Home / Economia / Perché un investimento nell’automazione e nella intelligenza artificiale si traduce in più posti di lavoro

Perché un investimento nell’automazione e nella intelligenza artificiale si traduce in più posti di lavoro


Mentre il coronavirus si è diffuso in tutto il mondo, le strisce di esuberi che hanno seguito la sua scia hanno relegato in secondo piano la narrativa “i robot stanno prendendo il nostro lavoro”. Era una narrazione con una logica un po ‘mista nel migliore dei casi.

Ad esempio, una ricerca della London School of Economics (LSE) ha scoperto che l’introduzione di robot industriali ha effettivamente aumentato i salari per i dipendenti, aumentando anche il numero di opportunità di lavoro per persone altamente qualificate.

I ricercatori hanno condotto un’analisi completa dell’impatto economico dei robot industriali in 17 paesi tra il 1993 e il 2007 in 14 settori diversi. Il periodo di analisi corrispondeva a un enorme aumento nell’uso di robot industriali, con un calo del prezzo di tali macchinari di circa l’80%. Che impatto ha avuto questo sulla forza lavoro umana?

“Possiamo vedere che i robot industriali aumentano i salari dei dipendenti e aumentano la produttività e che il numero di posti di lavoro per i lavoratori poco qualificati, e anche in una certa misura per i lavoratori di medio livello, diminuisce, mentre le opportunità di lavoro per l’aumento altamente qualificato,” gli autori dire.

Un secondo documento di LSE ha rilevato che non vi era alcuna relazione reale con il ritorno dei posti di lavoro dopo una recessione e con gli investimenti in tecnologie automatizzate in un determinato settore. Un’eccezione notevole nel loro studio globale sono stati gli Stati Uniti, con questo poi confermato in un altro studio , del National Bureau of Economic Research, che ha scoperto che quelle industrie che investivano maggiormente nella robotica industriale avevano effettivamente livelli di occupazione più bassi, con ciascun robot equivalente a circa sei impiegati umani.

“Il processo delle macchine che sostituiscono il lavoro umano non è qualcosa di nuovo” , affermano. “È in corso da 200 anni. Perché è ancora così tanto lavoro?”

Velocità di implementazione
Una nuova ricerca del MIT suggerisce che la chiave dell’impatto dei robot sull’occupazione è la velocità del loro spiegamento. Lo studio suggerisce che quando le aziende aggiungono rapidamente robot, tendono anche ad aggiungere lavoratori umani al loro libro paga. Quando le aziende sono meno entusiaste dei loro investimenti in tecnologia, tende a coincidere con la perdita di posti di lavoro.

Lo studio, condotto nel settore manifatturiero francese, evidenzia le sfumature degli investimenti tecnologici, poiché le aziende che hanno investito in robot tendevano a crescere più velocemente rispetto ai loro concorrenti perché l’investimento permetteva loro di ridurre i costi che non stavano cadendo altrove nel settore .

In effetti, i dati mostrano che un aumento del 20% nell’uso dei robot nel settore tra il 2010 e il 2015 corrisponde a un calo del 3,2% dell’occupazione in tutto il settore. Osservando le singole aziende, tuttavia, quelle società che investono fortemente in robot hanno effettivamente visto un aumento delle ore totali dei dipendenti del 10,9%.

Le aziende che hanno aggiunto robot ai loro processi di produzione sono state in grado di essere sia più produttive che redditizie. Pertanto, mentre la percentuale di reddito destinata ai lavoratori è diminuita del 4-6%, la crescita che le aziende sono state in grado di conseguire grazie all’investimento ha comportato l’aggiunta di più lavoratori alla propria forza lavoro.

Ciò è in netto contrasto con quelle aziende che non hanno investito in robot, che non hanno visto alcun cambiamento reale nella loro quota di reddito del lavoro, ma hanno visto le loro forze di lavoro ridursi di circa il 2,5% per ogni aumento del 10% delle dimensioni della forza lavoro robotica a i loro concorrenti.

“Guardando il risultato, potresti pensare [all’inizio] che sia l’opposto del risultato americano, in cui l’adozione di robot va di pari passo con la distruzione di posti di lavoro, mentre in Francia le aziende che adottano robot stanno espandendo il loro lavoro”, i ricercatori dire. “Ma questo è solo perché si stanno espandendo a spese dei loro concorrenti. Ciò che mostriamo è che quando aggiungiamo l’effetto indiretto su quei concorrenti, l’effetto complessivo è negativo e paragonabile a quello che troviamo negli Stati Uniti”

Superstardom robotica
L’analisi condotta in Francia rispecchiava quella di un precedente lavoro di un’altra squadra del MIT. Ha dissipato anche il mito secondo cui investire nella tecnologia porta a tagli di posti di lavoro e ha anche scoperto che in realtà “non” investire ha portato a tagli di posti di lavoro.

Questo perché i mercati sono sempre più strutturati in un modo che vede la parte del leone del bottino andare a un numero relativamente piccolo di aziende superstar che sono in grado di staccarsi dal branco. Queste aziende non sono ritardatarie tecnologiche, ma sono invece all’avanguardia della tecnologia nel loro settore.

Pertanto, anche se in genere queste imprese hanno una quota di reddito inferiore rispetto a quanto sarebbe accaduto in precedenza, investendo in tecnologia e diventando più produttivi, ottengono una quota di mercato maggiore, il che di solito comporta un aumento dell’occupazione complessiva.

“Molti dei principali attori stanno lasciando lo spazio di consulenza perché era troppo complicato, troppo costoso e troppo rischioso, quindi i normali clienti non ricevevano consigli dalle grandi banche, poiché se non fossi un milionario, non sarebbero per te, ma la nostra tecnologia ci consente di servire una vasta base di clienti in modi che prima non sarebbero stati fattibili “, Rahul Agarwal, amministratore delegato di clienti privati ​​nel Regno Unito presso la società ITI Capital, che ha recentemente utilizzato la sua forza nella robotradazione per acquistare il libro dei clienti per la società di servizi finanziari SVS Securities, afferma. “Ciò è particolarmente vero dal punto di vista normativo e significa che anche con l’incertezza e l’interruzione causate da Covid-19, siamo fiduciosi nella nostra capacità di crescere e svilupparci insieme alla nostra clientela”.

Diffondere tecnologia in giro
L’ analisi svolta del mercato tedesco sottolinea l’importanza di garantire trasformazione digitale non si limita a un piccolo numero di imprese superstar.

Sostiene che prevenire lo sviluppo e la diffusione di nuove tecnologie farà più male che bene, e un approccio più produttivo sarebbe quello di cercare di rinvigorire l’imprenditoria delle generazioni passate che, sostengono, hanno sostenuto una forma più inclusiva di crescita economica.

La Germania è per molti versi una perfetta capsula di Petri, poiché non solo la disuguaglianza è aumentata in modo significativo dall’unificazione, ma hanno anche dimenticato il passaggio a un’economia trainata dalla finanza visto in Gran Bretagna e negli Stati Uniti e hanno visto pochi lavori esternalizzati a causa della globalizzazione.

È anche un’economia in cui l’automazione ha generalmente creato molti più posti di lavoro rispetto a quelli che sono stati spostati. Tuttavia, la disuguaglianza rimane e i ricercatori sostengono che l’economia ha risparmiato a tal punto che gli investimenti nell’innovazione sono stati strangolati. Questa riduzione degli investimenti, suggeriscono i ricercatori, ha portato al calo della produttività in Germania, che ha minato la crescita dei salari.

Pertanto, gli autori ritengono che lontano dal futuro del lavoro in cui la tecnologia è qualcosa da temere, ci si attende invece di aumentare i nostri investimenti in tecnologia per migliorare la disuguaglianza che mina la nostra fiducia nel futuro.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi