Home / Economia / Robot e lavoro: Evidenze nel mercato del lavoro USA

Robot e lavoro: Evidenze nel mercato del lavoro USA

Un nuovo studio suggerisce che i robot nella forza lavoro aumentano le disparità di reddito, dipendono fortemente dalla regione
Ci sono state molte previsioni sul futuro del lavoro con l’intelligenza e l’automazione artificiali, che vanno dalla disoccupazione massiccia alla creazione di molti nuovi posti di lavoro grazie alla tecnologia. Ora, è stato rilasciato un nuovo studio scritto da un professore del MIT, che fornisce ulteriori informazioni sulla sostituzione dei lavoratori con i robot.

L’articolo è intitolato ” Robots and Jobs: Evidence from US Labour Markets ” ed è stato scritto dall’economista del MIT Daron Acemoglu e da Pascual Restrepo Ph.D. ’16, che è professore assistente di economia all’università di Boston. Può essere trovato nel Journal of Political Economy.

Uno dei risultati dello studio è che l’impatto dei robot, in particolare negli Stati Uniti, dipenderà in larga misura dall’industria e dalla regione. Ha anche scoperto che la disparità di reddito può essere notevolmente aumentata grazie alla tecnologia.

Secondo Acemoglu, “Troviamo effetti negativi sull’occupazione piuttosto rilevanti.” Tuttavia, Acemoglu ha anche affermato che l’impatto potrebbe essere sopravvalutato.

Lo studio ha rilevato che tra il 1990 e il 2007, l’aggiunta di un robot per 1.000 lavoratori ha comportato una riduzione del rapporto occupazione / popolazione nazionale di circa lo 0,3 per cento. Ha anche scoperto che questo numero differisce a seconda delle aree degli Stati Uniti, con alcune aree notevolmente più colpite rispetto ad altre.

In altri termini, una media di 3,3 lavoratori a livello nazionale sono stati sostituiti per ogni robot aggiuntivo che è stato aggiunto nella produzione.

Un altro risultato chiave dello studio è stato che nello stesso periodo i salari sono stati ridotti di circa lo 0,4 per cento a causa del maggiore utilizzo di robot sul posto di lavoro.

“Troviamo effetti salariali negativi, che i lavoratori stanno perdendo in termini di salari reali nelle aree più colpite, perché i robot sono abbastanza bravi a competere contro di loro”, afferma Acemoglu.

Dati utilizzati nello studio
Lo studio è stato condotto con dati provenienti da 19 diversi settori, compilato dall’International Federation of Robotics (IFR). L’IFR è un gruppo industriale con sede a Francoforte che raccoglie dati dettagliati sulle distribuzioni di robot in tutto il mondo. I dati sono stati quindi combinati con altri provenienti dagli Stati Uniti, basati su popolazione, occupazione, affari e salari. I dati statunitensi sono stati presi dall’Ufficio censimento degli Stati Uniti, dall’Ufficio di analisi economica e dall’Ufficio di statistica del lavoro.

Uno degli altri metodi utilizzati nello studio è stato quello di confrontare il dispiegamento di robot negli Stati Uniti con altri paesi, e i ricercatori hanno scoperto che gli Stati Uniti sono dietro l’Europa in questo senso. Rispetto ai 1,6 nuovi robot europei introdotti per 1.000 lavoratori tra il 1993 e il 2007, le aziende statunitensi hanno introdotto solo un nuovo robot per 1.000 lavoratori.

“Anche se gli Stati Uniti sono un’economia tecnologicamente molto avanzata, in termini di produzione, utilizzo e innovazione dei robot industriali, sono alla base di molte altre economie avanzate”, afferma Acemoglu.

Le aree più colpite negli Stati Uniti
Analizzando 722 diverse zone di pendolarismo negli Stati Uniti continentali, nonché l’impatto dei robot su di esse, lo studio ha scoperto che ci sono differenze drammatiche nell’uso dei robot in base alla posizione geografica.

Una delle aree più colpite da questa tecnologia è l’industria automobilistica e alcuni dei principali hub di tale settore, tra cui Detroit, Lansing e Saginaw, sono alcune delle aree più colpite.

“Industrie diverse hanno impronte diverse in luoghi diversi negli Stati Uniti”, afferma Acemoglu. “Il luogo in cui il problema dei robot è più evidente è Detroit. Qualunque cosa accada alla produzione automobilistica ha un impatto molto maggiore sulla zona di Detroit [che altrove]. “

Ogni robot sostituisce localmente circa 6,6 lavori nelle zone di pendolarismo in cui i robot vengono inseriti nella forza lavoro. Uno dei risultati più interessanti dello studio è che ogni volta che vengono aggiunti robot nella produzione, altre industrie e aree beneficiano in tutto il paese, a causa di cose come un minor costo delle merci. Questo è il motivo per cui lo studio si è concluso con un totale di 3,3 lavori sostituiti per un robot aggiunto per tutti gli Stati Uniti

I ricercatori hanno anche scoperto che la disparità di reddito è direttamente influenzata dall’introduzione di robot. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che nelle aree in cui molti di questi posti di lavoro vengono sostituiti, mancano altre buone opportunità di lavoro.

“Ci sono importanti implicazioni distributive”, afferma Acemoglu. “L’onere ricade sui lavoratori con scarse competenze e in particolare quelli di medio livello. Questa è davvero una parte importante della nostra ricerca complessiva [sui robot], secondo cui l’automazione è in realtà una parte molto più grande dei fattori tecnologici che hanno contribuito alla crescente disuguaglianza negli ultimi 30 anni. “

“Certamente non fornirà alcun supporto a coloro che pensano che i robot prenderanno tutti i nostri posti di lavoro”, continua Acemoglu. “Ma ciò implica che l’automazione è una vera forza da affrontare.”

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi