Home / Società / L’intelligenza artificiale nella musica intervista a Verphoria di Hierarchy Music

L’intelligenza artificiale nella musica intervista a Verphoria di Hierarchy Music

Making AI Sing: un’intervista con Verphoria sull’uso dell’intelligenza artificiale nell’industria musicale 

Nell’industria musicale di oggi, la separazione tra digitale e analogico è quasi impossibile da determinare. Al livello più elementare, la maggior parte della musica di oggi è realizzata utilizzando un software altamente intelligente. Tuttavia, all’avanguardia dell’IA e dell’industria musicale, gli innovatori spingono continuamente i confini della collaborazione uomo/macchina nella creazione musicale e nel business. 


Uno di questi innovatori è Vernica Serjilus, professionalmente come Verphoria , cantante americana, produttore discografico, cantautore, imprenditore e fondatore e CEO di Hierarchy Music. Hierarchy Music è un’azienda musicale globale che mette in contatto musicisti di tutto il mondo con servizi musicali pluripremiati e vincitori di Grammy Award. 

Al centro delle operazioni di Hierarchy Music c’è l’intelligenza artificiale dei dati e l’esposizione back-end che ci consentono di portare visibilità a nuovi artisti o artisti esistenti e ai loro marchi, utilizzando sia Hierarchy Music che la rete back-end di Hierarchy Media. 

 Ho parlato con Verphoria del suo background come musicista e della sua prospettiva sul futuro dell’intelligenza artificiale nella musica. 

Come hai iniziato a lavorare nel mondo della musica?

Ho iniziato a cantare all’età di quattro anni e ho iniziato a produrre dischi all’età di 10.

All’età di 19 anni sono stato scoperto da Aton Ben Horin e Ethan Curtis, i comproprietari dei Plush Recording Studios, pluripremiati e pluripremiati con il Grammy Award. All’età di 22 anni, sono stato invitato a registrare al Paramount Recording Studio e Neighborhood Watche dal famoso ingegnere/mixer Andrew “Drew” Chavez, dove ho continuato ad affinare le mie abilità musicali.

Il mio marchio Verphoria ha guadagnato popolarità su Instagram e altre piattaforme di social media per la musica che hanno portato a fare apparizioni a numerosi eventi sul tappeto rosso, come quelli ospitati da Maxim Magazine e Sports Illustrated. Ho attirato l’attenzione del Celebrity Director Chris Applebaum (che ha diretto Rihanna’s Umbrella, Britney Spears, Kim Kardashian, Usher, Selena Gomez, Miley Cyrus, Demi Lovato e Paris Hilton) che dirigerà i miei video musicali.  

Quali sono le tue influenze musicali? 

Le più grandi influenze nella mia vita sono Michael Jackson, Rihanna, Britney Spears, Mariah Carey, Shakira, Wolfgang Mozart e Beyoncé.

Utilizzi i dati e l’intelligenza artificiale nella tua musica o nella tua carriera più ampia? 

Per creare le mie composizioni, utilizzo una workstation audio digitale (DAW, un dispositivo elettronico o un software applicativo utilizzato per la registrazione, l’editing e la produzione di file audio) chiamata Ableton Live che utilizza il plug-in AI chiamato Magenta Studio che mi consente di sperimentare con una macchina open source strumenti di apprendimento. 

Questa intelligenza artificiale mi consente di creare modelli di apprendimento per melodie, schemi e ritmi musicali utilizzando un modello matematico. 

 

Quali sono i tuoi pensieri sulla recente citazione dell’artista Grimes in cui afferma: “Una volta che ci sarà effettivamente l’AGI (Artificial General Intelligence), saranno molto più bravi di noi a fare arte”.

Non sono d’accordo con questa affermazione. L’AGI può essere utilizzata per accelerare la produzione musicale, tuttavia, non può sostituire l’emozione che deriva dalla musica prodotta da un essere umano, né può ricapitolare ed evocare la connessione emotiva che i musicisti possiedono nella creazione delle loro composizioni musicali. 

Fare buona arte è molto più che seguire un algoritmo, è l’aspetto emotivo che lo fa toccare le persone.

In che modo pensi che l’intelligenza artificiale e i dati stiano modellando il settore nel suo insieme?

L’intelligenza artificiale diventerà sicuramente una parte sempre più grande dell’industria musicale, come succederà in ogni altro settore. Non è ancora perfetto e potrebbe non essere mai perfetto da solo, ma l’uso dell’intelligenza artificiale aiuta a semplificare molti dei processi più laboriosi nella produzione musicale. 

Se questa è una cosa buona o cattiva è in discussione. 

A mio parere personale è meglio usarlo come strumento di collaborazione, non qualcosa per fare un intero disco senza il tocco di un essere umano. Questo articolo solleva molte domande e preoccupazioni interessanti che dovremo affrontare nel prossimo futuro. Ora è un momento entusiasmante per essere nell’industria musicale mentre affrontiamo questi problemi.

In che modo i dati e l’intelligenza artificiale ti hanno aiutato a costruire la tua carriera? 

L’intelligenza artificiale e l’esposizione al backend sono state fondamentali per far crescere il mio marchio personale Verphoria. L’intelligenza artificiale di Hierarchy Music e Hierarchy Media ha contribuito a far crescere il mio pubblico in modo significativo collegando la mia rete esistente a diverse nicchie di rete. 

Questo mi ha aiutato in due modi principali: ha aumentato la mia visibilità e mi ha aiutato a capire il comportamento del mio pubblico. 

I dati raccolti da questo processo sono stati preziosi per far crescere il mio marchio in tempi relativamente brevi rispetto ai metodi tradizionali.

Quali sono i problemi dell’industria musicale che pensi che la tecnologia possa aiutare a risolvere?

Credo che dovrebbe essere creata una DAW basata su cloud in modo che i dischi musicali prodotti possano essere continuamente salvati e non persi se il computer o il disco rigido vengono rubati con quantità illimitate di dati che possono essere archiviati. 

In che modo la tecnologia ha reso più facile l’attività di musicista? Come lo ha reso più difficile?

La cosa migliore della tecnologia è che ha reso il diventare un musicista più accessibile alle persone comuni. Con abbastanza grinta e la voglia di imparare chiunque può diventare un musicista di livello mondiale. Ha anche reso gli aspetti tecnici di rendere la musica più facile. Ad esempio, possiamo assicurarci che ogni nota, melodia o ritmo sia intonata e quantizzata correttamente in modo che non ci siano errori o difetti nelle note. 

Quanto a come ha reso le cose più difficili? È più difficile per me rispondere.

La tecnologia è in continua evoluzione per tutta la mia vita, quindi per me è una seconda natura e non è sicuramente un problema, ma per quelle persone che non sono così a loro agio con la natura in continua evoluzione della tecnologia che può rappresentare qualche difficoltà.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi