Ricerca di Gartner: 2 tipi di IA emergenti vicino al picco del ciclo di hype 

Secondo una nuova ricerca di Gartner , due tipi di intelligenza artificiale emergente (AI) – l’ emozione e l’IA generativa – stanno entrambi raggiungendo l’apice del ciclo di clamore della pubblicità digitale. Questo grazie all’espansione dell’IA nel targeting, nella misurazione, nella risoluzione dell’identità e persino nella generazione di contenuti creativi. 

“Penso che uno dei pezzi chiave sia che le opzioni per i professionisti del marketing stiano accelerando”, ha detto a VentureBeat Mike Froggatt, analista senior director nella pratica di marketing di Gartner. “Quando si pensa alla frammentazione dei media digitali, dieci anni fa c’erano display, ricerca, video, rich media, ma ora ci sono podcast, piattaforme over-the-top, blockchain e NFT. L’intelligenza artificiale sta aiutando i professionisti del marketing a indirizzare, misurare e identificare i consumatori, generando persino i contenuti che possono apparire in quei canali, creando tutti i nuovi artefatti per dare voce ai professionisti del marketing in quei canali”. 

 
L’impatto in evoluzione dell’analisi dei grafici_
I metodi tradizionali per prendere di mira i clienti si stanno deprezzando, ha osservato il rapporto di Gartner, Hype Cycle for Digital Advertising 2022 , evolvendosi da un presunto quid pro quo a un’economia pubblicitaria e mediatica basata sul consenso esplicito.

Mentre Google continua a ritardare la data in cui smetterà di supportare i cookie di terze parti, su cui gli inserzionisti digitali hanno storicamente fatto affidamento per il monitoraggio degli annunci, i marketer digitali dovranno imparare ad adattarsi man mano che i dati dei clienti diventano più scarsi e la difficoltà di targeting aumenta. 

Emotion AI: opportunità e sfide per la privacy
Secondo un’analisi dell’analista di Gartner Andrew Frank, le tecnologie di intelligenza artificiale “utilizzano tecniche di intelligenza artificiale per analizzare lo stato emotivo di un utente … [e] possono avviare risposte eseguendo azioni specifiche e personalizzate per adattarsi all’umore del cliente”.

 
Frank afferma che fa parte di una tendenza più ampia chiamata “Influence AI” che “cerca di automatizzare gli elementi dell’esperienza digitale che guidano le scelte degli utenti su larga scala attraverso l’apprendimento e l’applicazione di tecniche di scienze comportamentali”. 

Con le critiche pubbliche sull’uso, o anche sul potenziale utilizzo, degli strumenti di IA per le emozioni, la privacy e la fiducia saranno essenziali per il successo dell’IA per le emozioni, ha affermato Froggatt.

“Dovrà essere trasparente nel modo in cui viene utilizzato e dovremo allontanarci dal raggrupparlo in tipi di tracciamento all’interno di app che raccolgono le cose in modo implicito”, ha spiegato. 

Ma l’ IA delle emozioni creerà opportunità interessanti per i marchi se legata alla fiducia e al consenso esplicito, ha aggiunto. Secondo il rapporto Gartner, l’accesso ai dati sulle emozioni “fornisce approfondimenti sui fattori motivazionali che aiutano a testare e perfezionare i contenuti, personalizzare le esperienze digitali e costruire connessioni più profonde tra persone e marchi”. 

Il rapporto Gartner ha avvertito che l’IA delle emozioni avrebbe probabilmente impiegato un altro decennio per affermarsi saldamente. Per ora, le organizzazioni dovrebbero esaminare attentamente le capacità dei fornitori, poiché il mercato dell’IA per le emozioni è immaturo e le aziende possono supportare solo casi d’uso e settori limitati. 

AI generativa: presto per raggiungere l’adozione mainstream
Il rapporto di Gartner ha anche scoperto che l’ IA generativa copre un’ampia gamma di strumenti che “apprendono dagli artefatti esistenti per generare nuovi artefatti realistici come video, narrativa, parlato, dati sintetici e design dei prodotti che riflettono le caratteristiche dei dati di addestramento senza ripetizioni. “

ANNUNCIO

Entro i prossimi due o cinque anni, prevede il rapporto, queste soluzioni raggiungeranno l’adozione tradizionale. 

Gli elementi del metaverso , inclusi gli esseri umani digitali, si baseranno sull’IA generativa. I modelli Transformer, come DALL-E 2 di Open AI , possono creare immagini originali da una descrizione testuale. I dati sintetici sono anche un esempio di IA generativa, che aiuta ad aumentare i dati scarsi o a mitigare le distorsioni. 

Per i professionisti del marketing, l’IA generativa affronta molti problemi che devono affrontare oggi, inclusa la necessità di più contenuti, più risorse e di coinvolgere i clienti in modi intelligenti e personalizzati.

“Immaginate un marchio che prende uno strumento di intelligenza artificiale generativa e alimenta le proprie risorse creative e di copia esistenti al suo interno e presenta versioni completamente nuove di contenuti pubblicitari, video ed e-mail”, ha affermato Froggart. “Automa molto di questo e consente ai marketer di concentrarsi sulla strategia che lo circonda”.

Inoltre, gli asset di dati generativi possono rimuovere l’identità individuale necessaria per il targeting.

“Penso che possa essere super potente per inserzionisti e media”, ha aggiunto.

Tuttavia, permangono sfide impegnative su possibili normative e problemi come i deepfake . Il rapporto Gartner raccomanda di esaminare e quantificare i vantaggi e i limiti dell’IA generativa, nonché di soppesare le capacità tecniche con i fattori etici. 

Ricerca Gartner: il futuro dell’IA nel marketing
Per ora, i professionisti del marketing hanno ancora a disposizione i vecchi strumenti, come i cookie di terze parti . Ma con tendenze come la frammentazione dei media e la deprecazione delle origini dati dei clienti che non rallentano, avranno bisogno degli strumenti giusti per adattarsi a nuove forme di misurazione e targeting. 

“Penso che è qui che l’IA inizierà davvero a mostrare il suo valore”, ha affermato Froggart, aggiungendo che, sebbene non pensi che soluzioni come l’IA generativa ed emotiva eviteranno la “depressione della disillusione” del Gartner Hype Cycle dopo aver raggiunto il picco, ” Penso che troveranno la loro strada attraverso il ciclo dell’hype”. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi