Home / AI Intelligenza Artificiale / Scienziato nucleare iraniano ucciso da una mitragliatrice telecomandata da intelligenza artificiale

Scienziato nucleare iraniano ucciso da una mitragliatrice telecomandata da intelligenza artificiale

Secondo gli ultimi rapporti, il principale scienziato nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh sarebbe stato assassinato dall’agenzia di spionaggio israeliana Mossad utilizzando una mitragliatrice robotica telecomandata.

Fakhrizadeh, considerato il “padre del programma nucleare iraniano”, è stato ucciso a Damavand, a est di Teheran, il 27 novembre dello scorso anno.

Una volta che Israele fu convinto che fosse Fakhrizadeh a guidare il programma di armi nucleari dell’Iran, divenne l’obiettivo principale del Mossad. Israele credeva che se Fakhrizadeh fosse stato ucciso, anche il programma di armi che stava dirigendo sarebbe stato difficile da eseguire al meglio delle sue potenzialità, suggeriscono i rapporti.

Secondo il New York Times, un camioncino blu Nissan Zamyad è stato parcheggiato dagli agenti iraniani assunti dal Mossad sul ciglio di una strada che collegava la città di Absard all’autostrada principale, il 27 novembre 2020. Un 7,62 mm la mitragliatrice da cecchino era nascosta nel pianale di questo camioncino.

Quando la squadra d’assalto ha ricevuto il segnale di Fakhrizadeh che arrivava sul posto intorno alle 13:00, l’assassino ha calibrato i mirini della pistola, premendo leggermente il grilletto. Il problema era che l’assassino non era vicino al luogo.

Invece, stava controllando la mitragliatrice dallo schermo del suo computer in un luogo sconosciuto, forse a centinaia di miglia di distanza dal luogo. Anche l’intera squadra di successo aveva già lasciato l’Iran, ha rivelato il rapporto del NYT.

Una mitragliatrice FN MAG di fabbricazione belga collegata a un apparato robotico avanzato è stata utilizzata per uccidere lo scienziato nucleare iraniano. Il rapporto afferma inoltre che la pistola è stata contrabbandata nel paese in piccoli pezzi per diversi mesi.

Il peso di tutti i suoi componenti messi insieme era di una tonnellata. Gli esplosivi utilizzati per distruggere tutte le prove della pistola avevano fallito, lasciando intatta la maggior parte della pistola e quindi aiutando gli iraniani a comprendere i dettagli dell’attacco.

Ci sono state notizie contrastanti all’indomani dell’attacco. Mentre un rapporto affermava che era stata utilizzata una mitragliatrice telecomandata, altri suggerivano che una squadra fisica fosse presente in Iran per eseguire l’assassinio.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi