Lumus lancia l’architettura a guida d’onda 2D “Z-Lens” di nuova generazione: rimozione degli ostacoli principali agli occhiali per realtà aumentata di consumo
 

La tecnologia della guida d’onda 2D di seconda generazione che debutta al CES 2023 apre la strada a occhiali AR più piccoli e ricchi di funzionalità con compatibilità Rx.

Z-Lens conserva tutti i vantaggi in termini di prestazioni dell’architettura Maximus 2D originale riducendo al contempo il modulo del proiettore di oltre il 50%.

NESS ZIONA, Israele , 5 gennaio 2023 /PRNewswire/ — Lumus , lo sviluppatore pionieristico della tecnologia della guida d’onda riflettente per gli occhiali a realtà aumentata (AR), ha annunciato oggi l’introduzione della sua architettura di guida d’onda 2D Z-Lens di seconda generazione che si basa sul 2D Maximus per consentire lo sviluppo di occhiali AR più piccoli e leggeri con qualità dell’immagine ad alta risoluzione, luminosità compatibile con l’esterno e perfetta integrazione Rx. La nuova tecnologia sarà dimostrata pubblicamente per la prima volta al CES 2023.

 
Architettura della guida d’onda 2D Lumus Z-Lens
 

“Affinché gli occhiali AR possano penetrare in modo significativo nel mercato dei consumatori, devono essere impressionanti sia dal punto di vista funzionale che estetico. Con Z-Lens, stiamo allineando forma e funzione, eliminando le barriere all’ingresso per il settore e spianando la strada per un’adozione diffusa da parte dei consumatori”, ha affermato Ari Grobman , CEO di Lumus . “La nostra introduzione della tecnologia della guida d’onda riflettente Maximus 2D due anni fa è stata solo l’inizio. Z-Lens, con tutti i suoi miglioramenti, sblocca il futuro della realtà aumentata che i consumatori aspettano con impazienza”.

 

Grande funzionalità, piccolo fattore di forma
La nuova architettura della guida d’onda Z-Lens di Lumus mantiene la superba qualità dell’immagine e i vantaggi dell’elevata efficienza di luminanza del suo predecessore, Maximus, ma presenta un motore ottico più piccolo del 50% . La nuova architettura consente inoltre una maggiore flessibilità ai produttori di occhiali per posizionare l’apertura d’ingresso in varie posizioni. Ciò consente ottiche AR significativamente più compatte per occhiali dall’aspetto naturale che riducono il peso e l’ingombro associati a molte delle soluzioni odierne.

Il nuovo motore ottico leggero di Z-Lens presenta una risoluzione 2K x 2K e colori pieni e vibranti per offrire una qualità dell’immagine eccezionale. Con una luminosità di 3.000 nit/Watt, i consumatori potranno godere della realtà aumentata alla luce del giorno attraverso un paio di occhiali che, dall’esterno, sono praticamente indistinguibili da un paio non AR.

L’architettura Z-Lens di Lumus consente anche l’incollaggio diretto di elementi ottici per occhiali da vista Rx, che possono essere concessi in licenza e utilizzati dai partner di produzione. Questa funzione consente ai consumatori di personalizzare i propri occhiali AR in base alla propria visione senza inserti ingombranti e pesanti, consentendo loro di essere utilizzati come normali occhiali.

“Gli esperti di realtà aumentata definiscono il volto uno ‘spazio sacro’, ed è vero. Gli occhiali dall’aspetto naturale con funzionalità di realtà aumentata sbloccheranno il mercato dei consumatori e daranno impulso al settore”, ha sottolineato Grobman. “I produttori dovranno creare occhiali esteticamente accattivanti prima che l’adozione di massa possa mai diventare una realtà, e Z-Lens consente loro di fare esattamente questo”.

La nuova funzione di legame all’interno di Z-Lens consente anche l’integrazione dinamica dell’obiettivo focale che aiuta a risolvere il conflitto vergence-accomodation (VAC), un fenomeno visivo che si verifica quando il cervello riceve segnali di mancata corrispondenza tra vergence e accomodation dell’occhio.

Fondamentale per un’esperienza utente positiva, Z-Lens elimina anche gli artefatti della luce ambientale sulle lenti, un effetto comune negli occhiali AR in cui piccoli riflessi di luce colpiscono gli elementi ottici del display quando i display sono spenti. E, come l’originale Maximus, l’architettura Z-Lens dà la priorità alla privacy eliminando la perdita di luce, il che significa che terze parti non sono assolutamente in grado di vedere ciò che sta guardando chi lo indossa.

In un paio di occhiali AR, le lenti che utilizzano le guide d’onda riflettenti Z-Lens funzioneranno come lo “schermo” su cui viene visualizzato il contenuto, originato da una varietà di tecnologie di micro-display tra cui microLED, LCoS o micro-proiettori basati su laser, integrata nell’angolo perimetrale superiore di ciascun ritaglio dell’obiettivo.

Tutte le guide d’onda riflettenti Lumus contengono una serie di specchi parzialmente riflettenti “a cascata” che guidano il segnale attraverso la guida d’onda fino all’occhio dello spettatore. Questi specchi parziali transflettivi espandono l’immagine lungo gli assi “X” e “Y”, espandendo l’immagine verticalmente e orizzontalmente. Questa architettura di espansione 2D consente un ampio campo visivo, pur mantenendo un minuscolo proiettore discretamente nascosto nell’asta della montatura degli occhiali.

I primi prototipi di Lumus Z-Lens presenteranno un campo visivo di 50 gradi, tuttavia l’azienda ha una tabella di marcia del prodotto che supera gli 80 gradi. Z-Lens può essere integrato in prodotti finiti che sembrano praticamente identici agli occhiali standard.

Il futuro sta guardando in alto
Secondo Grobman, l’architettura Z-Lens di Lumus svolgerà un ruolo enorme nell’avanzamento del mercato degli occhiali AR, una categoria che è sulla soglia di una rapida crescita.

“Gli occhiali AR sono pronti a trasformare la nostra società”, ha affermato. “Sono dotati di una migliore ergonomia rispetto agli smartphone, nuove opportunità di interazione con vari ambienti e aziende e un’esperienza molto più fluida rispetto ai dispositivi portatili. Il futuro, letteralmente, sta guardando in alto”.

Lumus detiene più di 430 brevetti, con oltre 540 ulteriori brevetti in attesa, che lo collocano tra i principali detentori di brevetti al mondo per l’ottica della realtà aumentata.

Per le immagini ad alta risoluzione, fai clic  qui .

A proposito di Lumus
Le guide d’onda riflettenti Lumus  stabiliscono un punto di riferimento del settore per la qualità delle immagini AR. Molto più luminoso di altre soluzioni, Lumus è l’unica guida d’onda ideale per l’uso all’aperto. Con un’efficienza di luminanza fino a 10 volte migliore rispetto alle guide d’onda concorrenti e ai partner della catena di fornitura come Quanta e SCHOTT, Lumus è la scelta principale per gli OEM che producono occhiali AR. La tecnologia della guida d’onda Lumus offre un’uniformità del colore senza precedenti e un vero bianco grazie al percorso luminoso diretto insito nella sua architettura.

Altri vantaggi chiave: un microproiettore più piccolo, un ampio campo visivo e una visione priva di distorsioni del mondo reale. Sorprendentemente, l’efficienza della batteria è fino a 10 volte maggiore rispetto a qualsiasi altra guida d’onda sul mercato e la dispersione della luce in avanti (proiezione in avanti) è trascurabile.

Lumus ha co-sviluppato i processi di produzione con i suoi partner della catena di fornitura di livello mondiale, tra cui Quanta Computer Inc. e SCHOTT, per ottenere la scalabilità per la produzione di massa. L’azienda è il principale progettista della tecnologia della guida d’onda riflettente al centro di numerosi prodotti AR esistenti, tra cui il display montato sulla testa a colori Scorpion di Thales, il sistema Augmedics xVision per guidare i chirurghi, ThinkReality A6 di Lenovo rilasciato nel 2019 e gli occhiali X2 MR di Thirdeye.

Lumus Z-Lens 2D waveguide architecture

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi