Amazon testerà Dash Cart, un carrello della spesa intelligente che vede ciò che acquisti

Amazon ha presentato le ultime novità nella tecnologia degli smart store con l’introduzione dell’Amazon Dash Cart, un carrello della spesa che identifica e ti addebita gli articoli inseriti nel suo carrello. Il carrello sarà reso disponibile per la prima volta nel negozio di alimentari di Amazon a Woodland Hills, in California, entro la fine dell’anno, afferma il rivenditore.

Il carrello oggi non è pensato per il tuo normale giro di spesa in cui fai scorta. Invece, spiega Amazon, il carrello intelligente è in grado di gestire viaggi di generi alimentari di piccole e medie dimensioni di 2 sacchetti o meno.

Ciò ha a che fare con il funzionamento della tecnologia per identificare gli articoli nel carrello.

Amazon Dash Cart utilizza una combinazione di algoritmi di visione artificiale e fusione di sensori per identificare gli articoli nel carrello, afferma Amazon. Quindi, quando esci attraverso la corsia Dash Cart nel negozio, i sensori identificano automaticamente il carrello e il pagamento viene elaborato utilizzando la carta di credito che hai in archivio con il tuo account Amazon.

Per iniziare a utilizzare il carrello, eseguirai la scansione di un codice QR nell’app Amazon con il lettore sul carrello. Metti quindi i tuoi uno o due sacchetti nel carrello e inizi a fare acquisti. Man mano che aggiungi articoli nel carrello, dovrai attendere per ascoltare un segnale acustico. Se il carrello diventa arancione, non è stato in grado di leggere l’articolo e dovrai riprovare.

Oltre alla tecnologia dei sensori, il carrello ha uno schermo nella parte superiore che consente ai clienti di accedere alla loro lista della spesa Alexa e di controllare le cose, nonché di visualizzare il totale parziale corrente. Il carrello sarà inoltre dotato di scanner per coupon in cui è possibile applicare i coupon mentre si acquista.

Sulla base del video fornito da Amazon (e di dettagli molto limitati), il carrello sembrava richiedere che il codice a barre del prodotto fosse visibile. In un fotogramma del video, ad esempio, l’acquirente scopre il codice a barre con il dito prima di aggiungere l’elemento al carrello. Il video mostra anche i prodotti con il codice a barre rivolto verso lo shopper e lo schermo del carrello, quando viene caricato.

In un’altra sezione, il video spiega come “aggiungere elementi senza un codice a barre”, come produce. In questo caso, l’acquirente digita il numero PLU sullo schermo e conferma il peso.

Il sito Web di Amazon non specifica in che modo è implicata la lettura dei codici a barre, ma afferma che il carrello utilizza “algoritmi di visione artificiale” e “fusione dei sensori”. Ciò sembra implicare che il carrello intelligente sia il prossimo passo oltre la tecnologia esistente di Amazon, “Just Walk Out”, che viene utilizzata nei suoi negozi Amazon Go. Ma con “Just Walk Out, i negozi stanno utilizzando la visione computerizzata attraverso sistemi montati su telecamere insieme alla tecnologia dei sensori sugli scaffali per identificare quando i prodotti vengono portati o restituiti agli scaffali dei negozi. Il Dash Cart, nel frattempo, verrà testato in un normale negozio di alimentari, non in un negozio Amazon Go.

Mentre chiaramente il carrello non è solo uno scanner di codici a barre su ruote, il sito Web di Amazon non era completamente trasparente sull’uso della tecnologia della lettura dei codici a barre.

Abbiamo anche chiesto ad Amazon di fornire ulteriori dettagli sul funzionamento della sua nuova tecnologia e ci è stato detto che il carrello, in effetti, “cerca prima un codice a barre per identificare rapidamente il prodotto”.

Tuttavia, se il codice a barre è ostruito, ad esempio dalla mano del cliente, gli algoritmi di visione artificiale tenteranno invece di identificare l’oggetto.

Portare la tecnologia Just Walk Out in un negozio di alimentari sarebbe estremamente impegnativo rispetto a un negozio Amazon Go, che è un negozio di dimensioni. I negozi di alimentari hanno più articoli che il carrello dovrebbe essere in grado di identificare e nuovi prodotti diventano sempre disponibili.

Amazon ha annunciato a marzo che avrebbe iniziato a vendere la sua tecnologia di negozio senza casse ad altri rivenditori. Probabilmente, ha piani simili per il suo carrello intelligente, una volta che la tecnologia sarà testata e migliorata. Amazon ha rifiutato di parlare con i suoi piani futuri, quando richiesto.

Il carrello smart OG
Dash Cart sembra sicuramente un carrello intelligente delle startup Veeve e Caper. Quest’ultimo ha distribuito carrelli in alcune località del Nord America. A gennaio, il CEO di Caper Lindon Gao mi ha detto che il carrello rappresenta un modo semplice per i supermercati e i negozi di aggiornare la propria tecnologia.

Dal punto di vista del cliente, “Se potessi semplicemente estrarre dal carrello, ciò renderebbe la vendita al dettaglio molto più semplice?” Notò Gao. Ha anche affermato che i carrelli Caper hanno aumentato gli acquisti medi alla cassa del 18%, grazie a un sistema di raccomandazioni integrato.

Se Amazon implementa Dash Cart in modo più ampio, mi aspetto che integri anche un sistema di raccomandazioni intelligente.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi