I signori dello sport dell’IA: come SportsTech sta cambiando il mondo degli affari

È il momento del classico autunnale, le World Series della Major League Baseball . Mentre le due migliori squadre gareggiano per il campionato quest’anno, ci sono alcuni attori nel gioco oltre a giocatori, allenatori, arbitri (o arbitri) e fan … ovvero big data, analisi e intelligenza artificiale. Cosa c’è di ancora più interessante? Questi nuovi attori sono anche molto diffusi nel calcio, nel basket e nell’hockey e stanno cambiando questi giochi per sempre .

L’incursione sportiva nella tecnologia e nei dati è iniziata davvero nel 2002 con gli Oakland Athletics. Il direttore generale Billy Beane e l’assistente GM Paul DePodesta sarebbero stati i pionieri della sabermetria , che è una nuova prospettiva sull’analisi del baseball. Allontanandosi dalle metriche tradizionali, Beane e DePodesta si sono concentrati invece sulle corse (che è il modo in cui vinci le partite). rispetto a metriche come gli home run. Sebbene Oakland non fosse all’altezza dei playoff del 2002, il loro modello di sabermetria avrebbe rivoluzionato il modo in cui le squadre gestivano il gioco. Nuove metriche come WAR (vittorie sopra la sostituzione), velocità di uscita e tasso di colpi duri diventerebbero i nuovi parametri di riferimento.

Questi nuovi modelli analitici ridisegnerebbero il modo in cui le squadre valuterebbero i giocatori, i draft dei dilettanti e la strategia di morph free agent. Per supportare questi sforzi, le squadre sportive hanno cambiato la struttura del loro personale da esplorazione di giocatori basati sull’uomo a grandi squadre di scienziati dei dati ossessionati dalla raccolta di ogni frammento di dati per sbloccare ogni possibile vantaggio, fino a quale punto del campo da basket per passare contro uno specifico squadra in una difesa definitiva della formazione. In sostanza, la cultura dello sport quando si va dal processo decisionale guidato dall’istinto al processo decisionale basato sui dati.


Dal front office al campo, i team stanno impiegando la tecnologia ovunque legalmente possano farlo. (La maggior parte dei campionati sportivi prevede limitazioni sull’uso della tecnologia.) I tablet sono ora disponibili per le revisioni da parte di allenatori e giocatori (che non giocano) in modo che abbiano l’ultima pianificazione degli scenari. Attingendo a GPS e laser , i Los Angeles Dodgers stanno sfruttando i dati di geolocalizzazione per ottenere posizioni difensive precise per tiro. Utilizzando l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico, i programmi di allenamento individuali vengono creati per ogni giocatore per lavorare su ogni aspetto del proprio gioco ed evitare potenziali lesioni durante l’allenamento, e si basa sulla fisiologia specifica del giocatore.

Per arbitri e arbitri, c’è una sfida diversa: il giudice AI. Nel tennis, nell’hockey e nel baseball stiamo già assistendo a una maggiore precisione nelle chiamate. I giocatori e gli allenatori litigano meno se una pallina da tennis fosse dentro o fuori. La National Hockey League ha smesso di usare i giudici di porta perché le telecamere in rete sono più efficaci e più veloci nel segnalare un gol. Nel baseball, il sistema PITCHf / x ha più di quattordici anni di dati che mostrano che gli arbitri ottengono la chiamata di ball strike giusto solo circa il 66% delle volte . Con l’avanzamento del replay istantaneo in ogni sport e la tecnologia della fotocamera migliorata, potrebbe non passare molto tempo prima che gli arbitri AI diventino la norma. (Immagina un mondo sportivo senza più favoritismi per atleti superstar o giocatori che fingono un contatto per ottenere una penalità.)

Anche i fan traggono vantaggio dall’uso della tecnologia. Ci sono aziende come Reely.ai che sfruttano il riconoscimento visivo per identificare i momenti salienti dello sport in tempo reale e quindi producono istantaneamente la clip dei momenti salienti. Poi c’è Thrive Fantasy, una società di scommesse sportive (legali), che genera scommesse situazionali in tempo reale man mano che i giochi procedono. Nel tentativo di creare la migliore esperienza per i fan, i team si stanno concentrando sull’interazione personalizzata e sull’immersione attraverso funzionalità di intelligenza artificiale come il profilo psicografico e la neurolinguistica per parlare la lingua del fan. Inoltre, i team stanno fornendo app di apprendimento automatico in modo che possano produrre i propri replay o cercare una statistica arcana a volontà.

Anche la chimica della squadra sta subendo un restyling tecnologico. Utilizzando l’intelligenza artificiale per valutare le abilità e la personalità dei giocatori, le squadre possono generare modelli per vedere quanto bene si combinano le diverse combinazioni di giocatori. La produttività del team sarà maggiore? La squadra rimarrà sola? Viene valutato anche il tipo più efficace di cultura di squadra e stile di coaching.


Ci saranno mai giocatori di robot IA? Probabilmente no. Ciò disumanizzerebbe il gioco e toglierebbe molto divertimento agli sport (quindi molte meno possibilità casuali). A parte questo, gli sport sono diventati un pioniere nella tecnologia emergente. Spianare la strada, per molti aspetti, prima ancora che lo faccia l’industria privata. Considera, l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per la chimica del team è stato un precursore per le aziende che implementano un modello simile per reclutare nuovi assunti e determinare team di progetto ottimali. Le aziende di trasporto hanno bisogno di posizioni precise per la consegna dei droni. Le società di micro-localizzazione come SmartPoint stanno adattando idee come l’uso di laser e GPS da parte dei Dodgers per stabilire una precisione di un metro. Ti chiedi quali sono le metriche rilevanti per costruire una base di clienti o stabilire un nuovo mercato? Le aziende stanno sfruttando l’approccio utilizzato da Oakland con la sabermetria.

Il mondo di “SportsTech” ha cambiato per sempre il gioco. A sua volta, questo si è dimostrato un interessante banco di prova per l’industria per adattare e utilizzare questa tecnologia. Con l’avanzare della World Series, forse ispirerà la prossima grande innovazione aziendale.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi