Crisi di identità: intelligenza artificiale e logica errata del “caricamento mentale” 

Molti “futuristi” insistono sul fatto che i progressi tecnologici consentiranno agli esseri umani di “caricare le nostre menti” nei sistemi informatici, permettendoci così di “vivere per sempre”, sfidando i nostri limiti biologici. Questo concetto è profondamente imperfetto, ma ha guadagnato l’attenzione popolare negli ultimi anni. Tanto che Amazon ha una serie TV basata sulla premessa chiamata Upload , per non parlare di innumerevoli altri riferimenti alla cultura pop. 

Come sfondo, il concetto di “caricamento mentale” è radicato nella premessa molto ragionevole che il cervello umano, come qualsiasi sistema che obbedisce alle leggi della fisica, può essere modellato in un software se viene dedicata al problema una potenza di calcolo sufficiente. Per essere chiari, il caricamento mentale non riguarda la modellazione del cervello umano in astratto, ma la modellazione di persone specifiche, le loro menti uniche rappresentate in modo così dettagliato che ogni neurone viene simulato accuratamente, compreso l’enorme groviglio di connessioni tra di loro.

 
È anche possibile?
Naturalmente, questo è un compito estremamente impegnativo. Ci sono più di 85 miliardi di neuroni nel tuo cervello, ognuno con migliaia di collegamenti ad altri neuroni. Sono circa 100 trilioni di connessioni, mille volte più del numero di stelle nella Via Lattea. Sono quei trilioni di connessioni che ti rendono quello che sei : la tua personalità e i tuoi ricordi, le tue paure, le tue capacità e le tue ambizioni. Per riprodurre la tua mente in un software (a volte chiamato infomorph ), un sistema informatico dovrebbe simulare con precisione la stragrande maggioranza di quelle connessioni fino alle loro interazioni più sottili.  

 
Quel livello di modellazione non sarà fatto a mano. I futuristi che credono nel “caricamento mentale” spesso immaginano un processo automatizzato che utilizza una sorta di macchina per la risonanza magnetica superpotente , che cattura la biologia fino al livello molecolare. Prevedono inoltre l’uso del software di intelligenza artificiale (AI) per trasformare quella scansione dettagliata in una simulazione di ciascun neurone unico e delle sue migliaia di connessioni con altri neuroni.   

 

Questo è un compito estremamente impegnativo, ma è teoricamente fattibile. È anche teoricamente possibile che un gran numero di menti simulate possano coesistere all’interno di una ricca simulazione della realtà fisica. Tuttavia, l’idea che il “caricamento mentale” consentirà a qualsiasi essere umano biologico di prolungare la propria vita è profondamente viziata.  

Il vero problema è che le parole chiave in quella frase precedente sono “la loro vita”. Sebbene sia teoricamente possibile, con sufficienti progressi tecnologici, copiare e riprodurre la forma e la funzione di un cervello umano unico all’interno di una simulazione al computer, quell’essere umano che è stato copiato esisterebbe ancora nel loro corpo biologico. Il loro cervello sarebbe ancora al sicuro all’interno del loro cranio.

 
La persona che esisterebbe nel computer sarebbe una copia. 

In altre parole, se ti registrassi per “caricamento mentale”, non ti sentiresti come se fossi improvvisamente trasportato in una simulazione al computer. In effetti, non sentiresti assolutamente nulla. Il processo di copiatura del cervello potrebbe essere avvenuto a tua insaputa mentre eri addormentato o sedato, e non avresti il ​​minimo sentore che in una simulazione esistesse una riproduzione della tua mente.  

Caricamento mentale e gemello digitale: tu, ma non proprio TU
Possiamo pensare alla copia come a un clone o gemello digitale, ma non saresti tu. Sarebbe una tua copia mentale, inclusi tutti i tuoi ricordi fino al momento in cui il tuo cervello è stato scansionato. Ma da quel momento in poi, la copia genererebbe i propri ricordi all’interno del mondo simulato in cui è stata installata. Potrebbe interagire con altre persone simulate, imparando cose nuove e vivendo nuove esperienze. O forse interagirebbe con il mondo fisico attraverso interfacce robotiche. Allo stesso tempo, il biologico genererebbe nuovi ricordi, abilità e conoscenze.  

In altre parole, la tua mente biologica e la tua copia digitale inizierebbero immediatamente a divergere. Sarebbero identici per un istante e poi si sarebbero separati. Le tue abilità e abilità divergerebbero. La tua conoscenza e comprensione divergerebbero. La tua personalità e i tuoi obiettivi divergerebbero. Dopo qualche anno, ci sarebbero differenze significative. Eppure, entrambe le versioni “sembrerebbero il vero te”. 

 
Questo è un punto critico: la copia avrebbe gli stessi sentimenti di individualità che hai tu. Si sentirebbe altrettanto in diritto di possedere la propria proprietà e guadagnare il proprio salario e prendere le proprie decisioni. In effetti, tu e la copia probabilmente avrete una disputa su chi può usare il tuo nome, poiché entrambi vi sentireste come se lo avessi usato per tutta la vita.  

Se avessi fatto una copia di me stesso, mi risveglierei in una realtà simulata e credevo pienamente che fosse il vero Louis Barry Rosenberg , un tecnologo per tutta la vita. Se fosse in grado di interagire con il mondo fisico attraverso mezzi robotici, la copia sembrerebbe di avere tutto il diritto di vivere a casa mia, guidare la mia macchina e andare al mio lavoro. Dopotutto, la copia si ricorderebbe di aver comprato quella casa e di aver ottenuto quel lavoro e di aver fatto tutto il resto che ricordo di aver fatto.  

In altre parole, creare una copia digitale tramite il “caricamento mentale” non ha nulla a che fare con il permetterti di vivere per sempre. Invece, creerebbe un concorrente che ha abilità, capacità e ricordi identici e che si sente ugualmente giustificato a essere il proprietario della tua identità. 

E sì, la copia si sentirebbe ugualmente sposata con il tuo coniuge e genitore con i tuoi figli. In effetti, se questa tecnologia fosse possibile, potremmo immaginare la copia digitale che ti fa causa per l’affidamento congiunto dei tuoi figli, o almeno per i diritti di visita.

Per affrontare il paradosso di creare una copia di un individuo piuttosto che consentire l’immortalità digitale, alcuni futuristi suggeriscono un approccio alternativo. Invece di scansionare e caricare una mente su un computer, ipotizzano la possibilità di trasformare gradualmente il cervello di una persona, neurone dopo neurone, in un substrato non biologico. Questo viene spesso definito ” cyborging ” piuttosto che ” upload ” ed è un compito tecnico ancora più impegnativo rispetto alla scansione e alla simulazione. Inoltre, non è chiaro se la sostituzione graduale risolva effettivamente il problema dell’identità, quindi definirei questa direzione nella migliore delle ipotesi incerta. 

 
Detto questo, il caricamento mentale non è il percorso chiaro verso l’immortalità rappresentato nella cultura popolare. Molto probabilmente, è un percorso per creare un duplicato che reagirebbe esattamente come faresti se ti svegliassi un giorno e ti dicessero: Mi dispiace, so che ricordi di esserti sposato, di avere figli e una carriera, ma il tuo coniuge non lo è davvero il tuo coniuge e i tuoi figli non sono davvero i tuoi figli e il tuo lavoro non è proprio …  

È qualcosa a cui qualcuno vorrebbe sottoporre una copia di te stesso? 

Personalmente, lo vedo come profondamente immorale. Così immorale, ho scritto una graphic novel di avvertimento più di un decennio fa chiamata UPGRADE che esplora i pericoli del caricamento mentale. Il libro si svolge in un mondo futuro in cui ognuno trascorre la maggior parte della propria vita nel metaverso .

Quello che gli abitanti di questo mondo non si rendono conto è che le loro vite nel metaverso sono continuamente profilate da un sistema di intelligenza artificiale che osserva tutte le loro azioni e reazioni, in modo che possa costruire un modello digitale delle loro menti da una prospettiva comportamentale (non è richiesta alcuna scansione ). Quando i profili sono completi, l’IA immaginaria convince le persone a “aggiornarsi” ponendo fine alla loro vita e consentendo alle loro copie digitali di sostituirle completamente. 

Quando ho scritto quel libro 14 anni fa, era inteso come ironia. Eppure oggi c’è un campo emergente che va proprio in questa direzione. Chiamata eufemisticamente l’  industria dell'”aldilà digitale” , ci sono molte startup che spingono a “digitalizzare” i propri cari in modo che i membri della famiglia possano interagire con loro dopo la loro morte. Ci sono persino startup che vogliono profilare le tue azioni nel metaverso in modo che anche tu possa “vivere per sempre” nel loro mondo digitale. Anche Amazon è recentemente entrata in questo spazio dimostrando come Alexa può clonare la voce di tua nonna morta e permetterti di sentirla parlare. 

 
Con così tanta attività in questo spazio, quanto tempo ci vorrà prima che una startup inizi a pubblicizzare i vantaggi in termini di risparmio sui costi di porre fine alla tua vita presto e consentire alla tua sostituzione digitale di vivere? Temo sia solo questione di tempo. La mia unica speranza è che gli imprenditori siano onesti con il pubblico sulla realtà del caricamento mentale: non è un percorso verso l’immortalità.

Almeno, non nel modo in cui molte persone pensano.    

Louis Rosenberg, Ph.D. , è un pioniere nei campi di VR, AR e AI. Ha conseguito il dottorato di ricerca. della Stanford University, ha ottenuto oltre 300 brevetti e ha fondato numerose aziende di successo. Rosenberg ha iniziato il suo lavoro presso l’Air Force Research Laboratory dove ha sviluppato il primo sistema di realtà aumentata funzionale per unire mondi reali e virtuali. Rosenberg è attualmente CEO di Unanimous AI , il capo scienziato della Responsible Metaverse Alliance e consulente tecnologico globale della XR Safety Initiative (XRSI ).

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi