Home / AI Intelligenza Artificiale / Blockchain e robot

Blockchain e robot

La tecnologia blockchain potrebbe fungere da strumento di comunicazione per team di robot 

 Una nuova ricerca del Massachusetts Institute of Technology (MIT) dimostra come la tecnologia blockchain potrebbe essere utilizzata come strumento di comunicazione per un team di robot, fornendo sicurezza contro l’inganno. La ricerca è stata una collaborazione tra il MIT e l’Università Politecnica di Madrid ed è stata pubblicata su IEEE Transactions on Robotics .

La nuova ricerca potrebbe avere un impatto sui sistemi multi-robot di auto a guida autonoma, che consegnano merci e trasportano persone in determinate città. 

Blockchain tra i robot
Nel caso dei robot, la blockchain può offrire una registrazione di tutti i messaggi emessi dai leader del team di robot, il che consentirebbe ai robot follower di identificare le incongruenze nella traccia delle informazioni.

I token vengono utilizzati dai leader dei robot per segnalare movimenti e aggiungere transazioni alla catena e perderebbero questi token quando mentono. Ciò significa che il sistema di comunicazione limiterebbe il numero di bugie che un robot hackerato potrebbe diffondere. 

Eduardo Castelló è Marie Curie Fellow al MIT Media Lab e autore principale dell’articolo.

“Il mondo della blockchain al di là del discorso sulla criptovaluta ha molte cose sotto il cofano che possono creare nuovi modi di comprendere i protocolli di sicurezza”, afferma Castelló.

Nello studio basato sulla simulazione, ogni blocco memorizzava informazioni su una serie di direzioni da un robot leader ai seguaci. Nel caso in cui un robot compromesso tenti di alterare il contenuto di un blocco, cambierà l’hash del blocco. Ciò significa che il blocco modificato non sarebbe più collegato alla catena e i robot follower ignorerebbero le direzioni alterate. 

Questo sistema consente inoltre ai follower di vedere tutte le indicazioni emesse dai robot leader per sapere dove sono stati fuorviati. 

Il sistema Blockchain
In questo nuovo sistema, ogni leader riceve un numero fisso di token che possono utilizzare per aggiungere transazioni alla catena, con ogni transazione che richiede un token. Quando i seguaci determinano che le informazioni in un blocco sono false, il leader perde il token. I robot che hanno esaurito i token non hanno più la capacità di inviare messaggi. 

“Abbiamo immaginato un sistema in cui mentire costa denaro. Quando i robot dannosi esauriscono i token, non possono più diffondere bugie. Quindi, puoi limitare o limitare le bugie a cui il sistema può esporre i robot”, afferma Castelló.

Il sistema è stato testato simulando più situazioni di follow-the-leader in cui il numero di robot maligni era noto o sconosciuto. I leader hanno utilizzato la blockchain per inviare indicazioni ai robot follower che si sono mossi su un piano catesiano e i leader malintenzionati hanno inviato indicazioni errate o hanno cercato di bloccare i follower. 

Queste simulazioni hanno dimostrato che quando i robot follower sono stati inizialmente fuorviati, il sistema basato sulle transazioni ha permesso loro di raggiungere comunque la loro destinazione finale. 

“Poiché sappiamo come le bugie possono avere un impatto sul sistema e il massimo danno che un robot dannoso può causare nel sistema, possiamo calcolare il limite massimo di quanto potrebbe essere fuorviato lo sciame. Quindi, potremmo dire, se hai robot con una certa durata della batteria, non importa chi hackera il sistema, i robot avranno abbastanza batteria per raggiungere il loro obiettivo”, afferma Castelló.

Il team di ricerca ora cercherà di creare nuovi sistemi di sicurezza per i robot utilizzando interazioni basate sulle transazioni, che secondo Castelló potrebbero creare fiducia tra esseri umani e macchine.

“Quando trasformi questi sistemi robotici in un’infrastruttura robotica pubblica, li esponi ad attori dannosi e guasti. Queste tecniche sono utili per essere in grado di convalidare, verificare e comprendere che il sistema non diventerà canaglia. Anche se alcuni membri del sistema vengono violati, non farà crollare l’infrastruttura”, afferma.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi