Home / Economia / Polaris Quantum Biotech sta reinventando la scoperta di farmaci

Polaris Quantum Biotech sta reinventando la scoperta di farmaci

Questa startup utilizza l’informatica quantistica e l’intelligenza artificiale per ridurre i tempi di scoperta dei farmaci da 3 anni a 4 mesi
 
Polaris Quantum Biotech sta reinventando la scoperta di farmaci, riducendo il tempo necessario per trovare molecole candidate per lo sviluppo di farmaci dai tipici tre anni a soli quattro mesi. Come con altri sforzi di successo per riprogettare i processi consolidati, Polaris sta scommettendo su scalabilità e automazione. L’avvio, co-fondato da Shahar Keinan e Bill Shipman, è uscito di nascosto un anno fa, rivelando la prima piattaforma di scoperta di farmaci che utilizza un computer quantistico, scansionando in modo efficiente miliardi di molecole da un grande spazio chimico.

Avendo lavorato per anni nel settore dello sviluppo di farmaci, i fondatori di Polaris hanno deciso di provare ad affrontare le due principali sfide che hanno identificato: la tecnologia utilizzata e il modello di business. “Volevamo risolvere entrambi questi problemi insieme”, afferma il CEO di Polaris, Shahar Keinan.

La parte relativa alla tecnologia della loro soluzione consisteva nell’utilizzare l’informatica quantistica, piuttosto che i computer classici, per accelerare il processo. In termini di modello di business, contrariamente ai laboratori di ricerca (o organizzazioni di ricerca a contratto) che forniscono la scoperta molecolare come servizio alle grandi aziende farmaceutiche, Polaris sta autorizzando le loro scoperte. Con questo modello di business, afferma Keinan, è necessario un portafoglio diversificato per “diversificare il rischio”. La diversità qui è definita come la malattia bersaglio, la proteina specifica bersaglio e persino il meccanismo di consegna
Sulla base dei parametri di riferimento del settore, su 100 “risorse” (ad es. progetti di farmaci, composti di piombo), da 1 a 5 verranno utilizzati in un farmaco che verrà venduto commercialmente. Tra 75 e 80 possono raggiungere i test clinici, ma in genere questo numero potrebbe essere ridotto a non più di 25 nelle successive fasi di test. Polaris viene pagato in ogni fase del viaggio del farmaco sul mercato, e sempre di più man mano che ogni ostacolo viene superato con successo.

I composti guida Polaris sviluppano processi biologici specifici che sono noti per essere la causa di una specifica malattia e sono progettati per essere coinvolti nel processo in modo da arrestarne l’ulteriore sviluppo o eliminarlo del tutto. “Prendiamo questa grande macchina biologica e ci mettiamo dentro una chiave inglese”, dice Keinan. Il trucco è trovare una molecola che faccia esattamente quello che ci si aspetta che faccia ma non faccia altre cose, non utili o potenzialmente dannose, ad altri processi biologici nel corpo umano.

Polaris sta sviluppando un ecosistema attorno alla sua piattaforma di scoperta di farmaci, arruolando varie risorse hardware e software per assisterla. L’anno scorso, ha collaborato con la tecnologia Digital Annealer di Fujitsu, di ispirazione quantistica, inizialmente prendendo di mira la febbre dengue, una condizione trasmessa dalle zanzare che è presente in oltre 100 paesi in tutto il mondo, uccidendo fino a 22.000 persone ogni anno. Un altro provider di calcolo quantistico con cui Polaris sta lavorando è D-Wave Systems , che accede alla sua tecnologia di ricottura quantistica tramite il servizio cloud AWS.Recentemente è stata annunciata un’altra partnership Polaris, che collabora con Auransa per scoprire trattamenti per malattie trascurate che colpiscono in modo sproporzionato le donne. Un esempio è l’endometriosi, una condizione incurabile che colpisce milioni di donne, causata dalla crescita del tessuto che riveste l’utero in altre parti dell’addome. Auransa sta utilizzando l’intelligenza artificiale per sviluppare soluzioni di medicina di precisione in aree con esigenze mediche non soddisfatte e, in questa partnership, Auransa trova il bersaglio biologico e Polaris trova la freccia (il composto principale) che colpirà il bersaglio del bersaglio. 

Nell’ultimo decennio, c’è stata una crescente applicazione dell’AI (o machine/deep learning) alla scoperta di farmaci e i dirigenti delle aziende farmaceutiche si aspettano che sia la tecnologia emergente che avrà il maggiore impatto sul loro settore nel 2021. L’anno scorso, un un’indagine sulle organizzazioni di scienze della vita ha rilevato che il 31% avrebbe iniziato la valutazione del calcolo quantistico nel 2020 e un ulteriore 39% aveva in programma di valutarlo nel 2021 o di avere il calcolo quantistico “sul proprio radar”. Polaris Quantum Biotech potrebbe essere al centro di una tempesta perfetta che accelererà il ritmo della scoperta di nuovi farmaci.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi