Braccio robotico flessibile messo in funzione con AR
 
Un braccio robotico malleabile progettato e realizzato all’Imperial College di Londra può essere utilizzato con maggiore precisione grazie agli occhiali di realtà aumentata (AR). 


Secondo Imperial, il braccio flessibile può ruotare e girare in tutte le direzioni, rendendolo personalizzabile per applicazioni nella produzione, manutenzione di veicoli spaziali e riabilitazione di lesioni.

Durante l’uso, le persone che lavorano con il robot piegano manualmente il braccio nella forma precisa necessaria per ogni attività, un livello di flessibilità reso possibile da strati di fogli di mylar all’interno, che scorrono l’uno sull’altro e possono bloccarsi in posizione. Finora, la configurazione del robot in forme specifiche senza guida ha presentato sfide. 

Per migliorare la facilità d’uso del robot, i ricercatori del laboratorio REDS (Manipolazione robotica: ingegneria, design e scienza) dell’Imperial hanno progettato un sistema per consentire agli utenti di vedere in AR come configurare il proprio robot. Indossando smartglass per realtà mista e telecamere di rilevamento del movimento, gli utenti vedono modelli e design di fronte a loro sovrapposti al loro ambiente reale. Quindi regolano il braccio robotico finché non corrisponde al modello, che diventa verde in caso di configurazione riuscita in modo che il robot possa essere bloccato in posizione.

I risultati del team sono pubblicati su IEEE Robotics & Automation Magazine . 

In una dichiarazione, l’autore senior, il dottor Nicolas Rojas, della Dyson School of Design Engineering dell’Imperial, ha affermato: “Uno dei problemi chiave nella regolazione di questi robot è l’accuratezza nella loro nuova posizione. Noi umani non siamo bravi ad assicurarci che la nuova posizione corrisponda al modello, motivo per cui abbiamo chiesto aiuto ad AR.

“Abbiamo dimostrato che l’AR può semplificare il lavoro insieme al nostro robot malleabile. L’approccio offre agli utenti una gamma di posizioni robot facili da creare, per tutti i tipi di applicazioni, senza bisogno di tanta competenza tecnica”.

Il modello AR diventa verde per indicare la configurazione riuscita (Immagine: Imperial College London)
I ricercatori hanno testato il sistema su cinque uomini di età compresa tra 20 e 26 anni con esperienza nella robotica ma nessuna esperienza nella manipolazione specifica di robot malleabili. I soggetti sono stati in grado di regolare il robot con precisione e i ricercatori hanno affermato che i loro risultati iniziali mostrano che l’AR potrebbe essere un approccio di successo per adattare i robot malleabili dopo ulteriori test e formazione degli utenti.

Le potenziali applicazioni includono la produzione, l’edilizia e la manutenzione dei veicoli. Poiché il braccio è leggero, potrebbe essere utilizzato anche su veicoli spaziali. È anche abbastanza delicato da poter essere utilizzato nella riabilitazione degli infortuni, aiutando un paziente a eseguire un esercizio mentre il suo fisioterapista ne esegue un altro.

I co-primi autori PhD, i ricercatori Alex Ranne e Angus Clark, hanno affermato: “In molti modi può essere visto come un terzo braccio distaccato, più flessibile. Potrebbe essere d’aiuto in molte situazioni in cui un arto in più potrebbe tornare utile e aiutare a distribuire il carico di lavoro”.

I ricercatori stanno perfezionando il robot e il suo componente AR. Successivamente esamineranno l’introduzione di elementi tattili e audio nell’AR per aumentarne la precisione nella configurazione del robot.

Stanno anche cercando di rafforzare i robot. Sebbene la loro flessibilità e morbidezza li renda più facili da configurare e forse anche più sicuri per lavorare insieme agli esseri umani, sono meno rigidi mentre sono in posizione bloccata, il che potrebbe influire sulla precisione e accuratezza. 

imperial college da youtube

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi