Home / Economia / Avremo fabbriche completamente automatizzate e guidate da robot e intelligenza artificiale ?

Avremo fabbriche completamente automatizzate e guidate da robot e intelligenza artificiale ?

Ci stiamo avvicinando alla fabbrica di luci spente?

Costruire il futuro umano della produzione.
Ancor prima che Covid-19 costringesse a chiudere le fabbriche, l’industria manifatturiera si trovava di fronte a una crisi del lavoro.

Per quasi un decennio ci sono state più opportunità di lavoro rispetto ai lavoratori . I cambiamenti nella demografia, nella geografia e nelle competenze richieste dalla produzione possono portare a quasi 2,5 milioni di posti di lavoro non occupati nel prossimo decennio, con un impatto economico di 2,5 trilioni di dollari .

Quindi per anni i produttori hanno considerato i modi per automatizzare il lavoro umano.

Negli ultimi giorni, la conversazione sull’automazione è ripresa. Le organizzazioni stanno espandendo i budget. Ulteriori finanziamenti per le imprese stanno andando alle startup di automazione. In nessun momento della memoria recente posso ricordare un interesse così acuto nel sostituire il lavoro umano.

Sto guardando questo svolgersi con un senso di deja vu.

I precedenti tentativi di costruire fabbriche “spente le luci” – strutture che contano così poco sugli umani da poter funzionare a luci spente – sono giunti tutti alla stessa realizzazione: la produzione ha bisogno di persone.

Ma questa volta è diverso? Ecco cosa sto cercando come produttori pensando di spegnere le luci.

Cosa possiamo imparare dalle fabbriche delle luci precedenti?
Vale la pena notare che a volte le fabbriche sono illuminate (un’officina, ad esempio, può essere in grado di correre durante la notte o nei fine settimana con i lavoratori in servizio, ma non fisicamente sul posto). In alcuni casi, l’aumento dell’automazione può migliorare la sicurezza dei lavoratori .

Storicamente, tuttavia, la maggior parte delle fabbriche si è spenta. La domanda diventa: “Perché?”

Ci sono molte ragioni ( costo e manutenzione , ad esempio), ma sono tutte subordinate a due fatti:


1.) il lavoro di fabbricazione è complesso e 2.) l’automazione è inflessibile.

C’è un’idea sbagliata che il lavoro di produzione sia noioso e ripetitivo. In realtà, l’assemblaggio manuale richiede un’enorme quantità di abilità individuali. Le moderne linee di produzione possono richiedere decisioni e sensibilità difficili da replicare con algoritmi e robot.

L’ingegneria necessaria per costruire linee completamente automatizzate è sconcertante e, se si rompono, diagnosticare e risolvere il problema è un compito altrettanto difficile. Anche fabbricando luminari come Apple AAPL ha scoperto che è difficile abbinare flessibilità e precisione umane.

Tentativi precedenti di spegnere le luci hanno scoperto che la flessibilità umana è la migliore soluzione per la complessità della produzione.

La chiave per ottenere l’automazione, giusto? Fai evolvere il nostro modo di lavorare.
Il problema con le fabbriche di luci spente non è mai stato con l’idea che alcuni lavori dovrebbero essere automatizzati. Esistono attività sbagliate. Come ha recentemente affermato un analista , “ammettiamolo: per alcune aziende rimuovere la carta o eliminare un processo manuale sarebbe una rivelazione”.

Il problema è che la mossa per eliminare il lavoro umano si basa su un presupposto errato: se l’automazione è più efficiente e meno soggetta a errori rispetto agli umani, allora una maggiore automazione porterà a una maggiore efficienza.

Questo cambiamento di enfasi è importante perché riconosce la causa principale della scarsa prestazione umana.

Gli umani commettono errori. Sappiamo tutti che il cliché “errare è umano …” Ciò che la prospettiva pessimistica sulla prestazione umana sbaglia è che la maggior parte dell’errore umano non è attribuibile ad errori. È un prodotto di cattiva progettazione del sistema.

In una sintesi di anni di ricerca sulle prestazioni umane, la progettazione di sistemi e gli errori sul posto di lavoro, il Dipartimento dell’Energia è giunto a una conclusione sorprendente. Il gruppo ha scoperto che fino al 70% degli errori umani sono realmente attribuiti a “debolezze organizzative”. In altre parole, gli esseri umani commettono errori perché flussi di lavoro complessi o mal progettati li fanno fallire.

Questa osservazione è la chiave per ottenere l’automazione giusta.

Non abbiamo bisogno di sostituire gli umani. È vero il contrario. Dobbiamo aiutare gli umani a fare ciò che fanno meglio e lasciare che l’automazione regni su compiti ripetitivi e noiosi.

In altre parole, i produttori dovrebbero concentrarsi sui “processi di spegnimento delle luci, non sulle fabbriche di illuminazione”.

Aumento, non automazione
Tentativi passati di fabbriche di luci spente ci hanno mostrato che è un errore progettare gli umani fuori dalla fabbrica. Piuttosto, i produttori faranno meglio automatizzando le parti del lavoro di fabbricazione che contribuiscono all’errore umano. L’obiettivo dovrebbe essere quello di responsabilizzare i lavoratori, di cambiare il loro modo di lavorare piuttosto che cambiare il fatto di lavorare.

Ecco alcune cose che ogni produttore che valuta l’automazione dovrebbe prendere in considerazione.

Comprendi le attività che desideri automatizzare
Quando stai cercando di sostituire un’attività con un robot o un software, pensa a cosa è esattamente, che stai automatizzando. È la raccolta di dati? Un processo manuale? Dove e come sono coinvolti i lavoratori? Quello che sembra un’attività è in realtà una raccolta di molte attività? L’introduzione dell’automazione migliorerà la sicurezza dei lavoratori? Rispondere a queste domande ti aiuterà a capire la natura dell’impegno umano e ti avvicinerà a una soluzione che funziona.

Concentrarsi sui processi
Negli ultimi anni, i principali analisti hanno chiesto ai produttori di ripensare i loro processi. Quindi, invece di aggiungere robot per rendere più efficienti i vecchi processi, i produttori dovrebbero reinventare il modo in cui creano i loro prodotti. Il fattore critico qui è pensare a come gli umani si adattano a quei processi e come i flussi di lavoro possono essere riprogettati per migliorare le prestazioni umane.

Aumento, non automazione
Questo mantra può aiutarci a pensare a come uscire dalle luci fuori dal dilemma della fabbrica. Invece di pensare all’automazione come ad uno o, pensa all’automazione come un modo per aumentare le prestazioni umane. Elimina le cattive attività, consente ai lavoratori di fare di più ed evolve l’aspetto del lavoro di produzione.

conclusioni
In questo post ho sostenuto che i produttori dovrebbero adottare una visione più ottimistica del potenziale umano. Una visione che riconosce gli esseri umani come essenziali e funziona da lì.

Storicamente, le organizzazioni hanno risposto alle crisi utilizzando l’automazione per sostituire il lavoro umano . Ma come abbiamo recensito qui, c’è un modo migliore.

Le organizzazioni che trovano il modo di sposare il potenziamento e l’automazione – per costruire flussi di lavoro che migliorano le prestazioni umane – saranno le migliori per quello che verrà dopo.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi