Non abbiamo ancora visto Galaxy Home – e questa è una buona cosa

Non ha senso rilasciare un altoparlante per la casa intelligente che non è eccezionale

Due volte all’anno, Samsung tiene il suo evento di lancio Galaxy Unpacked. Due volte all’anno, ci chiediamo: Samsung annuncerà finalmente i suoi misteriosi altoparlanti intelligenti abilitati Bixby, Galaxy Home e Galaxy Home Mini? E due volte all’anno, la società annuncia telefoni, accessori e partnership a bizzeffe – senza nessun altoparlante Bixby in vista.

Dove, oh dove è la Galaxy Home? Stiamo aspettando questo dispositivo a forma di calderone da quando Samsung lo ha annunciato al suo evento di agosto 2018. (Potrebbe non sembrare molto tempo fa, ma per il contesto, anche il Note 9 è stato lanciato in quell’evento.) Samsung ha promesso il dispositivo nell’aprile 2019, quindi ha spinto verso “la prima metà del 2019”, quindi verso il terzo trimestre del 2019. Mini è quindi apparso come beta pubblica alla fine di agosto 2019, insieme alle voci di una versione del 12 febbraio 2020 . Avviso spoiler: neanche quello è successo.

Ma sappiamo che gli altoparlanti Galaxy Home esistono in qualche modo. Per uno, ho visto il Mini da solo. È stato installato in un angolo remoto della suite SmartThings di Samsung al CES questo gennaio, sebbene i rappresentanti Samsung non mi permettessero di provarlo. Alcune foto e video del dispositivo in azione sono anche apparsi online lo scorso fine settimana . Samsung ha effettivamente reso disponibile il prodotto, non per l’acquisto, ma come componente aggiuntivo promozionale dei preordini Galaxy S20 in Corea del Sud.

TL; DR: Samsung ha chiaramente altoparlanti funzionanti. Allora, qual è il holdup?

Per la cronaca, abbiamo posto a Samsung questa domanda ripetutamente negli ultimi giorni e non abbiamo ricevuto una risposta. Ma basta una breve occhiata all’attuale panorama domestico intelligente per capire perché non è il momento giusto per lanciare un altoparlante Bixby.

DOVE, OH DOVE È LA GALAXY HOME?
Il mercato degli altoparlanti intelligenti è affollato. Amazon e Google scaricano nuovi dispositivi abilitati per Alexa- e Google Assistant durante gli eventi di lancio ogni anno e i loro altoparlanti stanno migliorando senza saltare nel prezzo. Anche produttori di terze parti stanno riscuotendo successo nello spazio: Sonos produce i diffusori Alexa e Google Assistant più pregiati sul mercato e Lenovo produce eccellenti display intelligenti basati su Assistant . Alexa è ora in tutti i tipi di dispositivi indossabili, dagli anelli ai Fitbits, e Google è presente in tutti i telefoni Android.

Nel frattempo, Alexa e Google Assistant stanno guardando meglio che mai. Amazon ha trascorso gli ultimi due anni a concentrarsi sulla conversazione naturale, da funzionalità come la modalità di follow-up , che ti consente di conversare senza usare la parola sveglia, alla modalità Whisper , che consente all’assistente di rispondere ai sussurri a bassa voce proprio. Ci sono attualmente oltre 100.000 abilità Alexa di terze parti. E ora Google Assistant può tradurre tra le lingue in tempo reale e utilizzare l’apprendimento automatico per personalizzare i toni di allarme in base al tempo.

Tutto questo per dire che per diventare un grande giocatore nel panorama odierno, un assistente vocale non può essere solo funzionale; deve essere eccezionale. E Bixby è … beh, non quello.

Mentre sono sicuro che ci sono degli stan là fuori, non ho mai incontrato qualcuno a cui piace davvero usare l’assistente vocale di Samsung. E ‘stato classificato come una caratteristica culminante della Galassia S8, ma gli utenti sono stati così infelice con l’esistenza del suo tasto dedicato (ex Verge editor di Vlad Savov diffamata come “bloatware strutturale”) che Samsung finalmente ha dato loro un modo per rimappare essa con la rilascio dell’S10 (e rimosso completamente dai modelli S20). Non è che Bixby fosse particolarmente terribile; è solo che Google Assistant può fare tutto ciò che Bixby può fare, ma meglio. Inoltre, la società non ha menzionato Bixby in nessuna delle sue ultime due note Unpacked, né era al centro di nessuno dei suoi vari eventi del CES 2020.

Ciò significa che un oratore di Bixby probabilmente tenterà di guadagnare sulla fedeltà alla marca, vale a dire corteggiare i clienti particolarmente attirati dai telefoni Galaxy o dall’ecosistema SmartThings promettendo una migliore integrazione.

ALEXA E GOOGLE ASSISTANT STANNO ANDANDO MEGLIO CHE MAI
Ma questa strategia, abbinata a un assistente vocale scadente, non ha funzionato particolarmente bene in passato. A partire dallo scorso agosto, l’HomePod di Apple aveva una quota enorme del 5% sul mercato degli altoparlanti intelligenti negli Stati Uniti . Questo nonostante l’audio fosse molto meglio di qualsiasi altro diffusore nella sua fascia di prezzo e nonostante fosse perfettamente integrato con l’ecosistema Apple. Siri non era abbastanza bravo da giustificare il prezzo. (Non è stato possibile cercare ricette, effettuare una telefonata o impostare due timer contemporaneamente.) Da allora non c’è più stato un altro oratore Siri.

Inoltre, ricordi l’altoparlante Cortana di Harman Kardon? Neanche quello ha venduto .

A parte la concorrenza, il mercato degli altoparlanti intelligenti si sta in generale restringendo. Mentre il numero di utenti di altoparlanti dovrebbe aumentare nei prossimi anni, gli analisti prevedono che la crescita rallenterà . Dopotutto, i proprietari di altoparlanti intelligenti non tendono ad aggiornarli come fanno laptop e smartphone. (Quando è stata l’ultima volta che hai aggiornato l’altoparlante?) E scambiare un’intera casa con una nuova piattaforma di casa intelligente è una seccatura maggiore rispetto al passaggio da Android a iOS. Questo è uno dei motivi per cui Google e Amazon non aggiornano costantemente i loro diffusori di punta: Amazon ha lanciato nuove generazioni Echo all’incirca ogni due anni, mentre Google non ha ancora aggiornato Google Home, che è uscito nel 2016.

Non c’è spazio sul mercato per un oratore noioso con un cattivo assistente vocale. Il nome Samsung e l’ecosistema Samsung non lo taglieranno. Non è sufficiente che Bixby sia funzionale. Samsung ha bisogno di far risaltare i suoi altoparlanti. Deve sviluppare funzionalità per Bixby che Alexa e Google Assistant non possono offrire e deve potenziare gli sviluppatori per creare le competenze che le persone desiderano. Deve coinvolgere i partner in modo che possa integrarsi con le centinaia di marchi di case intelligenti che le persone usano. Deve rendere Bixby davvero intelligente. Deve fare qualcosa di eccezionale. Samsung non ha alcun vantaggio nel rilasciare un altoparlante Bixby prima che Bixby abbia ottenuto esattamente.

NON C’È SPAZIO PER UN ORATORE NOIOSO CON UN CATTIVO ASSISTENTE VOCALE
Non sono convinto che Samsung possa farlo. La società non ha precedenti di rilascio di eccellenti oratori e il fatto che non abbia menzionato Bixby in nessun recente evento di lancio indica che si sta allontanando da Bixby come marchio. E se Bixby non migliorerà, la società dovrebbe staccare la spina dalle sue Galaxy Homes.

Ma se Samsung potesse in qualche modo lanciare un prodotto in grado non solo di raggiungere Google e Amazon, ma in qualche modo superare i loro anni di innovazione, sarebbe un prodotto che vale la pena aspettare. E aspetta che lo farò. La società è già molto in ritardo nel gioco degli altoparlanti intelligenti; può permettersi di essere un po ‘più tardi.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi