Home / medicina / L’intelligenza artificiale del MIT e le previsioni sul coronavirus COVID-19 si USA e Italia

L’intelligenza artificiale del MIT e le previsioni sul coronavirus COVID-19 si USA e Italia


L’IA del MIT fa previsioni su COVID-19
Gli ingegneri del MIT hanno addestrato un’intelligenza artificiale in grado di fare previsioni su COVID-19 esaminando le misure di distanza sociale, gli ordini di quarantena e le azioni del governo. L’intelligenza artificiale ha previsto che i casi COVID-19 in Italia e negli Stati Uniti potrebbero iniziare a stabilizzarsi entro la prossima settimana, ma dipende dalle misure di allontanamento sociale. Ha anche previsto che se gli Stati Uniti iniziano a riaprire troppo presto, il risultato potrebbe essere catastrofico per la nazione.

George Barbastathis è professore di ingegneria meccanica al MIT. Ha sviluppato il modello insieme al dottorato di ricerca in ingegneria civile e ambientale candidato Raj Dandekar.

“Il nostro modello mostra che le restrizioni di quarantena riescono a ottenere il numero di riproduzione effettivo da maggiore a uno a minore di uno. Il [modello] sta imparando ciò che chiamiamo “funzione di forza di controllo della quarantena” “, ha affermato George Barbastathis. “Ciò corrisponde al punto in cui possiamo appiattire la curva e iniziare a vedere meno infezioni”.

Allenare l’IA
I dati da gennaio a inizio marzo sono stati usati per addestrare l’intelligenza artificiale al MIT e le sue previsioni per aprile erano coerenti con le statistiche effettive, dimostrando che il modello era in grado di fare previsioni accurate.

Secondo il documento di ricerca, l’ analisi si è concentrata sulle principali sedi della fiera: Wuhan, Italia, Corea del Sud e Stati Uniti. Ha confrontato gli effetti delle misure di quarantena e di isolamento in ciascuno dei paesi e il modo in cui hanno controllato il virus. Il modello è stato in grado di apprendere modelli nella diffusione di COVID-19.

Quarantena e misure di isolamento
I risultati hanno scoperto che la diffusione dell’infezione è stata gestita al meglio e ha impedito un aumento esponenziale nei paesi in cui sono state implementate le misure di quarantena e isolamento. L’intelligenza artificiale ha anche previsto che gli Stati Uniti dovrebbero sperimentare un “arresto delle infezioni” intorno al 20 aprile, ma ancora una volta dipende dalle attuali misure di allontanamento sociale e di isolamento.

Questo si adatta al modello di quello che è successo a Singapore. La nazione attuò misure di allontanamento sociale e di quarantena che portarono a un completo appiattimento della curva, ma non durò. Una volta che le misure di sicurezza sono state revocate, il virus è precipitato di nuovo nella popolazione e i casi di COVID-19 sono aumentati ancora una volta.

La stessa cosa potrebbe accadere negli Stati Uniti a seconda di quali misure vengono prese.

“Questo è un momento davvero cruciale. Se allentiamo le misure di quarantena, ciò potrebbe portare a un disastro “, ha affermato Barbastathis. “Se gli Stati Uniti dovessero seguire troppo presto la stessa politica di allentamento delle misure di quarantena, abbiamo previsto che le conseguenze sarebbero molto più catastrofiche”.

Il modello ha anche previsto che prima che il tasso di infezione inizi a fermarsi negli Stati Uniti, i casi raggiungeranno i 600.000.

Un altro sforzo guidato da un team internazionale di ricercatori si è basato sui dati sulla mobilità umana forniti da Baidu, la società tecnologica cinese. I risultati hanno indicato che le misure di controllo e contenimento erano efficaci, rendendo negativi i tassi di crescita nella maggior parte delle località.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi