Home / curiosità / SAVAGE SHORAD-IM il missile per abbattere gli sciami di droni

SAVAGE SHORAD-IM il missile per abbattere gli sciami di droni

La sfida nell’affrontare i droni diventa sempre più urgente. I video del conflitto in corso tra l’Azerbaigian e l’Armenia mostrano i droni che superano facilmente le difese aeree, eliminando dozzine di veicoli e gruppi di personale. La Cina ha recentemente dimostrato un ” lanciarazzi di sbarramento ” in grado di lanciare 48 piccoli droni kamikaze in grado di coordinare le loro azioni in un attacco di sciame. I sistemi esistenti non sono efficaci contro questo tipo di attacco aereo di massa, ma un contro-sciame di missili intelligenti, utilizzando la stessa tecnologia che abilita i droni, potrebbe fare il lavoro.

Il problema è evidente con lo SHORAD-IM , il veicolo di difesa aerea della generazione del nido dell’esercito americano, previsto per il 2023. È armato con quattro missili Stinger, un cannone a fuoco rapido da 30 mm e due Hellfire. Forse più lanciatori Stinger potrebbero essere attaccati per affrontare più droni, ma oltre al peso, il problema è il costo. Gli Stinger di base costano circa $ 120k ciascuno; l’aggiunta di una miccia di prossimità per renderli efficaci contro piccoli droni aggiunge altri $ 31k per missile. Non è molto pratico contro sciami di multicotteri da $ 2k.

Savage Corp. , una startup con sede a Erie, Colorado, adotta un approccio diverso ai produttori di missili tradizionali. Il missile SAVAGE – “Smart Anti-Vehicle Aerial Guided Engagement” – è un’unità a basso costo realizzata in fibra di carbonio e alluminio con parti stampate in 3D. La progettazione iniziale è avvenuta nel 2016 con costante perfezionamento da allora. A meno di due libbre è meno di un decimo del peso di uno Stinger. Potrebbe non essere adatto a bersagli di grandi dimensioni come i caccia a reazione, ma è più che in grado di abbattere qualsiasi piccolo drone.

SAVAGE ha un motore a razzo a propellente solido, che gli conferisce una velocità di circa Mach 1 e un’autonomia effettiva di cinque chilometri. Un motore di spinta vettoriale gli conferisce l’agilità per colpire piccoli bersagli in rapido movimento.

Quando le parole creano mondi – Celebrando l’intersezionalità nel mese della storia americana filippina
La parte più costosa di qualsiasi missile è il sistema di guida, ed è qui che SAVAGE è rivoluzionario. Piuttosto che il tipo di sensore a ricerca di calore utilizzato nei piccoli missili antiaerei dagli anni ’60, utilizza una videocamera e un’elettronica commerciale.

“SAVAGE utilizza algoritmi di visione artificiale basati sull’intelligenza artificiale per rilevare e tracciare il bersaglio”, mi ha detto Nick Verini, CEO di Savage Corp.

Il sistema di telecamere rileva, identifica e traccia gli oggetti nel suo campo visivo ad alta velocità. Al suo centro c’è un Intel INTC -3,1% Movidius Vision Processing Unit , un processore AI a basso costo che abilita applicazioni di deep learning su dispositivi mobili. Questo è uno di una nuova generazione di chip AI con architettura altamente parallela che sta guidando una rivoluzione nell’elaborazione visiva in tempo reale e sono stati utilizzati su alcuni droni recenti. Proprio come lo smartphone può imparare a riconoscere il tuo viso, un set di dati di immagini di droni consente a SAVAGE di distinguere i bersagli da uccelli, palloncini o altri distrattori.

Verini afferma che il sistema di telecamere è efficace in condizioni di luce diurna e di scarsa illuminazione, ma un’opzione a infrarossi è disponibile anche per i clienti che desiderano funzionalità notturne. L’attuale testata è hit-to-kill, dando un’idea di quanto sia accurata, ma sono possibili altre opzioni.

“Preferiamo l’approccio dell’impatto cinetico – un missile, un drone – ma un potenziale cliente è interessato a un’opzione di carico utile esplosivo per abbattere diversi droni in uno” sciame “con un missile”, afferma Verini.

I concetti del lanciatore includono un’arma a quattro colpi simile a un bazooka per singoli soldati che pesa 15 libbre e un’unità montata su veicolo da 64 colpi per mettere fuori combattimento un intero sciame. Il prezzo è un fattore chiave per stabilire se SAVAGE sarà acquistato in un numero sufficientemente elevato e Verini insiste sul fatto che sarà più conveniente dei missili esistenti.

Il coordinamento è una parte importante delle operazioni SAVAGE, per garantire che ogni missile bersagli un drone diverso nello sciame. Ogni missile può comunicare con il successivo via radio, su un raggio di poche centinaia di piedi. Questo sarà sufficiente per collegarli tutti insieme per efficaci tattiche di contro-sciame.

SAVAGE può anche essere disponibile in diversi formati. La Marina degli Stati Uniti ha espresso interesse per un’arma più piccola che può essere sparata da lanciagranate da 40 mm esistenti e Verini afferma di essere stata in grado di attivare il proprio sistema di visione AI e la guida nel formato granata. La versione da 40 mm viaggia a 300 fps e ha una portata fino a 400 metri.

SAVAGE non sarà un sistema autonomo, ma formerà parte di una difesa aerea a strati. Verini afferma che i lanciatori possono essere integrati con qualsiasi sistema di sorveglianza radar a lungo raggio, che indicherebbe il lanciatore sulla presenza, la portata e la direzione delle minacce.

SAVAGE è ancora in fase di test, ma sembra aver impressionato a sufficienza per attirare una notevole attenzione da parte di partner industriali e clienti militari.

“Stiamo lavorando con il DoD e diverse società statunitensi per arrivare a un prodotto finito”, afferma Verini. Non è stato in grado di condividere una sequenza temporale esatta.

La piccola minaccia dei droni si sta evolvendo rapidamente, con un gran numero di droni pronti a sopraffare le difese esistenti. Aziende come Savage Corp. sperano di invertire la tendenza contrastando i droni con la stessa tecnologia a basso costo che li rende possibili.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi