Home / curiosità / Sophia Robot usa l’intelligenza artificiale o è solo una manovra marketing

Sophia Robot usa l’intelligenza artificiale o è solo una manovra marketing

Hanson’s Robotics Sophia Robot sta usando l’IA o è un’acrobazia di marketing?
Se hai seguito l’IA per un certo periodo di tempo probabilmente hai sentito parlare di Robot umanoide Hanson Robotics Sophia. Dal punto di vista del marketing, Sophia è stata trasformativa, ha avuto un incontro romantico con Will Smith , è stata descritta in The Tonight Show con Jimmy Fallon , oltre a innumerevoli altre apparizioni mediatiche. Ci fu persino una controversia globale giustificata quando l’Arabia Saudita, che negava alle donne la parità di diritti, garantiva la cittadinanza di Sophia .

Qualcosa che può sembrare strano, è che Sophia è raramente discussa in seri dibattiti sull’intelligenza artificiale, anche se è occupata a programmare apparizioni pubbliche ed essere mostrata in conferenze blockchain. Per comprendere il ragionamento alla base di ciò, è necessario intraprendere un’esplorazione della storia dei suoi due eccentrici rappresentanti.

Chi è David Hanson?
David Hanson è il fondatore e CEO di Hanson Robotics.

David è cresciuto a Dallas, in Texas, leggendo le opere di Isaac Asimov e Philip K. Dick. Isaac Asimov è uno scrittore di fantascienza che ha contribuito alla divulgazione della robotica scrivendo 37 racconti di fantascienza e sei romanzi con robot positronici dal 1940 al 1993. Il film interpretato da Will Smith I, Robot era basato su uno di questi racconti. L’aspetto fisico di Sophia si adatta perfettamente alle copertine e alle diverse illustrazioni di queste opere di fantascienza.

David ha perseguito la sua passione per l’arte e la creatività fin da piccolo. Ha conseguito una laurea in Belle Arti presso la Rhode Island School of Design in film / animazione / video e un dottorato di ricerca. dalla Università del Texas a Dallas nelle arti interattive e di ingegneria,

Ha quindi intrapreso la carriera di immaginatore alla Walt Disney. Mentre lavorava alla Disney, ha lavorato alla creazione di sculture e tecnologie robotiche per i parchi a tema.

Come artista raffinato, David ha esposto in musei d’arte tra cui la Reina Sophia, il Tokyo Modern e il Cooper Hewitt Design Museums. Le grandi sculture figurative di Hanson spiccano nella località Atlantis, negli Universal Studios Islands of Adventure e in numerosi parchi a tema Disney.

Nel 1995, David progettò una testa umanoide a sua somiglianza , che era gestita da remoto da un essere umano. Questa remota operazione umanoide è un precursore di Sophia ed è fondamentale per capire che la tecnologia alla base di Sophia potrebbe essere più un’illusione di ciò che quelli nella comunità dell’IA possono qualificarsi come AI o persino apprendimento automatico .

David comprende perfettamente l’importanza di avere un robot umanoide che abbia un aspetto non minaccioso e accogliente. Si dovrebbe assolutamente dare credito a David per aver creato un umanoide robotico che è stato in grado di catturare l’immaginazione umana con interazioni molto limitate e scritte con gli umani.

È chiaro dalla revisione del background di David, che è stato determinante nell’estetica di Sophia. La domanda rimane: che tipo di intelligenza artificiale viene utilizzata con Sophia? E questa IA è in cammino verso l’AGI (Artificial General Intelligence) come reclamato dall’altro eccentrico portavoce Ben Goertzel?

Chi è Ben Goertzel?
Ben Goertzel è il capo scienziato e presidente della società di software AI Novamente LLC; presidente della Fondazione OpenCog; e consulente della Singularity University. Ben è anche il capo scienziato di Hanson Robotics, la società che ha creato Sophia.

Ben è qualcuno che all’inizio sembra essere un genio eccentrico, e quando lo guardi parlare è chiaro che è ben letto. Condivide le stesse opinioni di Ray Kurzweil ed è stato chiaramente influenzato dal libro fondamentale di Ray The Singularity is Near . Ben ritiene che l’AGI si stia avvicinando rapidamente e, poiché Ray prevede che il 2045 sarà la linea temporale approssimativa della singolarità , un evento segnato quando l’intelligenza umana e l’intelligenza non biologica si fonderanno.

La singolarità è un punto focale dell’esistenza di Ben, che ha creato SingularityNET nel 2017. Come descritto sul sito Web dell’azienda :

SingularityNET è una soluzione AI full-stack alimentata da un protocollo decentralizzato. Abbiamo raccolto le menti principali dell’apprendimento automatico e della blockchain per democratizzare l’accesso alla tecnologia AI. Ora chiunque può trarre vantaggio da una rete globale di algoritmi, servizi e agenti di intelligenza artificiale.

SingularityNET ha raccolto fondi nel 2017 in quella che viene chiamata Initial Coin Offering (ICO). I tempi del rilancio sono stati eccellenti come durante la mania dell’ICO, per un totale di $ 36 milioni raccolti in meno di 60 secondi . Gli investitori riceveranno token AGI, il token AGI in teoria offrirebbe i seguenti vantaggi:

Il token AGI è un aspetto cruciale di SingularityNET e può essere utilizzato in vari modi. Consentirà transazioni tra i partecipanti alla rete, consentirà agli agenti di intelligenza artificiale di negoziare valore tra loro, consentirà alla rete di incentivare le azioni che la comunità considera “benevoli” e consentirà il governo della rete stessa.

Ecco perché Ben Goertzel parla spesso ad eventi di criptovaluta e blockchain. Il token AGI è stato la raccolta fondi per SingularityNET e l’associazione a Sophia è abbastanza semplice. Sophia viene mostrato a questi eventi per mantenere gli investitori interessati al progetto. Ecco come viene descritta la relazione tra SingularityNET e Sophia:

SingularityNET nasce da una volontà collettiva di distribuire il potere dell’IA. Sophia, il robot più espressivo al mondo, è uno dei nostri primi casi d’uso. Oggi utilizza più moduli AI per vedere, ascoltare e rispondere empaticamente. Molti dei suoi moduli AI sottostanti saranno disponibili open-source su SingularityNET.

In altre parole, SingularityNET si associa a Sophia per raccogliere fondi, e Sophia potrebbe a un certo punto utilizzare un modulo AI ospitato su SingualarityNET. Né Ben né David sono specializzati in IA e la tecnologia alla base di Sophia sembra essere di base. Anche quando ascolta Ben parlare, usa una terminologia che è più spesso associata alla blockchain, ma assente dalle sue comunicazioni sono termini tradizionalmente associati all’apprendimento automatico.

Sophia è sceneggiata?
Quando guardi Sophia sul palco ci sono indicatori che potremmo essere incantati da un trucco magico ben orchestrato. Ben è particolarmente abile nel parlare rapidamente, usando le sue mani per distrarre da Sophia e dando a Sophia pochissimo tempo libero per parlare di associazione libera .

Se Sophia fosse intelligente come affermato, vorresti darle la maggior parte dell’impegno parlante e gli investitori sarebbero in fila davanti alla porta.

Sophia è spesso su ruote, il che indica una mancanza di mobilità. Sembra anche non avere la consapevolezza di ciò che la circonda, non è in grado di focalizzare la sua attenzione su alcun oggetto. Sbatte le palpebre molto, sorride a caso e offre altre espressioni facciali casuali.

C’è anche una mancanza di tecnologia di input. Quando si tratta di costruire un AGI, c’è un consenso comune sul fatto che i dispositivi di input sono importanti per formare una coscienza emergente . È necessaria una nozione di “sé”, poiché le conoscenze e le funzioni correlate vengono sviluppate gradualmente in base all’esperienza del sistema. Sulla base della mancanza di mobilità e dei meccanismi di input di Sophia, questo sembra essere qualcosa che viene ignorato. Il suo unico contributo sembra essere uditivo, con forse un qualche tipo di visione artificiale di base .

C’è anche il problema che tutte le sue conversazioni sono pre-scritte. Se si desidera prenotare Sophia per un evento, è necessario inviare cinque domande che devono essere pre-approvate dagli organizzatori. Le domande devono essere poste in un ordine specifico. Ciò significa che in base alle domande preimpostate, Sophia si limita semplicemente a pappagallo delle risposte prestabilite. Questo è il motivo per cui le risposte che lei dà sono sempre così interessanti, sono progettate per evocare emozioni nel pubblico e le risposte sono fornite da un essere umano usando Sophia come canale.

In altre parole, Sophia potrebbe utilizzare al massimo la visione artificiale, la tecnologia di riconoscimento vocale e forse una qualche forma di Natural Language Processing (NLP), ma non vi è alcun indicatore del fatto che stia effettivamente analizzando il significato dietro ciò che viene detto o che capisce il significato dietro le sue risposte. Alexa di Amazon e Siri di Apple sono sistemi di intelligenza artificiale molto più avanzati, e nessuna delle due società affermerebbe che nessuno dei due sistemi si trova vicino a un sistema AGI.

È un interessante esperimento sociale per capire come gli umani comunicano e interagiscono con i robot umanoidi, ma in nessun momento vi è alcuna indicazione che Sophia possa persino essere considerata a distanza intelligente o consapevole di sé.

È a causa di quanto sopra che Sophia continua ad essere adottata da un pubblico tradizionale che può essere ingannato nel credere che Sophia sia più intelligente di quanto non sia in realtà. Nel frattempo, viene completamente ignorata dalla comunità dell’IA che comprende che lo stato attuale dell’IA è molto più avanzato di quello che Sophia è in grado di illustrare. Almeno questo evidenzia che la comunità dell’IA ha bisogno di fare un lavoro migliore nel comunicare gli avanzamenti e i progressi che vengono fatti ogni giorno nei sistemi di intelligenza artificiale, anche se quelli sono semplicemente forme di AI stretta (nota anche come AI debole), e non vero AGI.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi