Home / AI Intelligenza Artificiale / 100 anni fa nasceva il termine robot da Karel Capek : oggi sono ancora fantascienza

100 anni fa nasceva il termine robot da Karel Capek : oggi sono ancora fantascienza

100 anni dopo, il futuro dei robot è ancora nella fantascienza

Ogni anno c’è una versione di questo ricordo su Internet, datata 25 gennaio e piena di riferimenti fantascientifici e di condanne a morte. Questa è la versione 2021. Oggi ricorre il 100 ° anniversario del primo utilizzo del termine “robot” per descrivere un essere artificiale non umano. I robot di oggi sono costruiti in modo un po ‘diverso, ma comunque c’è una storia da ascoltare.

I robot così chiamati nella commedia di Karel Capek del 1921 RUR (Rossum’s Universal Robots) sono più simili nel design e nelle funzioni ai dati di Star Trek rispetto alla maggior parte dei robot che popolano le nostre fabbriche o imparano a saltare a Boston Dynamics. I robot di Capek (un termine che ha inventato per il gioco) sono stati modellati da una pastella chimica e sembravano esattamente umani. Potevano fare il doppio del tempo e mezzo, permettendo ai loro proprietari umani di rilassarsi semplicemente.

Il culmine dell’opera vede i robot uccidere tutti gli umani.

Ebbene, a quanto pare un essere umano sopravvive, probabilmente imparerà la lezione intrinseca che sarebbe diventata un punto fermo della fantascienza per i prossimi cento anni. I robot scoprono di essere più intelligenti e più forti degli umani, quindi gli umani devono essere distrutti. James Cameron ha sicuramente letto questa commedia. Mentre “robot” non sarebbe entrato in lingua inglese fino al 1923, lo spettacolo messo in scena a Praga nel 1921 avrebbe gettato le basi per la nostra percezione di queste macchine automatizzate.

Il gateway di lavoro che può aprire opportunità per i lavoratori qualificati attraverso percorsi alternativi
Come abbiamo reagito a questa percezione originale e terrificante dei robot? Costruiamo cani robot e li prendiamo a calci. Il gioco di Capek supponeva un livello di intelligenza artificiale nelle sue macchine inventate, una cosa con cui lottiamo oggi quando si tratta di progressi nei robot. Vogliamo che i robot, in forma di tipo Android o altro, siano abilitati con la capacità di apprendere e pensare? Arriveranno alla stessa conclusione dell’opera di Capek? Che gli umani sono idioti pigri ed egoisti che devono essere distrutti? Chiederanno gli stessi diritti degli umani?

“Mentre i robot nel gioco assumono una forma umana, è interessante vedere che la tecnologia è effettivamente in uso un secolo dopo”, afferma Anthony Macciola, Chief Innovation Officer di ABBYY , una società di intelligenza digitale. il gioco si concentra sull’etica dell’IA, o sui diritti dei robot. Ovviamente, l’etica moderna dell’IA si concentra sui diritti umani e sugli esseri umani in quanto consumatori di tecnologia, ma è bene sapere che 100 anni dopo questo argomento è ancora in cima alla nostra agenda, in particolare quando si tratta di protezione dei dati personali e sicurezza delle informazioni “.

Forse è stata questa commedia e la sua prima rappresentazione dei robot che ha influenzato gli esseri umani a considerare i propri diritti prima dei diritti delle macchine che stanno costruendo (ecco perché possiamo giustificare il prenderli a calci). Abbiamo visto molti film e programmi televisivi nel corso degli anni che hanno come tema centrale un robot che scopre la sua individualità, solitamente perseguitato per questo. L’ultima, Outside the Wire su Netflix, si è conclusa con un tema simile a cui è arrivato un robot AI vista la capacità di prendere le proprie decisioni: gli umani sono cattivi, devono essere distrutti.

Non ironicamente, dal 1979, l’anniversario del primo utilizzo della parola “robot” è anche l’anniversario del primo essere umano ucciso da uno di loro. Va notato che questo è stato un incidente, non un omicidio, quindi semmai è solo un esempio di una comoda coincidenza ai fini della narrazione. Indipendentemente da ciò, è rimasto come una cosa accaduta che ha inaugurato una nuova era di protocolli di sicurezza per i robot di fabbrica automatizzati, insieme a una sana paura di loro.

Lo scrittore di fantascienza Isaac Asimov ha scritto incessantemente sui robot, creando persino le Tre leggi della robotica nel 1942, ancora in uso oggi da quasi tutte le proprietà di fantascienza dedicate a tale argomento. Anche in Outside the Wire c’erano delle scappatoie utilizzate dall’IA per aggirare queste regole al fine di realizzare la sua missione. Sono radicati nella nostra psiche collettiva come fatti noti sui robot. Tuttavia, come la parola “robot” stessa, sono una finzione creata da una persona creativa, che sono diventati un modo di pensare standard.

Quindi una cosa da asporto qui è: leggi più fantascienza. È lì che è sempre stato il futuro. Vuoi sapere cosa faranno i robot dopo? Come dovremmo gestire l’IA etica nelle macchine? Leggi la fantascienza. Le risposte ci sono. Solo nella sola biblioteca Asimov ci sono dozzine e dozzine di storie riguardanti i robot e il processo decisionale etico. Molte di queste storie risalgono a decenni fa, ma si applicano ancora ai nostri attuali argomenti a favore e contro l’IA nei robot.

Dove andiamo da qui? La nostra percezione dei robot, specialmente quelli intelligenti, è stata cementata nel nostro cervello. Questo non cambierà. I prossimi 100 anni realizzeranno alcuni cambiamenti epocali nella robotica; possiamo aspettarci robot intelligenti decisi a distruggere l’umanità, se la fantascienza ci ha insegnato qualcosa. I robot sono nati nella fantascienza (come sarebbe considerato RUR ) ed è qui che possiamo cercare di capire cosa succederà dopo.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi