Prima che la pandemia globale colpisse nel 2020 e il mondo fosse capovolto, l’intelligenza artificiale (AI) e in particolare il ramo dell’IA noto come machine learning (ML) stavano già causando interruzioni diffuse in quasi tutti i settori.

La pandemia di Covid-19 ha avuto un impatto su molti aspetti del nostro modo di fare affari, ma non ha diminuito l’impatto che l’AI sta avendo sulle nostre vite. In effetti, è diventato evidente che gli algoritmi di autoapprendimento e le macchine intelligenti giocheranno un ruolo importante nella lotta in corso contro questo focolaio e altri che potremmo affrontare in futuro.

L’intelligenza artificiale rimane senza dubbio una tendenza chiave quando si tratta di scegliere le tecnologie che cambieranno il modo in cui viviamo, lavoriamo e giochiamo nel prossimo futuro. Quindi, ecco una panoramica di ciò che possiamo aspettarci durante quello che sarà un anno di ricostruzione delle nostre vite e di ripensamento delle strategie e delle priorità aziendali.

Analisi e approfondimenti dei Big Data più intelligenti

Durante questa pandemia in corso, abbiamo visto in prima persona l’urgente necessità di analizzare e interpretare rapidamente i dati sulla diffusione dei virus in tutto il mondo. Governi, organismi sanitari globali, centri di ricerca accademica e industria si sono uniti per sviluppare nuovi modi in cui le informazioni possono essere raccolte, aggregate e con cui lavorare. Ci siamo abituati a vedere i risultati di questo nelle notizie ogni notte, quando vengono forniti gli ultimi tassi di infezione o di morte per le nostre regioni.

Il progresso tecnologico è la ragione principale per cui questa pandemia non ha (ancora) ucciso tante persone come, ad esempio, l’epidemia di influenza spagnola del 1918 che ha causato fino a 50 milioni di vite. Dal progresso nella tecnologia medica e negli standard di cura, ai progressi nella tecnologia di comunicazione che hanno consentito di individuare più rapidamente le epidemie e di imporre blocchi. Nel prossimo anno, l’intelligenza artificiale verrà aggiunta all’elenco degli sviluppi tecnologici che ci consentono di affrontare in modo più efficace le pandemie.

La crescita della sola letteratura scientifica e medica è enorme, con oltre 28.000 articoli pubblicati entro aprile di quest’anno relativi al Covid-19. Un motore di ricerca dedicato alimentato da algoritmi di elaborazione del linguaggio naturale (NLP) è già stato reso disponibile, quindi chiunque può ottenere assistenza AI durante le indagini su questo enorme set di dati.

È in corso anche il lavoro per sviluppare soluzioni di IA per aiutare ad affrontare l’enorme arretrato di altre questioni mediche, come il cancro , dove il trattamento è stato influenzato poiché le risorse vengono deviate per combattere il Covid-19. Nel prossimo anno, è probabile che assisteremo a un’adozione accelerata dell’IA in molte altre aree dell’assistenza sanitaria, non solo correlate alla lotta contro i virus.

Sviluppando la nostra capacità di applicare la risoluzione dei problemi di apprendimento automatico a questi enormi set di dati globali in tempo reale, individueremo le epidemie più facilmente, monitoreremo i contatti tra persone infette, consentiremo diagnosi più accurate e, prevedendo i modi in cui un virus potrebbe evolversi futuro, sviluppare vaccinazioni più efficaci e durature.

Rilevamento e prevenzione automatizzati

Abbiamo già visto l’uso di droni in diverse giurisdizioni, inclusi gli Stati Uniti, per almeno testare la possibilità che possano essere utilizzati per monitorare se vengono seguite le linee guida di distanziamento sociale . Sono all’orizzonte applicazioni più avanzate, come i droni con la capacità di rilevare i sintomi COVID come l’alta temperatura negli individui all’interno di una folla. Questi sistemi utilizzano la tecnologia di visione artificiale per analizzare i dati acquisiti dalle telecamere sui droni e informare le autorità o gli amministratori locali delle statistiche e delle probabilità intorno alla diffusione del virus.

Un’altra area di crescita correlata sarà l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale, alimentata anche da algoritmi di visione artificiale. Un po ‘più controverso in quanto si concentra sull’identificazione degli individui, piuttosto che sui modelli tra gruppi di persone, il riconoscimento facciale è stato utilizzato dalla polizia per rilevare chiusure e chi evita la quarantena , nonché per monitorare i movimenti delle persone che mostrano sintomi all’interno di una folla.

Le prove sembrano suggerire che il pubblico sia diventato più tollerante nei confronti delle tattiche di sorveglianza che in precedenza sarebbero state considerate eccessivamente draconiane, a causa dei rischi per la salute rappresentati dal virus. È probabile che questa tolleranza venga ulteriormente testata nei prossimi 18 mesi man mano che i tecnologi diventeranno più esperti nella sorveglianza guidata dall’IA e persino nell’applicazione.

Business in ripresa: previsione della trasformazione comportamentale

Il modo in cui viviamo, lavoriamo e socializziamo è stato enormemente influenzato dalla diffusione del Covid-19. Anche se c’è stata una forte e costante tendenza verso il digitale in molti aspetti della società, quest’anno abbiamo assistito a una fuga precipitosa. Le vendite di Amazon durante il secondo trimestre del 2020 sono aumentate del 40% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, poiché anche coloro che finora hanno evitato la vendita al dettaglio online sono stati costretti a rivalutare le loro opzioni.

Esistono già piattaforme e strumenti di intelligenza artificiale per aiutare le aziende a comprendere il modo in cui i loro clienti si stanno adattando a una nuova realtà. Le organizzazioni che in precedenza erano in ritardo nell’adozione dei canali digitali per il commercio e la promozione delle relazioni sono arrivate a comprendere l’urgenza della situazione e stanno rapidamente affrontando concetti come l’analisi comportamentale e la personalizzazione. Gli strumenti che forniscono alle organizzazioni l’accesso self-service a questa tecnologia diventeranno sempre più diffusi nel 2021, poiché le piccole e medie imprese stanno cercando di stabilire il proprio vantaggio competitivo.

Fermare la prossima pandemia prima ancora che inizi

La maggior parte degli algoritmi di intelligenza artificiale sono orientati alla previsione e il Santo Graal dell’epidemiologia assistita dall’intelligenza artificiale sarà quello di costruire sistemi in grado di prevedere con precisione quando e dove si verificheranno future epidemie. Questa ricerca è in corso da un po ‘di tempo e, infatti, alcuni dei primi avvisi sull’attuale epidemia sono stati generati dall’IA. Lo strumento di BlueDot con sede a Toronto stava già analizzando 100.000 fonti di dati governative e dei media ogni giorno quando ha emesso un avviso su una potenziale epidemia a Wuhan, in Cina, il 31 dicembre 2019.

Possiamo aspettarci che la ricerca sull’IA produca ulteriori scoperte nei prossimi 18 mesi che aumenteranno la nostra capacità di individuare e reagire al pericolo di epidemie virali. Perché ciò avvenga, tuttavia, sarà necessaria anche una continua cooperazione globale tra governi e industria privata. Il modo in cui andrà a finire sarà molto probabilmente influenzato dalla politica e dai legislatori globali, nonché dal corso dello sviluppo tecnologico. Per questo motivo, anche questioni come l’accesso a set di dati medici e le barriere allo scambio internazionale di informazioni saranno temi caldi nel prossimo anno

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi