Per molti anni, l’intelligenza artificiale ha eluso gli smartphone a causa della sua natura pesante in termini di risorse. Con l’introduzione di strumenti come TFLite e altri framework, i modelli di machine learning sono diventati più leggeri; abbastanza leggero da poter essere imbarcato su uno spazio limitato su un dispositivo mobile o periferico. Ciò ha consentito agli sviluppatori di app di incorporare modelli nelle loro app per una migliore esperienza. Dalle mappe ai filtri per i volti, dall’e-learning al tracciamento dei contatti durante COVID-19, l’IA è stata molto utile. In questo articolo elenchiamo alcune delle app basate su AI più popolari (non necessariamente create quest’anno) che hanno fatto sentire la loro presenza quest’anno.

COVID-19 Sounds App

Una di quelle app mirate a tenere sotto controllo la pandemia. Lanciata dall’Università di Cambridge, l’app consente agli utenti di caricare brevi registrazioni di tosse e respirazione e segnalare i sintomi per aiutare i ricercatori dell’Università di Cambridge a rilevare se una persona soffre di COVID-19. L’app raccoglierà alcuni campioni vocali, mentre leggi il testo sullo schermo e alcuni secondi di respirazione e tosse. Secondo il sito web , l’obiettivo è raccogliere dati per informare la diagnosi di COVID-19 sviluppando algoritmi di apprendimento automatico, basati principalmente sui suoni della loro voce, del loro respiro e della tosse.

L’app raccoglierà alcuni dati demografici e anamnestici di base, nonché alcuni campioni vocali (mentre leggi il testo sullo schermo) attraverso un questionario e alcuni secondi di respirazione e tosse attraverso il microfono del telefono e raccoglierà inoltre un campione di posizione. Tuttavia, i creatori hanno anche assicurato che la loro app non avrebbe tracciato gli utenti.

Microsoft Math Solver

L’ app Math Solver di Microsoft è progettata per risolvere vari problemi di matematica, tra cui equazioni quadratiche, calcolo e statistiche. Gli utenti devono solo scansionare il problema sul loro notebook di matematica e l’app di Microsoft basata su algoritmi di visione artificiale trova la soluzione. L’app non solo risolve la formula, ma mostra anche come ottenere lo stesso risultato utilizzando metodi diversi. Fornisce inoltre ulteriori risorse di apprendimento su argomenti, inclusi video.

Microsoft Math Solver supporta 22 lingue, tra cui inglese, tedesco, spagnolo, cinese semplificato e hindi.

AI Dungeon
AI Dungeon è un gioco di avventura testuale basato sull’intelligenza artificiale che è stato creato utilizzando il recente modello GPT-3 di OpenAI. AI Dungeon sfrutta GPT-3 per decidere cosa succede in una storia, non importa quanto folle sia la tua azione. Secondo i creatori, questo è il modo in cui funziona il Dungeon AI multiplayer (Alpha):

L’IA genera un risultato dopo ogni azione dei giocatori.
Le azioni e le storie sono tutte in terza persona piuttosto che in seconda persona.
L’host di un gioco multiplayer può agire come un dungeon master e supervisionare l’IA, modificando e correggendo le risposte che fornisce.
Scopri di più qui .


FaceApp

Un’app di manipolazione delle immagini FaceApp consente ai suoi utenti di modificare e trasformare le loro immagini utilizzando i filtri. Per questo, l’app funziona sulla tecnologia di riconoscimento delle immagini, che è la chiave per i sistemi di riconoscimento facciale, e utilizza l’apprendimento profondo per riconoscere le caratteristiche chiave, come palpebre, zigomi, mascella, ponte nasale ecc. Del viso umano per creare tali trasformazioni.

Seeing AI

Seeing AI di Microsoft si basa sul riconoscimento delle immagini basato sull’intelligenza artificiale e sulla tecnologia di descrizione, in particolare per le persone con disabilità visiva. Questa app aiuta gli utenti a riconoscere tutti gli elementi visivi nei loro dintorni attraverso la narrazione audio. Gli elementi vengono identificati tramite la telecamera e viene generata una descrizione audio. L’app riconosce automaticamente i contatti nel telefono dell’utente se ci sono foto di quella persona e può anche stimare l’età, il sesso, la razza e l’emozione delle persone che non conosce ancora.

Altre caratteristiche includono la lettura di brevi testi, la scansione di documenti, il riconoscimento di codici a barre, l’anteprima della scena, il riconoscimento del colore, il rilevamento della luce e la capacità di descrivere le immagini su tutte le app dei social media.

Read Along di Google

Read Along di Google è un’app Android per bambini di età superiore ai cinque anni. È progettato per aiutarli a imparare a leggere fornendo feedback verbali e visivi mentre leggono le storie ad alta voce.

L’app utilizza la tecnologia di riconoscimento vocale all’avanguardia di Google per aiutare a sviluppare le capacità di alfabetizzazione. Read Along aiuta i bambini con l’aiuto di un assistente in-app “Diya”. Mentre i bambini leggono ad alta voce, Diya utilizza la tecnologia di sintesi vocale e riconoscimento vocale di Google per rilevare i progressi nella lettura degli studenti.

Read Along è stato progettato per personalizzare l’esperienza consigliando il giusto livello di difficoltà di storie e giochi in base al loro livello di lettura. Read Along è attualmente disponibile in nove lingue tra cui inglese, spagnolo, portoghese e hindi, in oltre 180 paesi.

Lobe

Microsoft ha lanciato Lobe, che consente agli utenti di addestrare modelli di machine learning (ML) senza scrivere alcun codice.


Lobe ha tutto ciò di cui hai bisogno per dare vita alle idee di machine learning. Gli utenti devono solo mostrare alcuni esempi di ciò che si desidera che l’app apprenda e apprende automaticamente un modello di machine learning personalizzato che può essere spedito nella tua app. Attualmente, Lobe supporta la classificazione delle immagini e, inoltre, Microsoft prevede di estendere le sue capacità per addestrare altri modelli.

Qanda

Qanda.ai è stato lanciato dalla startup edtech con sede a Seoul Mathpresso. L’app afferma che gli utenti possono eseguire la scansione di problemi di matematica che non comprendono e otterranno soluzioni in soli cinque secondi. QANDA (sta per “Q and A”), consente agli studenti di ricevere risposte istantanee e fonti di apprendimento personalizzate a costo zero o minimo.

L’app riconosce testo e formule matematiche in una foto utilizzando la tecnologia di riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) e fornisce soluzioni alle domande di uno studente con elevata precisione. QANDA ha oltre 5,7 milioni di utenti attivi mensilmente in oltre 50 paesi. L’app attualmente offre sette lingue: coreano, inglese, spagnolo, giapponese, vietnamita, indonesiano e tailandese.

Mubert: AI Music Streaming
Mubert è un’app di streaming che genera musica unica personale per ogni ascoltatore. Sfrutta l’intelligenza artificiale per scorrere un enorme database di suoni creati dall’uomo in diversi stati d’animo e generi per creare musica senza fine e generare musica personalizzata per l’utente. La comunità Mubert, composta da migliaia di creatori, chiama questo genere “musica generativa”.

AIRScanner
Creato dagli studenti di IIT Bombay, AIRScanner è un assistente di lettura basato su AI e un’app per scanner di documenti PDF, alimentato dal suo dizionario AI e narratore unici. AIR Scanner utilizza l’intelligenza artificiale per comprendere le parole in una pagina e con un solo tocco sulle caselle di parole, l’utente ottiene il suo significato completo, simile a quello che abbiamo visto sull’app Kindle.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi