No-Code, Low-Code è davvero un espediente? 
Che esistano limitazioni alla scalabilità delle applicazioni su piattaforme low-code è un dato di fatto

 
Qualche settimana fa, Tarun Sukhani , fondatore e CTO di Abundent, un fornitore di soluzioni per la trasformazione digitale e l’edtech, ha suscitato molto scalpore con il suo post su LinkedIn che etichettava low-code, no-code (LCNC) come “in gran parte un espediente” (con per quanto riguarda il ridimensionamento e la distribuzione). L’uso di un termine audace come “espediente” era destinato a sollevare le sopracciglia, dopotutto Chris Wanstrath, ex CEO di GitHub, una volta aveva detto: “Il futuro della codifica non è affatto la codifica”.

È interessante notare che un recente rapporto pubblicato da Acumen Research and Consulting ha evidenziato le tendenze globali nel mercato delle piattaforme di sviluppo low-code (LC). Con un valore di 10 miliardi di dollari nel 2021, si prevede che il mercato globale della piattaforma di sviluppo LC raggiungerà i 159 miliardi di dollari entro il 2030 con un CAGR del 28,8%.

 
Cosa spiega il “trucco”?
Un caso di studio presentato da Ishtiaque Zafar , ingegnere software senior presso FINN, una piattaforma di abbonamento mensile per auto, mostra mentre scalando da 0 a 20.000 abbonamenti auto in un arco di due anni, hanno affrontato molteplici problemi a causa della forte dipendenza da strumenti LCNC come Airtable, Make (ex Integromat) e Retool. Il motivo principale per la scelta di questi strumenti LCNC era la loro facilità d’uso. Ad esempio, Airtable consente facili modifiche allo schema, rollback rapidi e ripristino degli snapshot. Inoltre, chiunque potrebbe lavorare con loro. Tuttavia, molto presto, il database è cresciuto fino a includere oltre 40 tabelle e una dozzina di flussi di lavoro automatizzati e ha rinunciato. Inoltre, Airtable ha un limite di 5 richieste al secondo per base. Pertanto, FINN ha dovuto affrontare più di 100 timeout al giorno.

Che esistano limitazioni alla scalabilità delle applicazioni su piattaforme low-code è un dato di fatto. Diverse piattaforme NCLC come iSymphony, che sono state sviluppate da Innominds, mentre discutono della scalabilità del tempo di sviluppo e del tempo di esecuzione offerte dalle piattaforme LCNC, evidenziano il ruolo limitato di queste piattaforme quando si tratta di scalabilità delle applicazioni. Il caso di studio di cui sopra giustifica questo problema. 

Superare il problema della scalabilità
La scalabilità è la capacità di un’applicazione di adattarsi alle mutevoli esigenze organizzative senza compromettere l’efficienza. Per qualsiasi azienda, la scalabilità è un fattore importante in quanto consente all’azienda di soddisfare la crescita e la domanda dell’organizzazione. 

La maggior parte delle piattaforme LCNC fornisce un elenco di controllo per garantire la scalabilità del runtime e del tempo di sviluppo. Tuttavia, quando si tratta di scalabilità delle applicazioni, queste piattaforme suggeriscono alcuni modi per garantire la stessa. Secondo gli esperti, l’obiettivo dovrebbe essere la progettazione di un’architettura appropriata e di processi interni allineati alle esigenze di scalabilità di un’impresa. Ad esempio, semplificando le operazioni per un’implementazione più rapida e determinando la capacità organizzativa in termini di numero di team di sviluppo e numero di accessi di sviluppatori consentiti su quella piattaforma. Quindi, combinandoli con piattaforme LCNC che li supporterebbero.  

La crescente popolarità trascura i colli di bottiglia della scalabilità
Nonostante i limiti di scalabilità di cui soffrono le piattaforme LCNC , LCNC sta guadagnando popolarità da un po’ di tempo, guidato dall’accelerazione della trasformazione digitale. Con l’avanzare della trasformazione digitale, la necessità per i non sviluppatori di gestire le applicazioni aziendali aumenta a causa della carenza di sviluppatori di software. Secondo le stime del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti, la carenza globale di ingegneri del software potrebbe raggiungere gli 85,2 milioni entro il 2030. 

Fonte: foglio di calcolo web
Tale è stata la popolarità delle piattaforme LCNC che ha dato origine a movimenti commerciali come Citizen Developers. Il movimento consente a project manager e non sviluppatori di creare applicazioni utilizzando piattaforme LCNC. In effetti, organizzazioni come il Project Management Institute conducono corsi dedicati per sviluppatori cittadini. Gli studi suggeriscono che il 70% degli utenti low-code senza esperienza precedente li ha appresi in meno di un mese. 

Oggi, piattaforme senza codice come E42 vengono utilizzate per creare agenti cognitivi multifunzionali per automatizzare vari ruoli e processi all’interno di organizzazioni aziendali, sia grandi che piccole. “Gli operatori di intelligenza artificiale basati sulla piattaforma E42 assumono i ruoli e i processi e questi agenti collaborano tra loro per rendere l’impresa intelligente”, Animesh Samuel , co-fondatore e CEO di Light Information Systems Private Limited, che ha sviluppato la piattaforma E42 , ha detto AIM . 

Alla domanda sul problema della scalabilità con le piattaforme LCNC, Samuel ha affermato: “La piattaforma supporta l’architettura di elaborazione distribuita con scalabilità automatica in cui l’infrastruttura scala secondo la domanda. La scalabilità dei lavoratori AI creati sulla piattaforma spazia da una piccola organizzazione che automatizza uno specifico processo a basso volume ad alcune delle più grandi organizzazioni al mondo con milioni di transazioni al giorno”. 

Il futuro del no-code e del low-code
Non può esserci un’ultima parola sul dibattito sulle piattaforme LCNC . Allo stesso tempo, LCNC continuerà ad evolversi. “Sono qui per restare ed evolversi. Come dimostra la storia umana, qualsiasi tipo di automazione che allevi gli esseri umani o li aiuti a passare ad aspetti a più valore aggiunto di una funzione continuerà a evolversi. Le piattaforme no-code (o low-code) oggi stanno creando una fusione tra IT e lato business come mai prima d’ora. Le piattaforme senza codice consentono a individui e organizzazioni di creare soluzioni con la loro esperienza funzionale e consentono loro di concentrarsi sul proprio dominio principale aggiungendo valore allo stesso”, ha detto Samuel ad AIM . 

Detto questo, l’abilità IT più importante al giorno d’oggi è la capacità di discernere quale stack tecnologico è il migliore per la tua organizzazione, osserva Sukhani. 

DI ZINNIA BANERJEE da analyticsindiamag.com

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi