abituata a vedere. Quelli che sono visti come servizi essenziali, come Google Search e Maps, i social media occidentali e così via, sono completamente banditi e sostituiti da alternative cinesi come Weibo nel nome della Cyber ​​Sovereignty . In effetti, una ricerca pubblicata da Oracle ha affermato che Internet in Cina è effettivamente una intranet che può funzionare anche se il resto della rete globale si spegne.

Nel 2018, l’ex CEO di Google, Eric Schmidt, aveva previsto che Internet si sarebbe biforcata in una fazione guidata dalla Cina con nazioni in Asia, Africa ed Europa che hanno accordi con la Cina e una fazione guidata dall’Occidente. La cyber-diplomazia cinese sembra spingersi verso lo stesso. Nel 2020, la nazione dell’Uganda ha utilizzato un ampio sistema di sorveglianza e riconoscimento facciale per reprimere i cittadini che protestavano, un sistema sviluppato dal gigante tecnologico cinese Huawei. Pochi mesi dopo, nel gennaio del 2021, Facebook e Twitter hanno rimosso una rete di account associati al governo ugandese cercando di diffondere disinformazione e influenzare le elezioni. Poco dopo, la Commissione per le comunicazioni dell’Uganda si interruppeInternet all’interno del paese. Anche altre nazioni africane stanno seguendo l’esempio aumentando il controllo e le normative governative e limitando l’accesso ai social media e a Internet. La regolamentazione inizialmente è arrivata sotto forma di leggi che pretendono di prevenire l’incitamento all’odio e la disinformazione. Tuttavia, hanno presto iniziato a prendere di mira le piattaforme stesse, cercando di censurarle o rimuoverle completamente.

Le leggi russe sulla censura di Internet li hanno anche portati ad avviare una restrizione a livello nazionale sull’accesso a Internet esterno e a testare con successo la loro intranet alla fine del 2019. Altre reti simili includono Kwamyong (Bright Light) della Corea del Nord, Cuba’s Red Cubana e Iran’s National Information Rete, tutte istituite per controllare il flusso di informazioni che rivendicano la sicurezza nazionale come preoccupazione. La maggior parte di questi può persino limitare l’accesso alle VPN, isolando completamente i loro cittadini da Internet globale.

Leggi sulla privacy dei dati
Non tutti i cambiamenti verso una Splinternet derivano dalla censura. L’esodo di massa degli utenti americani da Twitter verso piattaforme localizzate come Parler e Gab è stato confermato dalla loro insoddisfazione per il modo in cui le grandi aziende tecnologiche gestiscono le informazioni, con il minimo coinvolgimento del governo ufficiale. La popolarità dell’app indiana Koo può essere attribuita allo stesso.

Inoltre, le leggi sulla privacy come il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE e la Legge sulla privacy dei dati (LGPD) del Brasile danno la priorità alla privacy degli utenti e dei dati rispetto alla libertà di espressione. Ciò porta al blocco di notizie importanti e altri siti Web per motivi come politiche sui cookie di terze parti tutt’altro che ideali, nonché minacce di un divieto completo su piattaforme tecnologiche di grandi dimensioni che si rifiutano di rispettare le leggi. Allo stesso modo, il governo indiano ha anche vietato un lungo elenco di app cinesi che citano preoccupazioni sulla privacy dei dati.

Le società di social media possono anche essere quelle ad avviare fratture su Internet, l’esempio recente più degno di nota è la battaglia tra Facebook, Google e il governo australiano, in cui le società hanno interrotto brevemente l’accesso alle pagine di notizie e hanno considerato di lasciare completamente il paese.

Impatto sui consumatori e sulle imprese di dati
L’impatto più significativo che avrebbe una Splinternet sarebbe il suo accesso estremamente limitato alle informazioni. La sospensione temporanea degli account di Twitter e la rimozione della loro visibilità all’interno dell’India ne è un esempio. Le nuove regole IT in India hanno anche il potenziale per aumentare la sorveglianza e la censura del governo. La recente minaccia di Google di sospendere il proprio motore di ricerca in Australia, se implementata, contribuirebbe anche alla diffusa perdita di un facile accesso alle informazioni.

Le normative e le politiche sempre più complesse esacerbano anche i costi di gestione delle imprese e potrebbero causare la chiusura o l’uscita di molti dalla nazione ospitante. Molte aziende fanno anche molto affidamento sui dati globali accumulati da imprese centralizzate e una Splinternet avrebbe un impatto su entrambe le categorie di attività.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi