Home / Economia / Tre modi in cui l’intelligenza artificiale trasformerà e peggiorerà il mondo del lavoro

Tre modi in cui l’intelligenza artificiale trasformerà e peggiorerà il mondo del lavoro



Ogni rivoluzione industriale ha portato con sé nuovi modi di lavorare – pensa all’impatto che i computer e la tecnologia digitale (la terza rivoluzione industriale) hanno avuto sul nostro modo di lavorare.


Ma questa quarta rivoluzione industriale la ” rivoluzione dell’intelligence ” perché guidata dall’intelligenza artificiale e dai dati – sembra senza precedenti in termini di velocità del cambiamento. La differenza cruciale tra questa e le precedenti rivoluzioni industriali è che non si parla più di cambio generazionale; stiamo parlando di enormi trasformazioni che avranno luogo nei prossimi cinque, 10 o 20 anni.

Ecco i tre modi principali in cui vedo l’IA cambiare radicalmente il lavoro svolto dagli esseri umani, in un brevissimo lasso di tempo.

  1. Più attività e ruoli verranno automatizzati

L’aumento dell’automazione è un punto di partenza ovvio poiché una narrativa comune che circonda l’IA è che “i robot prenderanno tutto il nostro lavoro”. Per molti versi, questa narrativa è completamente comprensibile: in molti settori e lavori, l’impatto dell’automazione sarà molto sentito.

Per comprendere l’impatto dell’automazione, PricewaterhouseCoopers ha analizzato più di 200.000 posti di lavoro in 29 paesi e ha scoperto:

· Questo valore sale a quasi il 20% entro la fine degli anni ’20.

· Entro la metà degli anni ’30, il 30% dei posti di lavoro sarà a potenziale rischio di automazione. Per i lavoratori con un livello di istruzione basso, questo valore sale al 44%.

Queste sono cifre crude. Ma c’è un lato positivo nell’aumentare l’automazione. Lo stesso studio ha rilevato che, sebbene l’automazione sostituirà senza dubbio molti posti di lavoro esistenti, genererà anche domanda di nuovi posti di lavoro. In effetti, l’intelligenza artificiale, la robotica e l’automazione potrebbero fornire un potenziale aumento di $ 15 trilioni al PIL globale entro il 2030.

Ciò è confermato dalle precedenti rivoluzioni industriali, che alla fine hanno creato più posti di lavoro di quanti ne abbiano sfollati. Considera l’ascesa di Internet come esempio. Certo, Internet ha avuto un impatto negativo su alcuni lavori (non so voi, ma ora prenoto regolarmente voli e hotel online, invece di rivolgerti al mio agente di viaggio locale), ma guarda quanti lavori ha creato Internet e come ha consentito alle aziende di espandersi in nuovi mercati e raggiungere nuovi clienti.

L’automazione porterà anche a posti di lavoro migliori per gli esseri umani. Se siamo onesti con noi stessi, le attività che è più probabile che vengano automatizzate dall’intelligenza artificiale non sono le attività più adatte agli esseri umani o le attività che gli umani dovrebbero persino voler svolgere. Le macchine sono ottime per automatizzare le cose noiose, banali e ripetitive, lasciando che gli umani si concentrino su un lavoro più creativo, empatico e interpersonale. Il che mi porta a …

  1. Il lavoro umano cambierà

Quando parti del lavoro sono automatizzate da macchine, ciò libera gli esseri umani per un lavoro che è generalmente più creativo e orientato alle persone, che richiede abilità come risoluzione dei problemi, empatia, ascolto, comunicazione, interpretazione e collaborazione – tutte abilità che gli esseri umani sono generalmente meglio delle macchine. In altre parole, i lavori del futuro si concentreranno sempre di più sull’elemento umano e sulle soft skills.

Secondo Deloitte , questo porterà a nuove categorie di lavoro:

· Lavori standard: concentrandosi generalmente su attività ripetibili e processi standardizzati, i lavori standard utilizzano un set di competenze specifico e ristretto.

· Lavori ibridi: questi ruoli richiedono una combinazione di competenze tecniche e trasversali, che tradizionalmente non sono state combinate nello stesso lavoro.

· Superjobs: sono ruoli che combinano il lavoro e le responsabilità di molteplici lavori tradizionali, in cui la tecnologia viene utilizzata sia per aumentare che per ampliare la portata del lavoro, coinvolgendo una combinazione più complessa di abilità tecniche e umane.

Per me, questo sottolinea come i dipendenti e le organizzazioni dovranno sviluppare sia le competenze tecniche sia quelle umane più evolute per avere successo nell’era dell’IA.

  1. Anche l’esperienza dei dipendenti cambierà

Anche in aziende apparentemente non tecnologiche (se c’è una cosa del genere in futuro), l’esperienza dei dipendenti cambierà radicalmente. Per prima cosa, robot e cobot avranno una presenza crescente in molti luoghi di lavoro, in particolare negli ambienti di produzione e magazzino.

Ma anche negli ambienti d’ufficio, i lavoratori dovranno abituarsi agli strumenti di intelligenza artificiale come “colleghi”. Dal modo in cui le persone vengono reclutate, a come apprendono e si sviluppano nel lavoro, alle loro attività lavorative quotidiane, la tecnologia AI e le macchine intelligenti giocheranno un ruolo sempre più importante nella vita lavorativa della persona media. Proprio come ci siamo abituati a strumenti come la posta elettronica, ci abitueremo anche a utilizzare regolarmente strumenti che monitorano flussi di lavoro e processi e forniscono suggerimenti intelligenti su come le cose potrebbero essere fatte in modo più efficiente. Emergeranno strumenti per svolgere compiti di amministrazione sempre più ripetitivi, come organizzare riunioni e gestire un diario. E, molto probabilmente, i nuovi strumenti monitoreranno il modo in cui lavorano i dipendenti e segnaleranno quando qualcuno ha problemi con un’attività o non segue correttamente le procedure.

Inoltre, la forza lavoro diventerà decentralizzata (una tendenza che probabilmente sarà accelerata dalla pandemia di coronavirus), il che significa che i lavoratori del futuro potranno scegliere di vivere ovunque, piuttosto che andare dove si trova il lavoro.

Prepararsi per la rivoluzione dell’IA

L’intelligenza artificiale, e in particolare l’automazione, trasformerà il modo in cui lavoriamo. Ma invece di temere questo sviluppo, dovremmo abbracciare questo nuovo modo di lavorare. Dobbiamo cogliere le opportunità offerte dall’IA per migliorare il lavoro.

Senza dubbio, questo richiederà qualcosa di un cambiamento culturale per le organizzazioni – solo uno dei tanti modi in cui le organizzazioni dovranno adattarsi per la rivoluzione dell’intelligence

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi