Home / AI Intelligenza Artificiale / Per le aziende la scadenza è il 2024 estano solo 3 anni per adottare l’AI l’intelligenza artificiale

Per le aziende la scadenza è il 2024 estano solo 3 anni per adottare l’AI l’intelligenza artificiale

Scadenza 2024: perché ti restano solo 3 anni per adottare l’AI 

Se la tua azienda deve ancora abbracciare l’intelligenza artificiale , sei in una corsa contro il tempo. E secondo i miei calcoli, ti restano solo tre anni.

Come sono arrivato al 2024 come scadenza per l’adozione dell’IA? La mia previsione, formulata con il consulente di KUNGFU.AI Paco Nathan , è radicata nel fatto che le curve J di molti futuristi mostrano che le innovazioni hanno in genere una finestra di opportunità da 12 a 15 anni, un periodo tra quando una tecnologia emerge e quando raggiunge punto di adozione diffusa.

 
Mentre l’intelligenza artificiale può essere fatta risalire alla metà degli anni ’50 e l’apprendimento automatico risale alla fine degli anni ’70, il concetto di deep learning è stato reso popolare dal documento “AlexNet” pubblicato nel 2012. Naturalmente, non è solo l’apprendimento automatico che ha iniziato il tempo .

Sebbene il cloud computing sia stato inizialmente introdotto nel 2006, non è decollato fino al 2010 circa. Anche l’ascesa dell’ingegneria dei dati può essere fatta risalire allo stesso anno. Il documento originale per Apache Spark è stato pubblicato nel 2010 ed è diventato fondamentale per gran parte dell’odierna infrastruttura di dati distribuiti.

Inoltre, il concetto di data science ha una data di inizio ampiamente riportata nel 2009. È stato allora che Jeff Hammerbacher, DJ Patil e altri hanno iniziato a ricevere riconoscimenti per aver guidato i team di data science e aver contribuito a definire la pratica.

Se fai i conti, quelle date 2009-2012 ci mettono all’interno di quella finestra da 12 a 15 anni. E questo rende il 2024 il limite per le aziende che sperano di ottenere un vantaggio competitivo dall’IA.

Puoi ancora ottenere un vantaggio, se agisci ora
Se osservi il grafico qui sotto, tratto da Diffusion of Innovations di Everett Rogers, avrai un’idea di come coloro che aspettano di mettere in produzione l’IA perderanno l’opportunità di conquistare il mercato. Qui la linea rossa mostra i gruppi successivi che adottano la nuova tecnologia mentre la linea viola mostra come la quota di mercato alla fine raggiunge un livello di saturazione.

 

Un sondaggio del 2019 condotto dal MIT Sloan Management Review e dal Boston Consulting Group mostra esplicitamente come la teoria della diffusione delle innovazioni si applica all’IA. La loro ricerca si è basata su un sondaggio globale di oltre 3.000 dirigenti, manager e analisti in vari settori.

Una volta analizzate le risposte alle domande sulla comprensione e l’adozione dell’IA, gli intervistati sono stati assegnati a una delle quattro categorie distinte:

Pionieri (20%) Queste organizzazioni possiedono una profonda conoscenza dell’IA e la incorporano nelle loro offerte e nei processi interni. Sono i pionieri.

Investigatori (30%) Queste organizzazioni comprendono l’IA ma non la implementano oltre la fase pilota. Stanno adottando un approccio più “guarda prima di saltare”.

Sperimentatori (18%) Queste organizzazioni stanno sperimentando l’IA senza comprenderla veramente. La loro strategia è fingere finché non ce la fai.

Passivi (32%) Queste organizzazioni hanno poca o nessuna comprensione dell’IA e probabilmente perderanno l’opportunità di trarne profitto.

Il sondaggio del 2020 , che utilizza le stesse domande e la stessa metodologia, offre una visione ancora più ampia di come i dirigenti abbracciano l’IA. L’87% ritiene che l’IA offrirà alle proprie aziende un vantaggio rispetto alle altre. Solo il 59% delle aziende, tuttavia, ha una strategia AI.

Confrontando le risposte al sondaggio MIT e BCG 2020 con quelle dall’inizio del sondaggio nel 2017, un numero crescente di dirigenti riconosce che i concorrenti utilizzano l’intelligenza artificiale. Eppure solo un’azienda su 10 utilizza l’intelligenza artificiale per generare vantaggi finanziari significativi.

Prevedo che questo divario tra leader e ritardatari continuerà ad ampliarsi, rendendo questa l’ultima possibilità della tua azienda di agire prima del 2024 (se non lo ha già fatto).

Cosa serve per realizzare il successo
I dati del 2020 di MIT e BCG rivelano che le aziende focalizzate sui passaggi iniziali dell’adozione dell’IA (garantire che dati, talento e una strategia siano in atto) avranno il 21% di possibilità di diventare leader di mercato. Quando le aziende iniziano a iterare sulle soluzioni di intelligenza artificiale con i propri utenti organizzativi (adottando efficacemente l’intelligenza artificiale e applicandola in più casi d’uso) tale possibilità sale al 39%. E quelli che possono orchestrare le interazioni macro e micro tra uomo e macchina (condividendo la conoscenza tra entrambi e strutturando in modo intelligente tali interazioni) avranno il 73% di possibilità di leadership di mercato.

Basandosi sulle previsioni di successo di MIT e BCG, McKinsey & Company ha analizzato in modo specifico l’ impatto dell’integrazione dell’IA sui ricavi in ​​questo grafico del 2020.

 

Sebbene il ROI per l’integrazione dell’IA possa essere immediato, in genere non è così. Secondo i dati del 2019 di MIT e BCG, solo due aziende su tre che hanno investito in AI (Investigators and Experimenters) riportano guadagni entro tre anni. Questa statistica migliora a tre su cinque quando sono incluse le aziende che hanno effettuato investimenti significativi in ​​AI (Pioneers).

I dati del MIT/BCG del 2020 si basano su questo, affermando che le aziende che utilizzano l’intelligenza artificiale per apportare modifiche estese a molti processi aziendali hanno 5 volte più probabilità di realizzare un importante vantaggio finanziario rispetto a quelle che apportano piccole o nessuna modifica ad alcuni processi aziendali.

Allora, dove sarai nel 2024? Stai per raccogliere i frutti dell’intelligenza artificiale o lamentarti di aver perso un’opportunità di vantaggio sul mercato?

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi