Home / Economia / AIStorm raccoglie 16 milioni per chip di edge computing AI a bassa potenza

AIStorm raccoglie 16 milioni per chip di edge computing AI a bassa potenza

AIStorm raccoglie $ 16 milioni per chip di edge computing AI a bassa potenza

Nuvola blu futuristica con priorità bassa astratta di nuova tecnologia di trasformazione digitale del pixel.
AIStorm , una startup AI che sviluppa chipset in grado di elaborare direttamente i dati dai dispositivi, ha raccolto 16 milioni di dollari. La società afferma che il finanziamento le consentirà di scalare la produzione per distribuire il suo hardware per dispositivi come telefoni, notebook, altoparlanti intelligenti, telecomandi, TV, auricolari, IoT e dispositivi indossabili e per applicazioni di trasporto.

Si prevede che l’edge computing raggiungerà i 6,72 miliardi di dollari entro il 2022. La sua crescita coinciderà con quella del mercato dei chipset di deep learning, che secondo alcuni analisti raggiungerà i 66,3 miliardi di dollari entro il 2025. C’è una ragione per queste rosee proiezioni: si prevede che l’edge computing rappresentano circa i tre quarti del business globale dei chipset AI nei prossimi sei anni.

AIStorm chiama la sua tecnologia di elaborazione “AI-in-sensor” e afferma di avere il potenziale per soddisfare i requisiti di potenza, latenza e costi impegnativi associati all’intelligenza artificiale all’avanguardia. Il design del chip di avvio è in grado di eseguire 2,5 operazioni teoriche al secondo e 10 operazioni teoriche al secondo per watt, o da circa 5 a 10 volte inferiore al consumo medio di un sistema basato su GPU (circa 5 microwatt per l’audio e 15 microwatt per l’imaging). Attraverso l’uso di una tecnica chiamata elaborazione della carica commutata, che consente al chip di controllare il movimento degli elettroni tra gli elementi di archiviazione, l’hardware di AIStorm è in grado di aumentare ulteriormente l’efficienza ingerendo ed elaborando i dati senza prima digitalizzarli.

Perché l’ultima cosa è importante? Considera una telecamera di sicurezza puntata su un magazzino. I punti di interesse, ad esempio le aree intorno alle porte in cui gli intrusi potrebbero entrare, comprendono solo una frazione dei pixel totali, quindi un sistema connesso deve interrogare i dati dell’immagine del sensore per cercare di capire dove mettere a fuoco. Al contrario, il chip di AIStorm consente al sensore stesso di gestire eventi, prendere decisioni ed eseguire analisi.

In collaborazione con i suoi partner di produzione, AIStorm si rivolge a una gamma di applicazioni in cui la sua tecnologia potrebbe offrire vantaggi, tra cui riconoscimento facciale, controllo degli accessi, monitoraggio comportamentale, conteggio delle persone, rilevamento dei volti, tracciamento degli oggetti e segmentazione. Secondo Schie, i chip di AIStorm, l’architettura programmabile e il supporto per i più diffusi livelli di astrazione come TensorFlow di Google potrebbero consentire l’autenticazione biometrica su dispositivi come smartwatch e occhiali per realtà aumentata o fotocamere con una durata della batteria di anni invece che di settimane o mesi.

AsusTek, Egis Technology, Knowles, Meyer e Senvest Management hanno partecipato al round di Serie B di AIStorm in eccesso. Porta il totale della società con sede a Houston raccolto a circa $ 30 milioni.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi