Zammo offre un servizio di integrazione AI conversazionale

Zammo.ai ha lanciato oggi una piattaforma di intelligenza artificiale conversazionale che semplifica il coinvolgimento dei clienti tramite più assistenti vocali, risposta vocale interattiva (IVR) / telefonia e chatbot senza dover scrivere alcun codice.

Questo approccio senza codice, fornito tramite le integrazioni che l’azienda ha incorporato nella sua piattaforma SaaS (Software-as-a-Service), consente alle organizzazioni di creare flussi di lavoro che abbracciano più tecnologie di intelligenza artificiale conversazionale senza l’aiuto di un team IT interno o di un sistema integratore, ha detto il CEO dell’azienda Alex Farr. “Nessuno dall’IT è richiesto”, ha detto.

Questo approccio offre l’ulteriore vantaggio di eliminare la necessità di costringere i clienti ad adottare una specifica piattaforma di intelligenza artificiale conversazionale, ha osservato Farr. Le organizzazioni possono aggiungere il supporto per le piattaforme di intelligenza artificiale conversazionale in base alle preferenze dei clienti, ha affermato.

Nel tempo, è probabile che la maggior parte dei clienti preferisca coinvolgere le organizzazioni utilizzando una sorta di interfaccia di conversazione come Apple Siri o Amazon Alexa. Poiché queste piattaforme diventano sempre più utilizzate dai consumatori, è solo una questione di tempo prima che le esperienze dei clienti aggiuntive vengano regolarmente impiegate, ad esempio, per trovare il luogo più vicino dove far riparare un’auto.

A questo punto, non sembra che una singola piattaforma di intelligenza artificiale conversazionale emergerà per dominare tutte le altre. Molti utenti passano già da una piattaforma all’altra più volte al giorno a seconda che si trovino in una stanza o utilizzino il proprio smartphone per inviare un messaggio. Le organizzazioni che forniscono il servizio clienti, tuttavia, non possono mai essere sicure di quale piattaforma di intelligenza artificiale conversazionale potrebbe essere impiegata in un dato momento.

Le piattaforme di intelligenza artificiale conversazionale sono, ovviamente, il fulcro di molte iniziative di trasformazione del business digitale. Più semplice diventa per un cliente effettuare un acquisto o richiedere un servizio, più è probabile che si impegnino. Molti istinti di acquisire impulsivamente qualcosa sono stati ignorati semplicemente perché ci vuole troppo tempo per accedere a un sito Web per ordinarlo. Oggi alcune organizzazioni inviano addirittura promemoria ai clienti finali per riordinare beni e servizi tramite una piattaforma di intelligenza artificiale conversazionale in alternativa a messaggi di testo o e-mail.

Non avere questa capacità crea potenzialmente un’impressione nelle menti dei clienti su quanto sia moderna un’organizzazione quando iniziano a incorporare l’IA conversazionale nella loro vita quotidiana. Tuttavia, una richiesta effettuata da un’interfaccia vocale non significa sempre che il cliente desideri che la sua richiesta venga risposta tramite lo stesso mezzo. A volte potrebbero chiedere a un’organizzazione di inviare loro un modulo tramite posta elettronica.

Codice basso, grande impatto
Indipendentemente dal modo in cui vengono impiegate le interfacce vocali, è chiaro che le unità di linea di business stanno diventando sempre più abilitate ad automatizzare le attività senza alcun aiuto da parte dei team IT interni. L’obiettivo non è tanto eliminare la necessità di team IT quanto ridurre l’arretrato di progetti che ai team IT viene chiesto di assumere e poi mantenere. Nella maggior parte dei casi ciò viene realizzato utilizzando strumenti senza codice incorporati in una piattaforma. Tuttavia, gli utenti esperti, noti anche come sviluppatori cittadini, utilizzano strumenti a basso codice per creare applicazioni più complesse. La relazione tra i team IT e gli utenti finali è in rapida evoluzione.

Potrebbe volerci un po ‘di tempo prima che le piattaforme di intelligenza artificiale conversazionale diventino l’interfaccia utente dominante, ma in alcuni casi d’uso stanno già avendo un impatto profondo. La maggior parte degli utenti finali nel prossimo futuro continuerà a utilizzare un mix di interfacce vocali e grafiche per interagire con le applicazioni. Tuttavia, più le piattaforme di intelligenza artificiale conversazionale apprendono le abitudini e gli interessi di un utente finale, più le piattaforme possono diventare proattive, soprattutto se gli utenti finali hanno optato per un servizio che fornisce tale capacità.

La sfida che le organizzazioni devono affrontare ora è trovare il giusto equilibrio tra l’essere effettivamente utili e il superamento in un modo che alcuni clienti potrebbero percepire come invadenti o, se è per questo, semplicemente inquietante.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi