Dalle neobanche , ai pagamenti e alle rimesse digitali alla finanza incorporata e alle transazioni basate su criptovalute, c’è un’esplosione di servizi rivolti ai clienti digitali in tutto il mondo.

Secondo un rapporto di Bain , nei mercati in via di sviluppo come nel sud-est asiatico, i servizi finanziari digitali potrebbero rappresentare un mercato fino a 60 miliardi di dollari entro il 2025. Poiché queste fintech cercheranno di innovare, avranno bisogno di accedere a infrastrutture critiche, inclusi uffici di credito efficaci, dati alternativi e dati identificativi personali standardizzati.

 
L’impatto in evoluzione dell’analisi dei grafici_
“In un mondo incentrato sul digitale, ogni azienda è una [società] fintech. Sebbene queste innovazioni abbiano una scala e un’applicabilità globali, l’infrastruttura che le supporta è frammentata e isolata”, ha affermato Pierre Demarche, CEO e cofondatore di Monnai. “Per crescere, le aziende devono sfruttare e consolidare tecnologie e dati migliori nella stessa piattaforma, fornendo un approccio onnipresente ai modelli decisionali”.

Secondo Demarche, Monnai sta già fornendo informazioni su oltre 3 miliardi di consumatori in India, Sud-est asiatico e America Latina. Oggi ha annunciato un round di finanziamento iniziale di 3,15 milioni di dollari guidato da Better Tomorrow Ventures con la partecipazione di Commerce Ventures, Kearny Jackson e 9Yards Capital.  

  

Fondata solo un anno fa nel 2021 da Demarche e Ravish Patel, Monnai mira a fornire un’infrastruttura globale, collegando dati disparati, informazioni dettagliate sui rischi e comportamento della rete per potenziare le decisioni fintech su larga scala. Attraverso la sua API, l’azienda afferma di consentire alle fintech di navigare in quattro pilastri chiave: 

 
Conosci i tuoi clienti (KYC); 
Fiducia e rischio di frode; 
Decisione di credito e; 
Ottimizzazione delle raccolte 
L’azienda afferma che la sua piattaforma sfrutta oltre 350 approfondimenti aggregati e standardizzati in tutti gli ecosistemi con partner di identità, digitali, comunicazioni, dispositivi e dati di pagamento. 

“Utilizzando i dati corretti provenienti dall’intero ciclo di vita del cliente attraverso più fonti, fintech e commercianti possono creare nuovi affari netti in un modo vantaggioso anche per i consumatori”, ha affermato Demarche. 

Colmare il divario tra i mercati iper-locali e globali 
“I mercati internazionali sono una sfida per le fintech. Sebbene si sia verificata una crescita esponenziale dei dati digitali, l’unione di fonti di dati è molto complessa, disparata e probabilistica, il che rende difficile per loro consumarli senza spendere tempo e risorse ingegneristiche costose”, ha affermato Patel.

 
Nel suo primo anno di attività, Monnai afferma che la sua esperienza ha portato allo sviluppo di infrastrutture di aggregazione e dati in più di 40 paesi e attualmente serve le principali istituzioni finanziarie in cinque mercati in America Latina e Asia.  

L’azienda afferma che i suoi clienti hanno accesso ai dati sull’identità e sul comportamento di oltre 5 miliardi di consumatori in tempo reale entro una settimana dall’implementazione. Inoltre, l’85% degli utenti identificati ha un’elevata fiducia a causa dell’aumento dei tassi di approvazione e ha riscontrato un aumento del 99% nel rilevamento di identità fraudolente. 

Un tocco di IA spiegabile
Per fornire decisioni fintech eque e trasparenti, Monnai è stato costruito con un componente di intelligenza artificiale spiegabile (XAI). Il modello XAI può interpretare il pregiudizio storico, identificare caratteristiche con attribuzioni positive e negative al comportamento del modello, confronti e aggiornamenti retroattivi del modello e valutazione continua del modello. L’output viene quindi visualizzato su un’interfaccia di semplice comprensione, progettata per semplificare il processo ad analisti del credito, product manager, data scientist e altri.

 
La strada da percorrere per Monnai
Le notizie di finanziamento di oggi segnano il primo anniversario dell’azienda e seguono un primo round di pre-seed alla fine del 2021 da parte di 500 Global, EMVC e Ginkgo Ventures, che hanno anche partecipato a questo round. L’importo totale raccolto dalla società fino ad oggi è ora di oltre $ 4 milioni.

Monnai riferisce che il finanziamento sarà utilizzato per l’ulteriore sviluppo della piattaforma, nuove assunzioni e continua espansione globale.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi