Home / Hardware AI / Qual è il migliore assistente intelligente : Alexa, Siri, Google Assistant ?

Qual è il migliore assistente intelligente : Alexa, Siri, Google Assistant ?

Alexa, Siri, Google Assistant: come si confrontano i migliori assistenti intelligenti

Assistenti intelligenti come l’Assistente Google, Alexa di Amazon e Siri di Apple stanno migliorando sempre di più. Ma hanno ancora sfide significative.

Il più intelligente è Google, Alexa è di grande impatto e Siri è un po ‘ un brutto figliastro.

Secondo uno studio recente sui migliori assistenti vocali basati sull’intelligenza artificiale di VoiceBot suggerisce che Amazon sta avendo il maggiore impatto sul settore vocale. Ma quali sono le principali differenze che guidano Google, Amazon e Apple nello sviluppo di assistenti digitali intelligenti?

“Amazon deve venderci cose”, mi ha detto di recente Brian Jackson, analista di Info-Tech Research Group , sul podcast TechFirst . “Google deve fornirci annunci. Cosa deve fare Apple? “

Che si tratti di vendere beni da Amazon.com o di spedire più iPhone, Alexa potrebbe estendere il suo vantaggio negli assistenti AI basati sulla voce in questo momento. La società ha recentemente annunciato nuove capacità di conversazione che integrano le sue app vocali, chiamate abilità, molto meglio di prima. Alexa ha oltre 100.000 abilità ora, che vanno da un gioco a quiz de Il Signore degli Anelli a giochi con Pikachu a abilità premium come Jeopardy , che sono gratuite da installare ma vengono fornite con acquisti in-abilità.

L’innovazione più recente di Amazon: ora puoi parlare con Alexa senza dover specificare specificamente quale app vocale o abilità desideri utilizzare.

È un po ‘come usare un’app sul telefono senza doverla aprire esplicitamente.

Amazon ora sta anche dotando Alexa di, essenzialmente, memoria a breve termine.

Quindi, se hai già ordinato quella pizza da Domino’s, non dovrai ricordare ad Alexa quella conversazione precedente prima di chiedere semplicemente quando arriverà la tua pizza. Alexa ricorderà il contesto e saprà già controllare con l’abilità di Domino.

Ovviamente, Google non è seduto sulle sue mani mentre Amazon sta portando avanti lo stato dell’arte degli assistenti vocali. Grazie alla sua lunga storia nella ricerca e forse al grafico di conoscenza più ampio del pianeta, Google è generalmente valutato come l’ assistente AI basato sulla voce più intelligente.

“Penso che sia Google Assistant, solo per un naso probabilmente su Amazon Alexa in questo momento”, dice Jackson in risposta a una domanda su quale assistente è più intelligente. “È solo un po ‘più colloquiale … nei test e in ogni tipo di confronto che ho visto, l’Assistente Google ottiene quel vantaggio per quella capacità di conversazione.”

Ma nonostante Apple abbia assunto il capo dell’intelligenza artificiale di Google due anni fa, Apple sembra ancora non riuscire a portare Siri alla pari.

E questo non sembra cambiare in iOS 14, il nuovo sistema operativo mobile di Apple che probabilmente verrà lanciato a settembre di quest’anno.

Mentre Siri ora ha 20 volte più fatti a portata di mano rispetto a tre anni fa, afferma Apple , la nuova funzionalità più importante nell’anteprima di iOS 14 di Apple per Siri, con la massima fatturazione, è che ha “un nuovo design compatto”. Un nuovo design potrebbe essere carino e, in effetti, lo è: Siri non utilizzerà più lo schermo intero quando è attivo, ma una maggiore intelligenza e usabilità è essenziale.

Uno dei problemi, mi ha detto l’ analista tecnologico Robert Scoble alla fine dell’anno scorso , è l’attenzione di Apple sulla privacy.

Jackson è d’accordo.

“È possibile che l’attenzione di Apple sulla privacy degli utenti sia ciò che ha rallentato il suo sviluppo di assistenti vocali”, afferma. “Poiché Google e Amazon, penso che sappiamo tutti che sono disposti come qualsiasi cosa a prendere tutti i dati degli utenti su cui possono mettere le mani e insegnare ai loro algoritmi come conoscerci ancora meglio.”

Questo è un problema difficile da risolvere, perché l’attenzione di Apple sulla privacy è uno dei suoi principali elementi di differenziazione e un importante biglietto da visita in un’epoca in cui “big tech” è praticamente sinonimo di capitalismo della sorveglianza. È anche qualcosa che generalmente fa bene ai clienti Apple: i consumatori ordinari.

Dove brilla Alexa di Amazon è la casa intelligente e l’automazione domestica.

ALTRO DA FORBES
Smartglass Apple e il mondo di domani: un’anteprima
Di John Koetsier
Molte di queste oltre 100.000 abilità di Alexa controllano luci, porte da garage, serrature intelligenti, sistemi di sicurezza, lavastoviglie, macchine per il caffè e altri elettrodomestici. Anche gli altoparlanti intelligenti, anche se le vendite di Amazon Echoes e Google Homes sono diminuite nel primo trimestre. Amazon ha lavorato duramente sulla sua strategia di portare Alexa in tutto e rendere tutto intelligente, e quella strategia ha dato i suoi frutti.

“Puoi pagare un minimo di $ 4 ora per questo modulo che hai appena messo nella lavastoviglie, o nel microonde, o nel forno, o qualunque cosa tu stia facendo, e improvvisamente Alexa può parlargli e dargli comandi, “Dice Jackson. “Amazon ha sviluppato quella visione di rendere Alexa un dispositivo voice-first che controllerebbe la tua casa intelligente, essere un hub per connettersi a tutti questi altri dispositivi ed è economico integrare Alexa nella tua attrezzatura domestica intelligente.”

Cosa ci riserva il futuro?

Bene, ogni assistente diventerà più intelligente nel tempo, ovviamente.

Quello che potresti anche vedere è che gli sviluppatori di intelligenza artificiale open source rilasceranno assistenti in continuo miglioramento che funzionano solo per te … non per qualche grande azienda che cerca di vendere prodotti o inserire annunci. Una di queste opzioni oggi disponibili è Mycroft .

Questo è un campo lungo, ovviamente, poiché i progetti open source in genere non hanno le risorse di Google, Amazon o Apple.

Ma vale la pena notare che il software open source oggi è al centro di miliardi di dispositivi: Mac OS X è costruito su una variante UNIX open source e quindi, per estensione, è iOS, il sistema operativo. E Android è un sistema operativo open source basato sul kernel Linux. Ognuno ha un numero enorme di funzionalità proprietarie costruite su quelle radici open source, ovviamente, ma la maggior parte dei dispositivi sul pianeta utilizza sistemi operativi open source.

Alla fine, probabilmente vedremo i principali assistenti di oggi ottenere una casa negli smartglass, che sono probabilmente la prossima grande evoluzione delle piattaforme tecnologiche personali . Questa è un’area in cui Google, con i Google Glass ancora esistenti (ora per le aziende) e Apple, con molteplici innovazioni e brevetti a porte chiuse, potrebbero avere un vantaggio su Amazon.

“Non vuoi davvero toccarli così tanto e non puoi avere così tanti controlli su di loro, quindi essere in grado di parlare con loro e dare comandi a Siri, per poter controllare diverse interfacce su di esso, o trasmettere comandi altrove, sarebbe utile “, dice Jackson.

Una cosa che probabilmente renderà ancora difficile per gli assistenti vocali vincere ovunque: è ancora strano parlare con i tuoi dispositivi in ​​pubblico.

Quella realtà sociale e psicologica potrebbe essere più difficile da cambiare rispetto all’innovazione di nuove piattaforme tecnologiche personali.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi