Nuova sovvenzione per esplorare l’uso dell’IA conversazionale nelle biblioteche 

Yun Huang, assistente professore presso la School of Information Sciences presso l’Università dell’Illinois Urbana-Champaign, ha ricevuto una sovvenzione triennale per lo sviluppo della carriera iniziale di $ 399.996 dall’Institute of Museum and Library Services ( sovvenzione IMLS RE-252329-OLS-22 ), nell’ambito del Laura Bush 21st Century Librarian Program, che sostiene la ricerca innovativa da parte di docenti non di ruolo e di ruolo.

Il suo progetto, “Empowering Libraries with Conversational AI”, esplorerà il potenziale per l’utilizzo dell’intelligenza artificiale conversazionale (AI) nelle biblioteche per rafforzare il coinvolgimento tra le biblioteche e un pubblico eterogeneo. Gli agenti di conversazione (CA) sono tecnologie software abilitate all’intelligenza artificiale progettate per interagire con gli utenti tramite il linguaggio naturale o il testo invece del contatto diretto con gli esseri umani. Secondo Huang, la fornitura di servizi abilitati da CA potrebbe potenzialmente avvantaggiare sia le biblioteche che le loro comunità fornendo un comodo servizio 24 ore su 24, 7 giorni su 7 ai membri della comunità e affrontando domande di basso livello quando i bibliotecari non sono disponibili, raccogliendo e analizzando l’input della comunità in diverse lingue per aiutare i bibliotecari comprendere i bisogni emergenti e liberare i bibliotecari da compiti noiosi e dispendiosi in termini di tempo.

Huang collaborerà con la Champaign Public Library, la Cortland Free Library, la Urbana Free Library, il Parkland College Learning Commons e il New American Welcome Center per determinare come le tecnologie software CA possono essere utilizzate per aumentare la disponibilità dei servizi bibliotecari, migliorare lo sviluppo della forza lavoro delle biblioteche personale e aiutare le biblioteche a soddisfare meglio le diverse esigenze delle comunità locali.

“Questa ricerca fa avanzare l’interazione uomo-IA per il bene sociale da due nuove prospettive”, ha affermato Huang. “In primo luogo, a differenza della ricerca esistente che si concentra sulla fornitura di risposte (predefinite dai bibliotecari) per i membri della comunità, esploreremo quando e come i bibliotecari possono utilizzare al meglio l’IA per la propria crescita. In secondo luogo, l’utilizzo di tecnologie basate sull’intelligenza artificiale sembra promettente, tuttavia potrebbe essere impossibile per le biblioteche pubbliche a corto di personale e per i bibliotecari che non hanno il background tecnico necessario. Questo progetto esaminerà i modi per democratizzare l’IA conversazionale per i bibliotecari”.

Le aree di ricerca di Huang includono il social computing, l’interazione uomo-computer e il mobile computing. Ha conseguito il dottorato di ricerca in informatica e informatica presso l’Università della California, Irvine.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi